ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Omeopatia e placebo

Non è vero che non esiste il placebo nei bambini. Esiste un "placebo del genitore": fare una cura, quale che sia, spesso genera comunque un sentimento positivo.

a cura di: Dott. Giuseppe Varrasi (pediatra)

Utilizzo una pomatina a base di Arnica per contusioni varie e sembra che funzioni. L'omeopatia agisce anche sui bambini dove non dovrebbe esistere l'effetto placebo? Quando e per cosa utilizzare prodotti omoeopatici?

Ci sono almeno tre obiezioni da fare, dal punto di vista scientifico: non è vero che non esiste il placebo nei bambini: nell'applicare la pomata lei coccola il bambino, gli dimostra la sua attenzione e ne allevia l'ansia. È perfettamente dimostrato, già dall'età del lattante, che le premure della mamma alleviano le coliche gassose al pari di farmaci o altre terapie; esiste comunque un "placebo del genitore": fare una cura, quale che sia, spesso genera comunque un sentimento positivo ("sto facendo qualcosa di utile, per il suo bene"), che può ovviamente influenzare la valutazione dei risultati; "sembra che funzioni" non è una prova scientifica: se volessimo esserne sicuri, dovremmo comparare diversi prodotti (fra cui anche una crema inerte, come placebo) e verificarne gli effetti; dovremmo selezionare i pazienti perché abbiano contusioni di entità simile; dovremmo metterci d'accordo su come valutare gli effetti (gonfiore? colore dell'ecchimosi? tempo necessario perché la pelle torni normale?).

Vede che, se non teniamo conto di questo, rimaniamo a livello di impressioni soggettive e, per questo, poco utili alla conoscenza medica. Quando la pratica omeopatica avrà dato risposta (in termini scientificamente corretti) a questi dubbi, potrà essere considerata una terapia efficace. Altrimenti, rimarrà un costoso placebo.

Guardi l'ho scritto: "Ci posso credere?" nella rubrica SAPERNE DI PIU' di MAMMAePAPA. La questione della sperimentazione clinica di una terapia viene affrontata dal punto di vista del metodo.

1/2/1998

12/11/2016

I commenti dei lettori

Uso da qualche settimana uno stick all'arnica (arnidol) e ho notato che quando avvicino lo stick la mia bimba sembra tranquillizzarsi...non so se è un effetto placebo o cosa ma non lo saprei spiegare... cmq un effetto positivo :-)

sara (AQ) 10/10/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Omeopatia e placebo"

Ci si può curare con l'omeopatia?
L'Omeopatia rientra nella sfera delle cure naturali e fa parte della cosiddetta "medicina alternativa".
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Aorta bicuspide
L'aorta bicuspide è una malformazione o meglio una variante minoritaria della normalità: la valvola aortica ha normalmente tre cuspidi.
Idronefrosi
L'idronefrosi congenita è una dilatazione del pelvi renale e dei calici renali dovuta ad una anomalia congenita della giunzione tra il rene e l'uretere.
Rosolia in gravidanza
La rosolia diventa pericolosa durante la gravidanza perché può portare gravi conseguenze al feto.
Le crisi di collera
Le crisi di collera sono un modo impulsivo col quale il bambino esprime la rabbia. Occorre insegnargli ad esprimere il suo disagio attraverso modi appropriati.
Morso incrociato
Il morso incrociato è un'anomalia per la quale i denti superiori cadono, nel contatto occlusale, internamente rispetto agli inferiori.

Quiz della settimana

Che cos'è un antigene?
Una sostanza che, introdotta in un organismo, induce una risposta immunitaria
Una cellula in grado di fagocitare le particelle estranee all'organismo
Una cellula che produce le proteine necessarie alla difesa dell'organismo
Un sinonimo di anticorpo