ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Orticaria gigante recidiva

Da più di tre anni soffre di orticaria gigante recidiva. Tutti gli esami hanno dato esito negativo. In età pediatrica l'evoluzione dell'Orticaria Cronica è di solito favorevole.

a cura di: Dott. Alfredo Boccaccino (allergologo)

Nostra figlia ha 6 anni e mezzo e da più di tre anni soffre di orticaria gigante recidiva. Da allora non c'è stato giorno senza la comparsa di questo fenomeno. Tutti gli esami (Prick Test, esami clinici, ricerca di parassiti, ecc.) a cui è stata sottoposta hanno dato esito negativo. Pare non ci sia nessun fattore scatenante. Quotidianamente la bimba assume antistaminici, con alternanza bimensile, in assenza dei quali si riempie di pomfi in tutto il corpo. Il fenomeno è solo a livello cutaneo. Cosa ci consigliate?

L'orticaria è un fenomeno molto frequente in età pediatrica: secondo alcune statistiche il 20% della popolazione infantile ha presentato almeno un episodio di orticaria. Responsabile del sintomo è l'eccessiva vasodilatazione dei capillari della cute (precisamente del tessuto sottocutaneo), causata da liberazione anomala di mediatori chimici quali, istamina, serotonina, prostaglandine, acetilcolina e leucotrieni. L'elemento lesionale caratteristico è il pomfo, che si evidenzia come placca edematosa, pruriginosa e di colore rosso (eritema), con possibile impallidimento centrale (aspetto marginato). I margini sono di solito irregolari e le dimensioni variabili; altra caratteristica è la fugacità dei pomfi, con rapida scomparsa ed altrettanto rapida recidiva. Se le dimensioni del pomfo superano quelle solite, si parla di Orticaria gigante. La classificazione della malattia varia in base agli autori che la trattano, per cui si parla di orticaria acuta o cronica, su base immunologica e non immunologica, a causa nota ed a causa sconosciuta.

E' interessante sapere due cose fondamentali: l'orticaria è nella maggior parte dei casi (fino al 70%) a causa sconosciuta e quasi tutto può causare orticaria. Infatti un'analisi delle cause mette in campo le allergie (farmaci, alimenti, pollini), le infezioni (batteri, virus, parassiti), le cause fisiche (freddo, caldo, raggi UV, pressione sulla cute e perfino l'acqua), la costituzione del paziente (facilità a liberare mediatori chimici), il contatto con sostanze particolari (peli di processionaria, piante urticanti), emozioni e sforzi (orticaria colinergica) e fattori genetici, come il deficit di inibitore della C1 esterasi (C1INH). Nel caso della vostra bambina si tratta di Orticaria gigante cronica a causa non determinata (idiopatica). Naturalmente l'orticaria cronica è tale proprio perché la causa non è chiara, altrimenti si risolverebbe con maggiore facilità.

In età pediatrica l'evoluzione dell'Orticaria Cronica è di solito favorevole, ma nel corso di anni, per cui è necessario protrarre molto a lungo il trattamento antistaminico ed aspettare che la reattività cutanea migliori con il tempo. Se gli antistaminici riescono a dominare la sintomatologia non è necessario usare altri farmaci, altrimenti si può far ricorso ad una associazione dell’antistaminico con un anti-H2 (Ranitidina) o con un antiserotoninico (cinnarizina).
Sarebbe consigliabile ricercare nel frattempo, se non è stato già fatto, le cause più rare di orticaria tra cui si possono annoverare l'intolleranza al glutine e il deficit di C1INH. Per fare ciò basta effettuare una ricerca su un prelievo ematico degli anticorpi antiendomisio (EMA), di quelli antigliadina (AGA IgA) ed un dosaggio del C1INH.

12/12/1999

17/4/2018

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Orticaria gigante recidiva"

Mastocitosi bollosa
La mastocitosi bollosa, malattia peraltro benigna anche se assai fastidiosa, non è guaribile farmacologicamente.
Orticaria
Si è svegliato con il corpo pieno di macchie rosse. Come si manifesta l'orticaria e quali sono le cause e i fattori scatenanti.
Pomfi: bollicine simili a punture di zanzara.
I pomfi sono lesioni cutanee che assomigliano a punture di insetto e che svaniscono nell'arco di poche ore.
Toccare una processionaria
Mio figlio ha toccato una processionaria che gli ha provocato una reazione allergica.
Orticaria cronica
Soffre di orticaria cronica, ma le cause sono molto numerose e, quindi, non deve sorprendere se l'orticaria cronica rimane senza causa.
Orticaria vasculitica
Fenomeni vistosi ma del tutto benigni
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Le crisi di collera
Le crisi di collera sono un modo impulsivo col quale il bambino esprime la rabbia. Occorre insegnargli ad esprimere il suo disagio attraverso modi appropriati.
Morso incrociato
Il morso incrociato è un'anomalia per la quale i denti superiori cadono, nel contatto occlusale, internamente rispetto agli inferiori.
Quando iniziare lo svezzamento in caso di allattamento al seno?
Iniziare lo svezzamento a sei mesi o continuare con il solo allattamento al seno? I consigli del Pediatra nutrizionista.
Fotografare un neonato con il flash
Non esiste alcuna ragione per temere effetti negativi da flash di una macchina fotografica.
La parotite
La parotite è una malattia virale, trasmessa mediante le goccioline di saliva. Il periodo di incubazione della malattia è in genere compreso fra 14 e 21 giorni.

Quiz della settimana

Che cos'è un antigene?
Una sostanza che, introdotta in un organismo, induce una risposta immunitaria
Una cellula in grado di fagocitare le particelle estranee all'organismo
Una cellula che produce le proteine necessarie alla difesa dell'organismo
Un sinonimo di anticorpo