ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

La malattia di Osgood-Schlatter

La Malattia di Osgood-Schlatter è una malattia del ginocchio, in cui il dolore si localizza sotto la rotula. E' dovuta all'azione traumatica esercitata per ripetuta trazione dal tendine rotuleo.

a cura di: Dott. Roberto Bussi (pediatra)

1° domanda: vorrei avere delle informazioni riguardo al morbo di Osgood-Schlatter. Sto facendo ricerche in Internet per sapere se si é trovata una cura in quanto una mia amica ne soffre da circa otto anni e i dottori, dopo averla operata, dicono che l'unica cosa per non far peggiorare la malattia sia di non sforzare il ginocchio (per non far ritornare la calcificazione).
2° domanda: hanno diagnosticato a mio figlio dodicenne la malattia di Osgood-Schlatter. Vorrei sapere qualcosa su questa malattia e sulle terapie.

La malattia di Osgood-Schlatter è tre volte più frequente nei maschi che nelle femmine. In genere compare nei maschi fra gli 11 e i 15 anni e nelle femmine fra gli 8 e i 13 anni. Di solito si tratta di soggetti che praticano attivamente sport (calcio, corsa, pallavolo, ginnastica, ecc.) ed ha una storia naturale quasi sempre benigna. E' di frequente osservazione da parte del Pediatra di famiglia.

E' dovuta all'azione traumatica esercitata per ripetuta trazione dal tendine rotuleo sulla sua inserzione a livello dell'apofisi tibiale (struttura ancora in parte cartilaginea in queste età, situata nella gamba subito al di sotto del ginocchio) durante la contrazione del muscolo quadricipite femorale (il grosso muscolo estensore della gamba che forma la parte anteriore della coscia).

Durante l'attività sportiva, in cui si verifica una ripetuta estensione del ginocchio, si determinano, nel punto di inserzione con l’apofisi tibiale, delle microfratture cartilaginee con successivi fenomeni infiammatori locali che provocano dolore, soprattutto dopo sforzo, e tumefazione.

Quando l'apofisi tibiale si ossifica completamente, l'inserzione del potente tendine rotuleo non avviene più su una debole struttura cartilaginea, ma su una zona ossea e così il dolore si esaurisce La diagnosi è clinica per la presenza di dolore e di tumefazione nella sede dell'apofisi tibiale. Può essere confermata radiologicamente mostrando la frammentazione dell'apofisi tibiale.

La terapia per un ragazzo di questa età è piuttosto "costosa": richiede infatti, almeno nella fase acuta dolorosa, riposo ed astensione dall'attività sportiva (soprattutto calcio e corsa, eventualmente sostituiti dal nuoto ed altri sport con minore sforzo del quadricipite femorale). Possono essere utili blandi antiinfiammatori.

Discussa l'immobilizzazione del ginocchio con apparecchio gessato. Sembrano utili invece esercizi di stretching del muscolo quadricipite femorale: allungando infatti il muscolo, si diminuisce la trazione esercitata dal tendine rotuleo sull'apofisi tibiale. Il riposo viene richiesto per almeno 1-2 mesi dopo i quali è possibile una graduale ripresa dell'attività sportiva pur continuando gli esercizi di stretching.

Una completa risoluzione grazie ad una guarigione fisiologica richiede solitamente 12-24 mesi. Nella domanda il lettore di Pediatria On Line non precisa l'età dell’amica, ma si deve desumere che ella sia in tarda adolescenza e che il suo rappresenti uno di quei rari casi più complessi.

1/10/1998

29/4/2015

I commenti dei lettori

Anche io ho la sindrome di Osgood-Schlatter da due anni al ginocchio sinistro. Ho fatto 3 radiografie con lo stesso risultato, sono andato da una specialista la quale ha riferito che potrebbe continuare per altri 2 anni. Ho 14 anni e di aspettare altri 2 anni prima di riprendere calcio non ne ho voglia. potrebbe darmi qualche consiglio?

giacomo (PV) 27/12/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "La malattia di Osgood-Schlatter"

Ginocchio valgo
il valgismo fisiologico delle ginocchia non richiede per una sua correzione alcun trattamento.
Dolore alle ginocchia
Soffre di dolori alle ginocchia sia quando fa attività fisica sia in condizione di riposo. Anche l'uso dei plantari non ha portato miglioramenti.
Ha le ginocchia a X
Il ginocchio valgo (volgarmente detto a "X") ed il piede lasso con retropiede valgo non sono delle forme patologiche.
Osteocondrite del ginocchio
Osteocondrite del ginocchio. Quali sono le terapie più indicate? La terapia, nella maggior parte dei casi, consiste nel riposo e nel monitorare il decorso.
Gambe curve verso l'interno
Un quadro di varismo parafisiologico in un bambino di due anni andrà seguito solo clinicamente nel tempo e tenderà a risolversi spontaneamente con la crescita.
Ha le tibie vare
Mia figlia di 5 anni presenta tibie vare. Come si può correggere questo problema?
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Dieta di scatenamento
La dieta di scatenamento consiste nel provare una serie di alimenti per individuare quello responsabile dell'allergia.
Non racconta nulla di quello che succede a scuola
Quando le chiedo cosa ha fatto a scuola mi risponde che non sa, non si ricorda. E non ci racconta nulla. I consigli della psicologa.
Torcicollo congenito
Il torcicollo congenito è una deformità presente alla nascita. Non è sempre necessario l'intervento chirurgico.
Aumento di peso in gravidanza
L'aumento di peso nell'arco dell'intera gravidanza normalmente si aggira tra i 7 e i 14 kg complessivi.
Calo di peso nel neonato
Il calo di peso è normale nei primi giorni di vita del neonato. Si considera normale che un neonato a termine recuperi il peso della nascita entro 8-10 giorni.

Quiz della settimana

Che cosa e' il meconio?
Una secrezione densa emessa dalla bocca del neonato al momento della nascita
Una sostanza emessa dall'intestino del neonato
Una sostanza vischiosa proveniente dal naso del neonato
Nessuna delle risposte corretta