ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Ossiuri

Gli ossiuri sono vermi piccoli, bianchi, molto mobili, filiformi con la coda puntuta. Quando si evidenzia l'ossiuriasi in un bambino è bene curare tutta la famiglia.

a cura di: Dott.ssa Tiziana Candusso (pediatra)

Mio figlio ha preso gli ossiuri: che fare?

L'ossiuriasi è una infestazione intestinale provocata da un nematode (una delle categorie di vermi): Oxyuris Enterobius vermicularis. E' un verme piccolo, bianco, molto mobile, filiforme con la coda puntuta. Il maschio è lungo 3 - 5 mm e la femmina 9 - 12 mm. Le uova (microscopiche) sono lisce, oblunghe, rivestite da una membrana sottile; nell'interno sono visibili i primi stadi dello sviluppo embrionario. L'accoppiamento dei vermi sessualmente maturi avviene nell'intestino ileo-cecale dell'uomo (compresa l'appendice). La femmina fecondata migra in 5 - 12 settimane con l'utero ripieno di uova (circa 10.000) nel colon e nel retto fino alla regiona anale. Durante le ore del sonno del soggetto ospite, fuoriesce dall'ano eliminando tutte le uova e muore.

Le uova maturano nelle regione anale, perineale e vulvare in 4 - 6 ore. Il bambino generalmente si infesta per via orale portando alla bocca le mani sporche dopo grattamento o per contatto con oggetti da toeletta, giocattoli, biancheria personale e da letto o per la polvere del letto e dell'ambiente; più rara l'infestazione delle uova cadute sul terreno, su erbaggi e su frutta.

L'ossiuriasi raggiunge nella prima infanzia la frequenza del 40 - 70%. La prognosi è buona. La sintomatologia clinica più importante è costituita dal prurito anale e perineale (il perineo è la zona compresa fra i genitali e l'ano), nelle bambine anche vulvare. Il prurito è determinato dal movimento dei vermi, può disturbare il riposo notturno e provocare, per grattamento, erosioni sanguinanti perineali e, nelle bambine, talvolta masturbazione.

Si possono manifestare: reazioni allergiche (asma, orticaria, eritemi, eczemi); disturbi gastroenterici (vomito, nausea, dolori addominali, irregolarità dell'alvo); disturbi neurologici (cefalea, irrequietezza, vertigini, incontinenza di urina e tenesmo rettale); infezioni delle vie urinarie appendicite.

La diagnosi si basa sulla presenza di ossiuri o di uova nelle feci o sulla regione anale (esame parassitologico o visione diretta). Per mettere in evidenza le uova si applica sull'ano al mattino una striscia di adesivo trasperente (scotch-test) e la si asporta dopo un'ora, la si applica con olio su un vetrino e la si osserva a piccolo ingrandimento al microscopio: se ci sono uova di ossiuri, esse rimangono attaccate allo scotch e sono visibili al microscopio.

La terapia si basa sull'uso di farmaci antiparassitari come il pamoato di pyrvinium, il pirantel pamoato, il mebendazolo e l'albendazolo; genericamente la terapia si effettua per bocca in unica dose, ripetendola dopo 10 -20 giorni (per avere la certezza di eliminare anche i vermi nati da uova dischiuse successivamente alla prima dose). Importante la profilassi igienica (lavare spesso le mani, tagliare le unghie, lavare spesso i genitali, evitare la promiscuità).

Quando si evidenzia l'ossiuriasi in un bambino è bene curare tutta la famiglia.

1/11/1997

16/10/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Ossiuri"

Sangue nelle feci
Nel segnalare la presenza di sangue nelle feci occorre sempre descrivere se il sangue è di colore rosso vivo, se è mischiato alle feci o contiene muco.
Prurito vaginale insistente
Ho una bambina di otto anni che da circa due anni soffre di prurito vaginale insistente. Cause e terapia.
Dermatite atopica
La dermatite atopica è una malattia cronica della pelle dei bambini, il cui sintomo più costante e fastidioso è il prurito.
Vulvovaginite
L'irritazione vulvovaginale deriva dalla mancanza dei cuscinetti adiposi labiali e dei peli pubici che proteggono i genitali esterni.
Zecche
Le zecche sono parassiti che possono causare un processo infiammatorio locale nella sede della puntura.
Pidocchi cura e prevenzione
I pidocchi vivono sui capelli e si cibano di sangue. Si riproducono attraverso le uova che si chiamano lendini. I consigli sulla prevenzione e sulla cura.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Esistono rapporti tra l'asma e la dermatite atopica?
La dermatite atopica è un'affezione infiammatoria della cute che colpisce circa il 10-12% dei bambini di età inferiore ai 7 anni.
Mostrarci nudi
Non ci facciamo problemi a mostrarci nudi davanti a nostra figlia. E' un atteggiamento corretto? I consigli della psicologa.
Spasmi affettivi
Gli spasmi affettivi sono una crisi emotiva: per una causa anche banale, il bambino piange, trattiene il fiato. Quali sono le cause e come comportarsi.
Il ciuccio per un neonato
Il ciuccio può essere di due tipi: a ciliegia (forma rotonda più adatta ai neonati) o anatomico (a forma di goccia). I consigli del Pediatra.
Il tritest
Il tritest è un esame, da fare in gravidanza, per stimare il rischio di avere un figlio affetto da sindrome di Down.

Quiz della settimana

Quale delle seguenti affermazioni riguardanti il paracetamolo è sbagliata?
Calma il dolore
Ha una forte azione anti-infiammatoria
Viene ben tollerato a livello gastrointestinale
Puo' essere somministrato durante l'allattamento