ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Ossiuri

Gli ossiuri sono vermi piccoli, bianchi, molto mobili, filiformi con la coda puntuta. Quando si evidenzia l'ossiuriasi in un bambino è bene curare tutta la famiglia.

a cura di: Dott.ssa Tiziana Candusso (pediatra)

Mio figlio ha preso gli ossiuri: che fare?

L'ossiuriasi è una infestazione intestinale provocata da un nematode (una delle categorie di vermi): Oxyuris Enterobius vermicularis. E' un verme piccolo, bianco, molto mobile, filiforme con la coda puntuta. Il maschio è lungo 3 - 5 mm e la femmina 9 - 12 mm. Le uova (microscopiche) sono lisce, oblunghe, rivestite da una membrana sottile; nell'interno sono visibili i primi stadi dello sviluppo embrionario. L'accoppiamento dei vermi sessualmente maturi avviene nell'intestino ileo-cecale dell'uomo (compresa l'appendice). La femmina fecondata migra in 5 - 12 settimane con l'utero ripieno di uova (circa 10.000) nel colon e nel retto fino alla regiona anale. Durante le ore del sonno del soggetto ospite, fuoriesce dall'ano eliminando tutte le uova e muore.

Le uova maturano nelle regione anale, perineale e vulvare in 4 - 6 ore. Il bambino generalmente si infesta per via orale portando alla bocca le mani sporche dopo grattamento o per contatto con oggetti da toeletta, giocattoli, biancheria personale e da letto o per la polvere del letto e dell'ambiente; più rara l'infestazione delle uova cadute sul terreno, su erbaggi e su frutta.

L'ossiuriasi raggiunge nella prima infanzia la frequenza del 40 - 70%. La prognosi è buona. La sintomatologia clinica più importante è costituita dal prurito anale e perineale (il perineo è la zona compresa fra i genitali e l'ano), nelle bambine anche vulvare. Il prurito è determinato dal movimento dei vermi, può disturbare il riposo notturno e provocare, per grattamento, erosioni sanguinanti perineali e, nelle bambine, talvolta masturbazione.

Si possono manifestare: reazioni allergiche (asma, orticaria, eritemi, eczemi); disturbi gastroenterici (vomito, nausea, dolori addominali, irregolarità dell'alvo); disturbi neurologici (cefalea, irrequietezza, vertigini, incontinenza di urina e tenesmo rettale); infezioni delle vie urinarie appendicite.

La diagnosi si basa sulla presenza di ossiuri o di uova nelle feci o sulla regione anale (esame parassitologico o visione diretta). Per mettere in evidenza le uova si applica sull'ano al mattino una striscia di adesivo trasperente (scotch-test) e la si asporta dopo un'ora, la si applica con olio su un vetrino e la si osserva a piccolo ingrandimento al microscopio: se ci sono uova di ossiuri, esse rimangono attaccate allo scotch e sono visibili al microscopio.

La terapia si basa sull'uso di farmaci antiparassitari come il pamoato di pyrvinium, il pirantel pamoato, il mebendazolo e l'albendazolo; genericamente la terapia si effettua per bocca in unica dose, ripetendola dopo 10 -20 giorni (per avere la certezza di eliminare anche i vermi nati da uova dischiuse successivamente alla prima dose). Importante la profilassi igienica (lavare spesso le mani, tagliare le unghie, lavare spesso i genitali, evitare la promiscuità).

Quando si evidenzia l'ossiuriasi in un bambino è bene curare tutta la famiglia.

1/11/1997

16/10/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Ossiuri"

Giardia
La giardiasi è un'infezione intestinale provocata da un protozoo chiamato Giardia Lamblia.
Toxoplasmosi in gravidanza: sintomi e cure
La toxoplasmosi in gravidanza può manifestarsi senza sintomi. Le cure servono a ridurre il pericolo di infezione per il fato e il neonato.
Vulvovaginite
L'irritazione vulvovaginale deriva dalla mancanza dei cuscinetti adiposi labiali e dei peli pubici che proteggono i genitali esterni.
Gli ossiuri nel bambino
L'infezione da ossiuri è molto contagiosa. Il più comune è senz’altro prurito intorno al retto.
Sangue nelle feci
Nel segnalare la presenza di sangue nelle feci occorre sempre descrivere se il sangue è di colore rosso vivo, se è mischiato alle feci o contiene muco.
Disidrosi
La disidrosi è un disturbo della pelle con prurito, formazione di vescicole e desquamazione alle dita delle mani e dei piedi.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Acyclovir per la varicella
Perché alcuni pediatri sono restii a somministrare l'acyclovir in caso di varicella? I consigli del Pediatra.
Allattamento al seno: da che lato attaccarlo al seno?
E' consigliabile iniziare ogni allattamento con lo stesso seno con il quale si è terminata la poppata precedente.
Passaggio dalla scuola materna alla scuola elementare
Oltre al cambio dalla scuola materna alla scuola elementare, mia figlia dovrà inserirsi con nuovi amici.
La terza settimana di gravidanza
Alla terza settimana di gravidanza ma non dovresti avvertire, per il momento, alcun segnale.
Sindrome di Alport
La Sindrome di Alport è la malattia più comune fra i diversi tipi di nefriti ereditarie.

Quiz della settimana

Che cosa sono le petecchie?
piccole macchioline rosse che spesso compaiono dopo sforzo
lividi dovuti ad un trauma
piccole escrescenze cutanee causate da un virus
malformazioni congenite dell'intestino