ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Osteoma osteoide

L'osteoma osteoide è una lesione ossea benigna e rappresenta circa il 12% dei tumori benigni in età pediatrica.

a cura di: Dott. Sergio Monforte (ortopedico)

Vorrei sapere che cos'è l'osteoma osteoide e come si cura.

L'osteoma osteoide è una lesione ossea benigna e rappresenta circa il 12% dei tumori benigni in età pediatrica. Colpisce più frequentemente il sesso maschile (rapporto 2:1) in età adolescenziale (90% dei casi). La testa del femore è la sede più frequente di localizzazione seguita dalla tibia, dagli elementi posteriori della colonna vertebrale e dall'omero.

Dal punto di vista clinico è caratterizzato da un dolore osseo scheletrico nettamente demarcato che peggiora la notte ed è frequentemente alleviato con la somministrazione di una piccola dose di FANS (classicamente l'aspirina). In circa 1/3 dei casi il dolore è così severo da essere esacerbato dalla palpazione.

Nei casi di localizzazione a carico della colonna il tumore può essere accompagnato da una scoliosi da contrattura dolorosa della muscolatura risolvibile mediamente 15-18 mesi dopo la rimozione del tumore. In letteratura non sono descritte delle trasformazioni maligne di tale lesione ossea.

Dal punto di vista diagnostico la radiologia tradizionale è utile in circa il 75% dei casi a seconda delle dimensioni del tumore e della sua localizzazione (difficile la diagnosi radiologica se a carico della colonna e della testa del femore).

La TAC con mezzo di contrasto (soprattutto se preceduta da esame scintigrafico) è la tecnica diagnostica più adeguata per una precisa localizzazione del nidus (N.d.R.: è una piccola area di osteolisi, cioè di riassorbimento osseo, circondata da una zona di osso sclerotico, corrispondente alla sede del tumore) e la conseguente decisione chirurgica.

Studi preliminari incoraggianti sembrano avvalersi della possibilità di altre tecniche diagnostiche meno invasive (ecografia ed angiografia) anche se la possibilità di falsi positivi/negativi sembra ancora relativamente alta rispetto ad altre metodiche. Il trattamento chirurgico classico è l'escissione "en bloc" del tumore.

Attualmente vengono usate, in centri specialistici, tecniche di radiologia interventistica (come l'ablazione percutanea con radio-frequenza) che stanno gradualmente soppiantando la chirurgia classica in quanto non richiedono un'ampia esposizione chirurgica, riducono i tempi di riabilitazione e degenza ed hanno un elevato indice di risoluzione a distanza (circa il 90%).

28/4/2004

13/7/2016

I commenti dei lettori

Buonasera mio figlio ha avuto per due anni un osteoma osteoide e la mia esperienza è stupendamente conclusa è stato operato alla Sapienza di Roma, appena dopo l'intervento camminava e non ha piu' avuto nessun tipo di dolore non ha avuto un intervento chirurgico ne una termoablazione percutanea no ha riportato un solo segno dell'intervento la tecnica è nuovissima ed il professore è il primo ad usarla in Italia,diversamente mi era stato proposto in altri centri un intervento chirurgico complesso e che richiedeva almeno tre mesi di riabilitazione posto questo mio commento per tutti i genitori che hanno questo tipo di problema.

Alessandra Lorenzini (CE) 08/10/2012

Mia figlia deve fare l'intervento a gennaio per osteoma osteoide al piede. Vorrei sapere, se possibile, dopo quanto potrà tornare a correre. Grazie

Mariarita 31/12/2012

mio figlio, 23 anni, operato 2 volte di osteoma al piede, di intervento con termoablazione, 2 intervento con svotamente chirurgico, continua ad avere dolore notturno, sono disperata, cosa fare?

anna (SA) 14/01/2013

alessandra, potesti dirmi il nome del professore che ha operato tuo figlio alla sapienza? grazie

valeria (UD) 25/04/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Aumento di peso in gravidanza
L'aumento di peso nell'arco dell'intera gravidanza normalmente si aggira tra i 7 e i 14 kg complessivi.
Calo di peso nel neonato
Il calo di peso è normale nei primi giorni di vita del neonato. Si considera normale che un neonato a termine recuperi il peso della nascita entro 8-10 giorni.
Servono le lenti progressive nella miopia?
Non esiste nessuna evidenza scientifica che la lente Varifocale o progressiva sia utile nella gestione della miopia.
Allattare quando riprende il ciclo?
La ripresa del ciclo non incide nell'allattamento. Sfatiamo alcune dicerie che talvolta capita di sentire.
Beclometasone dipropionato
Il principio farmacologico denominato beclometasone dipropionato appartiene alla classe dei farmaci corticosteroidi topici per uso inalatorio.

Quiz della settimana

Che cosa e' il meconio?
Una secrezione densa emessa dalla bocca del neonato al momento della nascita
Una sostanza emessa dall'intestino del neonato
Una sostanza vischiosa proveniente dal naso del neonato
Nessuna delle risposte corretta