ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Osteomielite

L'osteomielite è un'infezione che colpisce le ossa, causata da germi che possono raggiungere l'osso da focolai infettivi vicini (foruncoli, escoriazioni, ferite).

a cura di: Dott. Valdo Flori (pediatra)

Mio nipote (8 anni) 15 giorni fa improvvisamente ebbe un attacco di febbre alta e vomito. Dalla notte iniziò a lamentarsi per il dolore al tallone. All'ospedale pensarono prima ad una puntura di zecca, poi a seguito di radiografia, dalla quale non risultava nulla, di esami del sangue, dai quali risultava un'infezione nel sangue, e della scintigrafia, hanno emesso una diagnosi di osteomielite. Ora il bambino è sotto antibiotico e ha il piede ingessato. I medici che lo seguono ci dicono che fra tre settimane si saprà se è guarito o se deve essere sottoposto ad operazione chirurgica. Non conosciamo questa malattia, vorremmo qualche informazione.

L’osteomielite è un’infezione che colpisce le ossa, causata da germi che possono raggiungere l’osso da focolai infettivi vicini (foruncoli, escoriazioni, ferite …) oppure che possono provenire da un’infezione acuta (ad esempio tutto può iniziare da una banale infezione delle alte vie respiratorie, spesso addirittura anche inapparente), con conseguente passaggio del batterio nel sangue (batteriemia) e successiva localizzazione nel tessuto osseo. L’infezione può localizzarsi in qualsiasi segmento osseo, anche se di solito è più frequente nelle ossa lunghe. Il processo infettivo può rimanere localizzata nell’osso (in questo caso si parla di osteite) o, molto frequentemente, trasmettersi anche ai tessuti vicini (cartilagini, midollo osseo, articolazioni, …): in questo caso si parla rispettivamente di osteo-condrite, osteo-mielite, osteo-artrite….

Questa malattia si può manifestare a qualsiasi età, ma è più frequente nell’età infantile ed in particolare tra gli 8 ed i 15 anni. La malattia si presenta improvvisamente con sintomi generali (febbre, vomito, compromissione dello stato generale) e sintomi locali (dolore, sia spontaneo che alla pressione, tumefazione, arrossamento ...). La diagnosi viene confermata, oltre che dai sintomi aspecifici (esami del sangue: aumento della VES…) soprattutto dalla scintigrafia, che in genere evidenzia il processo infettivo molto più precocemente di una radiografia. La terapia dell’osteomielite si basa sull’uso di antibiotici e sull’immobilizzazione, assolutamente indispensabile per evitare eventuali complicazioni.

Se con la suddetta terapia non si ottiene un netto miglioramento della sintomatologia (riduzione del dolore, febbre e soprattutto normalizzazione dei parametri ematochimici), si arriva all’intervento chirurgico che ha lo scopo di "ripulire " il focolaio infettivo, per intendersi è come nel caso di un ascesso, che se non guarisce deve essere "inciso"! Normalmente si ha una completa guarigione, senza esiti. I problemi l’osteomielite li creava in epoca pre-antibiotica, quando non erano disponibili i mezzi attuali per combattere le infezioni.

1/6/1998

24/8/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Osteomielite"

La fontanella
La fontanella posteriore è di solito chiusa oltre la 6 - 8 settimana di vita. La fontanella anteriore si chiude tra il 6° e il 20° mese di vita.
Rachitismo e vitamina D
Perché si danno le gocce di vitamina D dalla nascita? Servono ad evitare il rachitismo nei bambini.
Disostosi cleido-cranica
La displasia cleido-cranica è una malattia caratterizzata da ipoplasia delle estremità anteriori delle clavicole e dei rami pubici.
Vitamina D
La vitamina D contribuisce alla calcificazione dell'osso. Il fabbisogno giornaliero da 0 a 2 anni è di 10 microgrammi (400 IU).
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Giocare a calcio a sei anni
Ci hanno sconsigliato di far giocare a calcio nostro figlio di 6 anni a causa della facilità con cui possono formarsi dei microtraumi alle ossa.
Nonni o baby-sitter?
Quando riprenderò il lavoro, sarà meglio affidare il mio bambino ai nonni o alla baby-sitter? Il consiglio della psicologa.
Omogeneizzati o liofilizzati?
Omogeneizzati e liofilizzati hanno le stesse caratteristiche nutrizionali. Nelle prime fasi dello svezzamento vengono spesso preferiti i liofilizzati.
Campagna nazionale di educazione nutrizionale
Mangiar bene conviene per investire in salute.
Certificato di nascita e altri documenti dopo il parto
Appena nato e già alle prese con la burocrazia: certificato di nascita e altri documenti dopo il parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte