ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Otiti ricorrenti: perchè si ripetono?

La ripetizione di episodi di otite media acuta in un bambino devono fare considerare se ci sono eventuali condizioni favorenti.

a cura di: Dott. Sergio Manieri (pediatria)

Mio figlio, di quasi tre anni, già sottoposto a adenoidectomia quattro mesi fa per apnee notturne ed otiti ricorrenti, dall'inizio della scuola materna ha ricominciato a soffrire di otiti ricorrenti con due episodi acuti in meno di un mese (la guarigione del primo episodio. alla fine della cura antibiotica. era stata constatata dalla Pediatra). In attesa di un eventuale drenaggio trans-timpanico e di altri accertamenti, l'otorino propone una profilassi antibiotica che, a regime, prevederebbe la somministrazione di una dose di antibiotico del gruppo dei macrolidi (azitromicina) una volta alla settimana. Vorrei sapere la vostra opinione sui vantaggi e sui rischi di una simile cura.

In effetti, la ripetizione di episodi di otite media acuta in un bambino devono indurre a considerare, in via preliminare, due importanti aspetti.

Il primo è inerente alla differenziazione, nei limiti del possibile (ed in questo il ruolo del pediatra curante è, come sempre, fondamentale), se ci troviamo di fronte ad una condizione di otite media cronica, con periodiche riacutizzazioni, oppure se si tratta di episodi recidivanti di otite media acuta.

Questa differenza è importante sopratutto per la prognosi relativa ai danni uditivi. Infatti, il bambino che guarisce totalmente tra due episodi di otite media acuta recidivante ha lo stesso rischio di danno dell'udito dei bambini con otite media acuta. Viceversa, l'otite media cronica con versamento, con periodiche riacutizzazioni, si accompagna, di solito, alla perdita della capacità uditiva di grado variabile con una probabilità sicuramente più elevata rispetto alla condizione precedente. Invece, l'approccio terapeutico delle due condizioni è sostanzialmente molto simile anche se, in presenza di otite media cronica, la profilassi antimicrobica per la prevenzione degli episodi di otite media acuta recidivante non è molto raccomandata. Infatti, quando è presente un essudato cronico che non è responsivo ad un'adeguata terapia antimicrobica, la forma più efficace di prevenzione e trattamento è l'intervento chirurgico.

Il secondo aspetto da considerare è quello volto ad individuare l'esistenza di eventuali condizioni favorenti il ripetersi di infezioni a carico dell'orecchio, quali sinusiti paranasali, allergie del tratto respiratorio superiore, condizioni di immunodeficienze (molto comune il deficit di IgA), perché in questi casi occorre agire su di esse per sperare in un sicuro successo.

Pertanto, ai genitori di un bambino che soffre di episodi recidivanti di otite media acuta e nel quale il versamento endotimpanico è stato risolto, vengono offerte diverse possibilità:

  • un'adeguata terapia antibiotica ad ogni successivo episodio di otite media acuta;
  • una profilassi antibiotica;
  • la miringotomia (N.d.R.: incisione della membrana del timpano) e l'innesto di un tubicino trans-timpanico di drenaggio;
  • l'adenoidectomia (che nel nostro caso è stata già effettuata).

Infine, per quel che concerne la profilassi antimicrobica (che viene enfatizzata nella domanda del genitore), posso rispondere che, per i bambini che hanno frequenti episodi di otite media acuta (quattro o più episodi negli ultimi 12 mesi con il più recente avvenuto negli ultimi sei mesi) e che non hanno versamento endotimpanico, è senz'altro scelta prioritaria la somministrazione di un antibiotico (che il suo pediatra saprà indicare) a dose ridotta, da somministrare continuativamente durante le stagioni a maggior rischio. Non vi sono controindicazioni verso questo tipo di trattamento che, invece, spesso si dimostra efficace e risolutivo.

12/12/2002

27/12/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Otiti ricorrenti: perchè si ripetono?"

Otiti ricorrenti
Le otiti sono infezioni acute dell'orecchio che possono essere ricorrenti nei bambini piccoli.
Otiti ricorrenti: prevenzione
Se il bambino fa otiti ricorrenti, si possono applicare diversi metodi di prevenzione: antibiotici, togliere le adenoidi, mettere un drenaggio.
Otiti ricorrenti e allergia
Mio figlio soffre di otiti ricorrenti. Possono essere causate da allergia?
Drenaggio trans-timpanico
Il drenaggio trans-timpanico è un intervento al timpano: viene posizionato un tubicino di ventilazione per rimuovere il catarro dall'orecchio.
Ha catarro nelle orecchie e ci sente poco
L'otite media secretiva è caratterizzato dalla formazione nella cassa del timpano di un versamento siero-mucoso o muco-gelatinoso.
Insufflazioni endotimpaniche o cateterismo tubarico
Le insufflazioni endotimpaniche (cataterismo tubarico) rappresentano il metodo più valido per portare acqua termale all'interno dell'orecchio.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Fatica a piegare il ginocchio: menisco discoide
Il menisco discoide è un'affezione congenita che consiste in una alterata forma e dimensione a carico di un menisco.
Perdite vaginali in età pediatrica
Le perdite vaginali in età pediatrica sono attribuibili a flogosi, di varia entità, a carico della vulva e della vagina.
Vomito ciclico
Il vomito ciclico consiste in episodi ricorrenti di vomito violento in assenza di causa organica apparente, spesso con una storia familiare di emicrania.
Da che fattori dipende la statura di un bambino?
La statura definitiva di un adulto dipende sia da fattori genetici che ambientali.
Integrazione del latte materno dopo il 6° mese
Dopo il 6° mese è opportuno provare ad integrare il latte materno introducendo alimenti diversi dal latte.

Quiz della settimana

Quale è la causa più frequente di diarrea in età pediatrica?
Un virus
La salmonella
Un parassita intestinale
Un'intossicazione alimentare