ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Hanno diagnosticato a mia figlia un piede torto

Il piede torto congenito è un'affezione che generalmente viene diagnosticata alla nascita. Il trattamento da seguire.

a cura di: Dott. Antonio Andreacchio (ortopedico)

Ho una bimba di cinque mesi e mezzo alla quale hanno diagnosticato un piede torto. Vorrei sapere cosa è e che cosa

Il piede torto congenito è un'affezione che generalmente viene diagnosticata alla nascita. Il trattamento consiste in una serie di apparecchi gessati correttivi che vengono sostituiti settimanalmente e che hanno lo scopo di correggere gradualmente le deformità di cui è afflitto il piede torto che sono varismo dell'avampiede, supinazione ed equinismo (N.d.R.: nel varismo dell'avampiede la parte anteriore del piede piega internamente rispetto alla posteriore. Nella supinazione la pianta del piede guarda verso l'interno e tende ad appoggiarsi sul bordo laterale.Nell'equinismo il piede è flesso plantarmente e l'appoggio avviene solo sulla parte davanti).

Dopo un periodo di circa tre mesi con tale tipo di trattamento incruento viene fatto un primo bilancio della situazione clinica, in modo da decidere se proseguire su tale strada o se si rende necessario un intervento chirurgico. La problematica che lei espone (poiché si riferisce ad una bimba di cinque mesi e mezzo) richiede un attento inquadramento diagnostico ed un tempestivo trattamento (se già non ne è stato impostato uno) in quanto il piede torto è un'affezione che tende a peggiorare di pari passo con la crescita e pertanto, non trattato adeguatamente, complica sempre più il trattamento. Il mio consiglio è quello di rivolgersi quanto prima ad un centro specializzato per impostare il trattamento.

4/12/2002

22/8/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Hanno diagnosticato a mia figlia un piede torto"

Operato per un problema di piede torto
Dopo l'intervento chirurgico del piede torto, quale tipo di fisioterapia è indicato seguire? I suggerimenti dell'esperto.
Piede torto congentito
Il piede torto è una malattia assolutamente curabile e che non preclude nulla delle vere gioie della vita.
Piede torto congenito
Le è stato diagnosticato un piede torto congenito. Quali sono le cause e come bisogna intervenire.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Contraccezione durante l'allattamento
La contraccezione durante l'allattamento è necessaria se si desidera evitare una nuova gravidanza a pochi mesi dal parto.
La prima colazione del bambino
E' indispensabile che il bambino faccia una buona colazione. La prima colazione deve coprire il 15-20% dell'apporto calorico giornaliero.
Mal di pancia
Soffre di mal di pancia prima di andare a scuola. Come comportarsi per renderlo più forte? I consigli dello psicologo.
Le vaccinazioni nel neonato
Per avere informazioni precise sul “calendario vaccinale” del neonato è oppurtuno rivolgersi al pediatra o al centro vaccinale della vostra zona.
Mamma con miopia molto grave
Un recente studio su 50 donne gravide affette da miopia superiore a 4,50 diottrie non ha segnalato aggravamento delle lesioni dopo il parto.

Quiz della settimana

Secondo il calendario vaccinale in vigore in Italia, il vaccino antipoliomielite:
viene somministrato per via intramuscolare
viene somministrato per via orale
viene somministrato prima per via intramuscolare e poi per via orale nei richiami successivi
non viene più somministrato perché la malattia è ormai scomparsa