ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

La pitiriasi rosea di Gibert nei bambini: cause e terapia

Che cos'è la pitiriasi rosea di Gibert? Quali sono le conseguenze su un bimbo di 15 mesi? Quali possono essere le cause? Quali i rimedi?

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Che cos'è la pitiriasi rosea di Gibert? Quali sono le conseguenze su un bimbo di 15 mesi? Quali possono essere le cause? E la terapia?

Pitiriasi rosea di Gibert nei bambiniLa pitiriasi rosea di Gibert è una malattia benigna ed autolimitantesi che può presentarsi a qualsiasi età anche se predilige i bambini in età scolare e i giovani adulti. Qualche volta può essere preceduta da malessere, cefalea e lievi sintomi generali. Nel 50% dei casi le manifestazioni cutanee iniziano con la comparsa della cosiddetta "chiazza madre", di colorito roseo, delle dimensioni di 3-5 cm, di forma ovalare e che compare, isolata, in qualunque sede cutanea, ma più comunemente al tronco ed alle cosce.

Nel giro di 1-2 settimane compaiono numerose lesioni cutanee più piccole, che in genere si concentrano al tronco ed alla radice degli arti: si tratta di piccole papule tondeggianti che tendono ad allargarsi formando chiazze di 1-2 cm, di aspetto ovalare, con una parte centrale più scura e bordi desquamanti. Le lesioni seguono una tipica distribuzione lungo i solchi cutanei, producendo un tipico aspetto ad "albero di Natale" sul dorso. La pitiriasi rosea di Gibert raggiunge un picco in diverse settimane risolvendosi poi lentamente in 6-12 settimane.

La maggior parte dei pazienti sono asintomatici o presenta un lieve prurito. La luce ultravioletta può accelerare la scomparsa delle manifestazioni anche se una iperpigmentazione post-infiammatoria può persistere per mesi. Il trattamento è sintomatico dal momento che la malattia si risolve spontaneamente, e comprende antistaminici, emollienti e più raramente corticosteroidi di bassa potenza localmente. La causa della malattia è sconosciuta anche se il picco di incidenza nei mesi invernali e la bassa quota di recidive fanno propendere per una causa infettiva, probabilmente di tipo virale.

1/10/1997

1/1/2014

I commenti dei lettori

Buongiorno,da circa 2 settimane mia moglie e' affetta da questa malattia,in forma non violenta. Il medico di famiglia attribuisce questa forma di malattia soprattutto allo stress, e da quello che leggo nei vari siti riguardanti questa patologia nessuno parla di stress. Effettivamente mia moglie ha attraversato un periodo difficile con diverse problematiche ora concluse ma una dietro l'altra può essere la causa di tale malattia.io penso comunque senza offesa per nessuno che la dermatologia sia ancora una scienza oscura,indietro di 100 anni e si dovrebbe approfondire di più questo ramo dellla medicina. Grazie GABRIELE.

Gabriele (M ) 05/03/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "La pitiriasi rosea di Gibert nei bambini: cause e terapia"

Pitiriasi alba
La pitiriasi alba è una manifestazione cutanea comune tra i bambini, caratterizzata dalla presenza di macchie chiare tondeggianti, spesso al volto.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Giocare a calcio a sei anni
Ci hanno sconsigliato di far giocare a calcio nostro figlio di 6 anni a causa della facilità con cui possono formarsi dei microtraumi alle ossa.
Nonni o baby-sitter?
Quando riprenderò il lavoro, sarà meglio affidare il mio bambino ai nonni o alla baby-sitter? Il consiglio della psicologa.
Omogeneizzati o liofilizzati?
Omogeneizzati e liofilizzati hanno le stesse caratteristiche nutrizionali. Nelle prime fasi dello svezzamento vengono spesso preferiti i liofilizzati.
Campagna nazionale di educazione nutrizionale
Mangiar bene conviene per investire in salute.
Certificato di nascita e altri documenti dopo il parto
Appena nato e già alle prese con la burocrazia: certificato di nascita e altri documenti dopo il parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte