ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Polmonite da Legionella

Quali sono le cause della polmonite da Legionella? La malattia si contrae per inalazione di acqua aerosolizzata contaminata da Legionella.

a cura di: Dott. Roberto Bussi (pediatra)

Vorremmo informazioni su casi di bronco polmonite da Legionella, avendola presa nostro figlio di anni sei. Quali sono le cause, se è ben curabile.

Le manifestazioni cliniche dell’infezione da Legionella sono piuttosto variabili: si va da una polmonite di gravità variabile ad una malattia con coinvolgimento multisistemico (di tutto l'organismo), con manifestazioni a carico dell’apparato gastrointestinale, del sistema nervoso centrale e dell’apparato muscolare. La malattia si contrae per inalazione di acqua aerosolizzata contaminata da Legionella. Non è descritta la trasmissione da persona a persona. Le fonti di infezioni sono in genere acque contaminate, dispositivi per aerosol terapia, condizionatori, vaporizzatori, umidificatori contaminati. Si sono verificate epidemie in ospedali, alberghi ed altri edifici di grandi dimensioni.

La malattia si manifesta più frequentemente nell’anziano e negli individui con scarse difese immunitarie; è rara in età pediatrica, generalmente lieve o asintomatica e non riconosciuta, spesso con sintomi aspecifici difficilmente distinguibili da una comune sindrome influenzale. Il periodo di incubazione è di 2 - 10 giorni. L’infezione da Legionella provoca di solito una polmonite che spesso non è distinguibile da una malattia prodotta da altri agenti infettivi: febbre, tosse (prima secca e poi catarrale), dolori muscolari, difficoltà respiratoria di grado variabile e dolore toracico sono i sintomi più frequentemente presenti, ed il quadro radiografico può essere estremamente variabile.

La terapia è ben standardizzata. Generalmente si usa un antibiotico della classe dei macrolidi (per esempio, l’eritromicina) per un periodo di tre settimane e il trattamento porta ad una completa guarigione.

2/6/2000

29/8/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno: è nutriente il mio latte?
Uno dei timori più diffusi nelle mamme durante l'allattamento al seno è di sapere se il proprio latte sia più o meno nutriente.
Ci siamo separati da pochi mesi e la nostra bambina soffre il distacco
Nostra figlia soffre il distacco per la nostra separazione. I consigli per farle accettare la nuova situazione senza troppi traumi.
La tosse
Non presenta alcun sintomo di raffreddore, ma quando dorme, fa due e tre colpi di tosse. Quale può essere la causa?
Sport e allattamento
Non ci sono controindicazioni alla pratica di uno sport durante l'allattamento.
Stenosi congenita dei canali lacrimali
I suoi occhi continuano a lacrimare malgrado sia stato sottoposto a sondaggio delle vie lacrimali.

Quiz della settimana

Che cosa misura la sideremia?
Piombo
Rame
Ferro
Sodio