ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Predisposizione allergica

Avere entrambi i genitori allergici determina un rischio di contrarre allergia pari all'80%, tale rischio è minore (40-50%) se ad essere allergico è uno solo dei genitori.

a cura di: Dott. Alfredo Boccaccino (allergologo)

Vorrei sapere se è possibile che mio figlio, di circa due mesi, possa aver ricevuto nel patrimonio genetico anche una delle varie allergie delle quali sono afflitto; e come posso appurare ciò, visto che non è ancora possibili fare dei test?

Le malattie allergiche hanno una chiara e dimostrata impronta ereditaria. Non si eredita l'allergia specifica, ma una particolare immaturità del sistema immunitario. Tale immaturità predispone alla manifestazione di allergie specifiche. Il tipo di allergia dipende da vari fattori ambientali, come l'esposizione ad elevate concentrazioni di acari della polvere domestica o l'introduzione precoce nell'alimentazione di uova o latte vaccino o altri cibi allergizzanti (arachide, frumento, merluzzo, noce).

La possibilità che un bambino sia allergico è strettamente legata alla presenza di consanguinei affetti da allergia. La relazione parenterale più rischiosa è naturalmente quella con i genitori: avere entrambi i genitori allergici determina un rischio di contrarre allergia pari all'80%, tale rischio è minore (40-50%) se ad essere allergico è uno solo dei genitori. Da recenti ricerche risulta più importante la presenza di allergia nella madre, rispetto al padre, per cui il rischio è maggiore se ad essere allergica è la madre.

Al momento non è possibile individuare con certezza la presenza di tale predisposizione attraverso delle indagini specifiche. In passato si era data molta importanza al livello di IgE totali nel siero o nel sangue di cordone ombelicale, ma attualmente si ritiene che tale dato sia poco attendibile nel valutare la predisposizione allergica. In un bambino di pochi mesi il sintomo più importante, che consente di predire la sicura predisposizione verso le allergie, è la comparsa di dermatite atopica.

Tale patologia della cute deve indurre ad alcune precauzioni ambientali (profilassi anti-acari) e ad evitare l'introduzione precoce di cibi facilmente allergizzanti, come uovo, latte vaccino e merluzzo. Tali precauzioni sono comunque utili se è presente familiarità per allergia.

19/7/2001

26/7/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Predisposizione allergica"

Allergia ai crostacei
Ha avuto una reazione nel mangiare i gamberetti. Sarà allergica ai crostacei?
Broncospasmo
Gli è stato diagnosticato il broncospasmo. Sarà indice di una predisposizione asmatica?
Allergia e IgE totali
Le IgE totali sono uno degli indici più utilizzati per la valutazione dell'intensità dell'allergia.
Allergia ai farmaci
Le reazioni a farmaci vengono definite ADR (Adverse Drug Reactions) e possono essere di due tipi.
L'allergia
Allergia: una reazione esagerata verso qualcosa che le persone normalmente tollerano bene.
Bambino con diarrea persistente
Problemi di diarrea persistente non sono rari nel bambino soprattutto dopo una infezione intestinale virale.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Aumento di peso in gravidanza
L'aumento di peso nell'arco dell'intera gravidanza normalmente si aggira tra i 7 e i 14 kg complessivi.
Calo di peso nel neonato
Il calo di peso è normale nei primi giorni di vita del neonato. Si considera normale che un neonato a termine recuperi il peso della nascita entro 8-10 giorni.
Servono le lenti progressive nella miopia?
Non esiste nessuna evidenza scientifica che la lente Varifocale o progressiva sia utile nella gestione della miopia.
Allattare quando riprende il ciclo?
La ripresa del ciclo non incide nell'allattamento. Sfatiamo alcune dicerie che talvolta capita di sentire.
Beclometasone dipropionato
Il principio farmacologico denominato beclometasone dipropionato appartiene alla classe dei farmaci corticosteroidi topici per uso inalatorio.

Quiz della settimana

Che cosa e' il meconio?
Una secrezione densa emessa dalla bocca del neonato al momento della nascita
Una sostanza emessa dall'intestino del neonato
Una sostanza vischiosa proveniente dal naso del neonato
Nessuna delle risposte corretta