ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Proteine nelle urine

Possono essere presenti proteine nelle urine se si determina la proteinuria raccogliendo le urine delle 24 ore.

a cura di: Dott. Sergio Manieri (pediatria)

Ho sottoposto mio figlio di sei anni agli esami del sangue e delle urine per un controllo. Mentre per i primi i risultati sono stati soddisfacenti (nella norma) le urine riscontrano un valore elevato di proteine (356). A quali cause è riconducibile? È preoccupante?

Di norma le urine non contengono proteine. Infatti, analizzando un campione estemporaneo di urine, quale quello rappresentato da un'usuale esame delle urine, le proteine risultano esserne assenti. Ad onor del vero, sempre in condizioni di normalità, possono essere presenti proteine se si determina la proteinuria raccogliendo le urine delle 24 ore, sebbene in minima quantità (precisamente inferiori a 100 mg/m²/24 ore). Detto questo, un esame urine, come quello descritto che presenta proteine 356 (presumo 356 mg/dl), è francamente positivo per proteinuria.

Tuttavia, pur essendo questa una condizione che necessita di accertamenti e controlli, non deve necessariamente allarmare. Infatti, una condizione di proteinuria può essere:

  • Transitoria: è la forma più comune e viene osservata in seguito ad esercizio fisico, alla febbre, all'esposizione al freddo, alle emozioni;
  • Ortostatica o posturale: è molto comune ed ha una prognosi buona;
  • Persistente: sono quelle che necessitano di approfondimenti.

Ovviamente, per poter parlare di proteinuria persistente, occorre eseguire controlli seriati delle urine che confermino la presenza delle proteine urinarie. E questo, assieme all'attenta valutazione degli eventuali sintomi clinici ed alla interpretazione degli opportuni esami ematici, contribuirà a chiarire la causa della proteinuria stessa.

4/10/2001

2/12/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Proteine nelle urine"

Leucociti nelle urine
I leucociti nelle urine significano quasi sempre infezione delle vie urinarie o genitale.
Urinocoltura e infezione delle vie urinarie
Urinocoltura: a cosa serve e come si esegue.
Come si raccolgono le urine?
Per avere risultati attendibili nell'esame delle urine è necessario rispettare alcune regole nella raccolta.
Insegnare a non fare la pipì a letto
Come capire quando i bambini raggiungono la capacità di non fare la pipì a letto di notte.
Sangue nelle urine
La presenza di sangue nelle urine va sempre accertata ed eventualmente approfondita.
Enuresi notturna nei bambini
A sei anni fa spesso la pipì a letto. I consigli su come risolvere il problema dell'enuresi notturna nei bambini.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cortisone per la febbre
La cura deve essere proporzionata al disturbo. Per abbassare la febbre, normalmente, il farmaco di prima scelta è il paracetamolo.
Rifiuta il biberon
Rifiutare il biberon è un comportamento frequente. La tettarella ha spesso un gusto di cloro.
Succhia il dito
Succhia il dito e non ha nessuna voglia di smettere. Il consiglio è di aspettare, lavorando sui premi piuttosto che sulle punizioni.
Acetone
Acetone o chetosi: una situazione molto frequente in età pediatrica ed è dovuta ad un disturbo momentaneo del metabolismo del bambino.
Depressione post-partum
La depressione post-partum o depressione post-natale è un disturbo dell'umore che colpisce molte donne nel periodo immediatamente successivo al parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte