ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Psoriasi

Esistono nuovi preparati per la cura della psoriasi? La terapia potrebbe, in talune condizioni, associarsi con luce ultravioletta UVB.

a cura di: Dott. Sergio Speciale (pediatra)

Sara, 8 anni, da sette è in cura per sospetta psoriasi. Presenta macchie sparse in tutto il corpo che a volte si infiammano formando un alone rosso. Le unghie crescono a volte come se fossero bucherellate. Nel cuoio capelluto presenta una forma che assomiglia alla crosta lattea e la pelle in generale è molto secca. Nei periodi invernali la manifestazione si accentua. La curiamo con: creme emollienti per tutto il corpo, shampoo allo zinco e lozione al catrame per il cuoio capelluto, crema cortisonica sulle parti più infiammate e una perlina di olio di fegato di merluzzo tutte le mattine. E' possibile che con la crescita della bimba questo problema possa risolversi completamente? Esistono nuovi preparati per la cura della psoriasi? C'è la possibilità che non sia psoriasi ma una forma di dermatite atopica e come fare a capirlo?

Il caso di Sara esposto nella domanda e, per la verità, anche descritto abbastanza bene, indirizza a confermare la diagnosi di "psoriasi guttata": questa colpisce infatti soprattutto i bambini e si presenta con numerose chiazze che si sviluppano su una vasta zona della pelle, interessando anche il cuoio capelluto e le unghie.

Sarebbe comunque utile per un corretto inquadramento del quadro descritto ed anche ai fini della diagnosi differenziale con la dermatite atopica conoscere:

  • se nella sua famiglia esiste una positività per psoriasi o atopia o anamnesi positiva per riniti allergiche o asma
  • se tale quadro comparve dopo un episodio di faringite streptococcica, o di infezioni virali, o successivamente ad intensa esposizione a raggi solari o alla sospensione di terapia con cortisonici
  • se le placche eritematose sono a limiti netti, bordi irregolari, con squame secche, spesse ed argentee.
  • l'esatta distribuzione delle lesioni: nella domanda le manifestazioni cutanee vengono riferite a tutta la superficie cutanea.

E' importante conoscere se le lesioni interessano soprattutto le superfici estensorie degli arti (le ginocchia o i gomiti) o le superfici flessorie, il volto, il tronco, le palpebre, i genitali, la zona periombelicale, l'attaccatura frontale dei capelli, la zona periauricolare.

A che cosa è dovuta la psoriasi? Fattori genetici ma anche fattori ambientali determinano l'instaurarsi di questa dermatosi cronica. E' di alcuni giorni fa la notizia che un gruppo di studiosi Italiani ha individuato un'area del cromosoma 1 che potrebbe essere il principale determinante della psoriasi.

La terapia adottata va abbastanza bene (creme emollienti-corticosteroidi-catrame-cheratolitici). Potrebbe, in talune condizioni, associarsi terapia con luce ultravioletta UVB. I corticosteroidi topici vanno usati con precauzione: possono infatti provocare atrofia cutanea ed anche effetti sistemici, così come anche le pomate a base di acido salicilico.

Per le lesioni del cuoio capelluto: applicazione di fenoli e soluzioni saline seguite da uno shampoo al catrame. Le forme più severe di psoriasi richiedono terapia sistemica. In taluni gravissimi casi possono usarsi retinoidi per os o methotrexate.

E' di recente pubblicazione su una rivista non medica un nuovo composto a base di zinco piritione e metiletilsolfato di sodio per somministrazione spray, ma da ricerche condotte sulla letteratura internazionale non ho trovato riscontri sull'uso in campo pediatrico. In riferimento alla prognosi, questa è migliore nei bambini con lesioni circoscritte. La psoriasi è caratterizzata da remissioni e fasi di acuzie; se è presente durante l'adolescenza dura tutta la vita.

Concludendo una diagnosi differenziale con la dermatite atopica può essere fatta sul rilievo anamnestico e clinico. Le sarei grato se volesse pertanto darmi le informazioni richieste; comunque la biopsia cutanea conferma la diagnosi di psoriasi.

1/11/1998

6/5/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Psoriasi"

Psoriasi alle unghie
La psoriasi è una malattia della pelle che spesso colpisce le unghie provocando striature longitudinali o orizzontali.
Pseudotigna amiantacea
La pseudotigna amiantacea è un piccolo disturbo, non contagioso, del tutto transitorio, che si risolve solitamente senza esiti permanenti.
Lesioni alle unghie: è carenza di vitamine?
Ha delle lesioni alle unghie: può essere il segnale di qualche carenza di vitamine o di minerali?
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

La donna dopo il parto
Il brusco cambiamento avvenuto dopo il parto porta l'organismo ad una serie di complesse modificazioni.
La pelle del neonato
La pelle del neonato è soggetta ad arrossamenti ed irritazioni a causa dell'estrema fragilità cutanea e del contatto prolungato con fattori irritanti.
Non riesce a respirare dal naso
Ha tolto le adenoidi, ma non riesce a repirare dal naso.
Controllo della vista di un bambino piccolo
Entrambi i genitori sono miopi. Quale struttura scegliere per un bambino di nove mesi? I consigli dell'oculista.
La cameretta del neonato
Come arredare la cameretta del neonato tenendo conto di quelle che saranno le sue esigenze future.

Quiz della settimana

Per quanto tempo si può conservare in frigorifero il latte materno, senza perdere nessuna delle sue molteplici proprietà?
meno di 12 ore
non piu di 24 ore
36 ore
oltre le 48 ore