ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

QT lungo e SIDS

La sindrome del QT lungo si caratterizza per la presenza di un intervallo particolarmente allungato tra l'onda Q e l'onda T del tracciato che segnala l'attività elettrica del cuore.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Ho fatto fare un ECG a mio figlio di due mesi e mezzo ed è stato riscontrato un QT lungo. La pediatra ci ha consigliato di rifare l'esame al più presto. Da quanto ho potuto capire tale valore, se superiore a 440, è associato a casi di SIDS (morte in culla). E' un test attendibile? Qualora lo fosse, e forse in ogni caso, esistono delle terapie farmacologiche per prevenire la SIDS? Come dobbiamo comportarci mia moglie ed io? La SIDS presenta della familiarità? Abbiamo già una bambina di sei anni (che non fu sottoposta a tale esame): può essere un elemento di tranquillità? (N.d.R.: la sindrome del QT lungo si caratterizza per la presenza, all’elettrocardiogramma, di un intervallo particolarmente allungato tra l’onda Q e l’onda T del tracciato che segnala l’attività elettrica del cuore. In circa il 30% dei casi di SIDS (sindrome della morte improvvisa del lattante) si riscontra questo allungamento del tratto QT, che dipende da un’alterazione genetica e che agisce provocando un arresto cardiaco dovuto ad aritmia. I geni coinvolti sono gli stessi che provocano la sindrome del QT lungo, prima causa al mondo della morte improvvisa sotto i 20 anni, in seguito ad esempio a forte emozione o a sforzi fisici).

Il valore del QT in assoluto non ha grande significato; è invece importante il valore del QTc cioè del QT corretto per la frequenza cardiaca. Tale valore deve essere inferiore a 460 msec nella bambina e inferiore a 440 msec nel bambino.
Esso può essere segno di una patologia chiamata Sindrome del QT lungo, una patologia a trasmissione ereditaria o talora conseguenza di alcuni farmaci, che in effetti è stata messa in relazione con la SIDS.

Per evitare facili allarmismi è necessario ripetere l'esame e se il valore è anormale, rivolgersi ad un centro specialistico di Cardiologia Pediatrica.

21/6/2001

21/1/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "QT lungo e SIDS"

Anomalie della ripolarizzazione ventricolare
Le anomalie nella ripolarizzazione ventricolare sono dovute all'immaturità del cuore.
Riduttore da lettino o salsicciotti
Riduttore da lettino o "salsicciotti"? Che cosa è preferibile nella stagione estiva? I consigli del Pediatra.
Aritmia sinusale
Il termine "aritmia" si riferisce in generale ai disturbi della frequenza cardiaca, del ritmo cardiaco.
È rischioso dormire a pancia in su?
Le raccomandazioni di dormire a pancia in su valgono per il bambino fino ai 6 mesi di età.
Ha rischiato di soffocare
Non respirava più dopo un piccolo rigurgito; molte possono essere le cause scatenanti.
Elettrocardiogramma per tutti i neonati
Una proposta per prevenire le morti in culla.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

A due anni non mangia niente
La mia bambina di due anni da quando è nata non è mai stata una gran mangiona, ma in questo ultimo periodo non mangia proprio nulla. Siamo disperati.
Allattamento al seno: da che lato attaccarlo al seno?
E' consigliabile iniziare ogni allattamento con lo stesso seno con il quale si è terminata la poppata precedente.
Pseudotigna amiantacea
La pseudotigna amiantacea è un piccolo disturbo, non contagioso, del tutto transitorio, che si risolve solitamente senza esiti permanenti.
Adenoidi
L'ipertrofia delle adenoidi è molto comune tra i bambini soprattutto nell'età della scuola materna, provoca sintomi fastidiosi soprattutto notturni.
Stitichezza in gravidanza
La stitichezza, disturbo frequente tra le donne, può peggiorare in gravidanza.

Quiz della settimana

Qual e' un sinonimo di "globuli rossi"?
Eosinofili
Eritrociti
Leucociti
Monociti