ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Mio figlio è stato morso da un cane

La rabbia è una malattia acuta del sistema nervoso centrale causata da un virus che si trasmette all'uomo da animali mediante la saliva inoculata per lo più tramite morsicatura.

a cura di: Dott. Italo Marinelli (pediatra)

Mio figlio di quattro anni è stato morso da un cane in una cascina di un agriturismo. Desidererei avere qualche informazione sulla possibilità di infezione da Rabbia e quali sono le eventuali profilassi.

La rabbia è una malattia acuta del sistema nervoso centrale causata da un virus che si trasmette all'uomo da animali infetti (cani, gatti, volpi ed altri mammiferi) mediante la saliva inoculata per lo più tramite morsicatura. Accanto alla rabbia canina in alcune zone subalpine va diffondendosi la rabbia silvestre, trasmessa da animali selvatici (di solito volpi) ed in Nord America da procioni, marmotte, scoiattoli, criceti, gatti e topi.

È importante sottolineare che nei cani colpiti la saliva è infettante cinque giorni prima che l'animale manifesti i primi sintomi della malattia. Pertanto, in caso di morsicatura, la cattura, l'isolamento e l'osservazione veterinaria del cane sono fondamentali. Se entro dieci giorni l'animale non presenta segni di rabbia, il soggetto morsicato può essere considerato fuori pericolo. Se invece il cane morsicatore è rabido o sospetto tale, va eseguita la vaccinazione anti-rabica associata a somministrazione di immunoglobuline specifiche.

È possibile praticare la vaccinazione poiché il periodo di incubazione della malattia è sufficientemente lungo da permettere l'immunizzazione. Gli effetti collaterali del vaccini sono attualmente meno comuni che con i vaccini disponibili in passato, e sono più rari nei bambini. Infine, in caso di fuga o irreperibilità del cane morsicatore, la decisione sul da farsi va presa, caso per caso, dalle autorità sanitarie locali.

Va sottolineato che cani adeguatamente vaccinati non possono trasmettere la rabbia.

15/3/2002

30/10/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Mio figlio è stato morso da un cane"

Un cane in casa
Tenere in casa un cane con un bambino neonato. I consigli del pediatra.
Bambino che tira testate contro il muro
Il mio bambino esprime la sua rabbia tirando testate contro il muro. Come posso fargli capire che si fa male? I consigli del Pediatra.
Animali in casa?
Animali in casa, si o no? Non vi sono controindicazioni, a patto che si seguano delle norme igieniche rigorose.
Allergia e cane in casa
A causa dell'allergia e asma di mia figlia, ci sconsigliano il cane in casa, ma noi non sappiamo cosa fare perché ormai è parte integrante della famiglia.
Allergia al gatto e al cane nei bambini
Come si manifesta nei bambini l'allergia al gatto e al cane, con quali sintomi, quali rimedi consiglia il Pediatra. Esiste un vaccino al pelo di cane e gatto.
Leishmaniosi
E' possibile che la leishmaniosi si trasmetta tramite contatto col cane? Quali sono i sintomi sul bambino? I consigli del Pediatra.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Acetone
Acetone o chetosi: una situazione molto frequente in età pediatrica ed è dovuta ad un disturbo momentaneo del metabolismo del bambino.
Depressione post-partum
La depressione post-partum o depressione post-natale è un disturbo dell'umore che colpisce molte donne nel periodo immediatamente successivo al parto.
Neonato che dorme nel lettino
Non esistono controindicazioni a fare dormire un neonato da subito nel lettino. Può essere utile l'uso del riduttore per sentirsi più "contenuti".
Giocare a calcio a sei anni
Ci hanno sconsigliato di far giocare a calcio nostro figlio di 6 anni a causa della facilità con cui possono formarsi dei microtraumi alle ossa.
Nonni o baby-sitter?
Quando riprenderò il lavoro, sarà meglio affidare il mio bambino ai nonni o alla baby-sitter? Il consiglio della psicologa.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte