ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

La raucedine: voce rauca o afona

La raucedine con voce rauca o afona è segno di infiammazione della laringe e delle corde vocali. I papillomi laringei rappresentano una causa importante di raucedine nei bambini della prima infanzia.

a cura di: Dott. Sergio Manieri (pediatria)

Il mio bambino di cinque anni ha spesso cali di voce o raucedine. Vorrei saperne il motivo e come ovviare a questo problema.

La raucedine rappresenta il sintomo più importante di un'affezione a carico della laringe, e più specificamente delle corde vocali. Il diverso suono della voce, infatti, è il risultato di un cambiamento delle corde vocali, come avviene durante l'adolescenza, o di alterazioni che interferiscono con l'approssimarsi dei margini delle corde vocali. Generalmente l'infiammazione della laringe (laringite), di laringe e trachea (laringo-tracheite) e dei bronchi (laringo-tracheo-bronchite) si esprimono anche, ma non solo, con raucedine; ed il recidivare di tali infiammazioni dà luogo certamente a raucedini recidivanti, associate però ad altri più gravi sintomi quali stridore, tosse e dispnea.

Mi sembra di capire, però, che la domanda in questione si riferisca ad una condizione di "calo di voce" recidivante, come sintomo esclusivo. In tale ottica, occorre premettere che le cause di raucedine in senso stretto sono numerosissime e si esprimono diversamente in relazione all'età considerata. Ad esempio, nei neonati il pianto può essere rauco a causa di anomalie anatomiche congenite della laringe o di paralisi delle corde vocali (che è presente, ad esempio, in talune cardiopatie o neuropatie congenite). I papillomi laringei (N.d.R.: si tratta di tumori benigni della laringe, che si insediano solitamente nelle corde vocali, con l'aspetto di un'escrescenza) rappresentano, invece, una causa importante di raucedine nei bambini della prima infanzia. Queste neoformazioni non sono certo di natura maligna ma, se le lesioni sono estese ed è presente un'ostruzione delle vie aeree respiratorie, possono causare gravi problemi respiratori, oltre che raucedine. Nel periodo prescolare e scolare, infine, le cause più comuni di raucedine sono rappresentate da noduli alle corde vocali conseguenti ad un "cattivo uso della voce" (ad esempio eccessivo gridare o cantare); infatti, piccole emorragie alle corde vocali sono poi sostituite da noduli fibrosi. In questa fascia di età sono pure da considerare i polipi e gli emangiomi delle corde vocali.

Da quanto detto, si evince quale debba essere il comportamento da tenere nei casi di raucedine recidivante: ossia, un controllo otorinolaringoiatrico con laringoscopia per visualizzare le corde vocali, la loro anatomia e la loro motilità e, conseguentemente, l'adozione dei rimedi più opportuni per risolvere il problema.

8/3/2002

1/12/2015

I commenti dei lettori

Quando il dott. Manieri parla di adozioni dei rimedi più opportuni per risolvere il problema, sicuramente avrà contemplato anche cure non mediche come la educazione all'uso della voce che può fare il Logopedista. a cinque anni il Logopedista diventa il tutor per l'intera famiglia nell'apprendimento di buone regole di "igiene vocale", mentre per il piccolo si attua una terapia individuale dove mediante dei giochi si potenzia la respirazione e si fa da modello per il corretto uso della voce. Simona Riccardi Logopedista di Poggiomarino - NA-

simona (NA) 14/06/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "La raucedine: voce rauca o afona"

Come si fa l'aerosol nei bambini
L'aerosol nei bambini: cosa fare per eseguire in modo corretto un aerosol nei bambini.
Quale apparecchio per l'aerosol?
Gli apparecchi per aerosol (nebulizzatori) sono molto usati nella terapia dell'asma e nei pazienti affetti da infezioni delle vie respiratorie.
Laringospasmo
Il laringospasmo è una patologia particolarmente frequente tra uno e tre anni, anche se può colpire altre età. Improvvisamente, in genere in piena notte.
Laringotracheite allergica
Da che cosa è causata e come si cura la laringotracheite allergica nel bambino? Il consiglio del pediatra.
La laringite
La laringite è una malattia frequente causata da virus, determinata da una infiammazione della laringe e della parte alta della trachea.
Soffre di tracheite e laringite
La tracheite è una infiammazione della trachea, con tosse abbaiante a suono di corno. La laringite dà difficoltà a respirare e voce afona.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cortisone per la febbre
La cura deve essere proporzionata al disturbo. Per abbassare la febbre, normalmente, il farmaco di prima scelta è il paracetamolo.
Rifiuta il biberon
Rifiutare il biberon è un comportamento frequente. La tettarella ha spesso un gusto di cloro.
Succhia il dito
Succhia il dito e non ha nessuna voglia di smettere. Il consiglio è di aspettare, lavorando sui premi piuttosto che sulle punizioni.
Acetone
Acetone o chetosi: una situazione molto frequente in età pediatrica ed è dovuta ad un disturbo momentaneo del metabolismo del bambino.
Depressione post-partum
La depressione post-partum o depressione post-natale è un disturbo dell'umore che colpisce molte donne nel periodo immediatamente successivo al parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte