ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Neonato che respira affannosamente

Nel corso del primo anno di vita e specialmente nei neonati prematuri, i movimenti respiratori possono essere irregolari, intermittenti e variabili in ritmo e profondità.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Mia figlia di nove giorni, di notte respira in modo affannoso, con brevi e rapide inspirazioni e più prolungate espirazioni. È normale? Va precisato che alla 35° settimana di gravidanza mia moglie aveva già contrazioni da parto ma la ginecologa ritenne opportuno ritardare il parto e quindi mia moglie fu ricoverata in Ospedale dove fu sottoposta a terapia con ... [nome commerciale della Ritodrina, un farmaco che inibisce la motilità dell'utero] e, per ogni eventualità, gli fu praticata una iniezione per stimolare la maturità polmonare della bambina.

Nel corso del primo anno di vita e specialmente nei bambini prematuri, i movimenti respiratori possono essere irregolari, intermittenti e variabili in ritmo e profondità. Il respiro può invece essere quasi impercettibile durante il sonno.

Nei lattanti normali, in particolare nei prematuri e nelle prime settimane di vita, comunemente si evidenzia un respiro periodico nel sonno con pause di durata superiore ai 10 secondi senza che compaia cianosi (colorito bluastro delle estremità o intorno alla bocca). In genere nel neonato a termine la frequenza respiratoria varia dai 45 atti respiratori al minuto quando il bambino è sveglio ai 35 atti respiratori al minuto quando il piccolo dorme, ma, in caso di stimolazione anche lieve, il numero degli atti respiratori può salire fino a 70 - 80 al minuto.

1/2/1997

18/12/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Neonato che respira affannosamente"

Aspirazione di meconio
La aspirazione di meconio è un segno di sofferenza fetale.
Broncospasmo e aereosol
L'aerosol come cura del broncospasmo: gli effetti collaterali.
Bronchite asmatica
La bronchite asmatica è un'infiammazione dei bronchi procurata o da infezione di carattere virale.
Laringomalacia
La laringomalacia è un disturbo congenito della laringe caratterizzato da uno stridore inspiratorio e da un'ostruzione delle vie aeree.
Difficoltà respiratoria in gravidanza
In gravidanza, qualsiasi sforzo fisico risulta talmente affaticante da provocare una certa difficoltà respiratoria.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

La terza settimana di gravidanza
Alla terza settimana di gravidanza ma non dovresti avvertire, per il momento, alcun segnale.
Sindrome di Alport
La Sindrome di Alport è la malattia più comune fra i diversi tipi di nefriti ereditarie.
Visite di controllo dal Pediatra nei neonati e primi due anni di età
La valutazione della crescita nei neonati: quando fare le visite di controllo dal Pediatra.
Cambiamento dell'asilo nido
Potrà essere traumatizzante per mio figlio di due anni cambiare l'asilo nido?
Lussazione congenita dell'anca
La lussazione congenita dell'anca è tra le patologie ortopediche, una delle più frequenti anomalie congenite.

Quiz della settimana

Che cosa sono le petecchie?
piccole macchioline rosse che spesso compaiono dopo sforzo
lividi dovuti ad un trauma
piccole escrescenze cutanee causate da un virus
malformazioni congenite dell'intestino