ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Neonato che respira affannosamente

Nel corso del primo anno di vita e specialmente nei neonati prematuri, i movimenti respiratori possono essere irregolari, intermittenti e variabili in ritmo e profondità.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Mia figlia di nove giorni, di notte respira in modo affannoso, con brevi e rapide inspirazioni e più prolungate espirazioni. È normale? Va precisato che alla 35° settimana di gravidanza mia moglie aveva già contrazioni da parto ma la ginecologa ritenne opportuno ritardare il parto e quindi mia moglie fu ricoverata in Ospedale dove fu sottoposta a terapia con ... [nome commerciale della Ritodrina, un farmaco che inibisce la motilità dell'utero] e, per ogni eventualità, gli fu praticata una iniezione per stimolare la maturità polmonare della bambina.

Nel corso del primo anno di vita e specialmente nei bambini prematuri, i movimenti respiratori possono essere irregolari, intermittenti e variabili in ritmo e profondità. Il respiro può invece essere quasi impercettibile durante il sonno.

Nei lattanti normali, in particolare nei prematuri e nelle prime settimane di vita, comunemente si evidenzia un respiro periodico nel sonno con pause di durata superiore ai 10 secondi senza che compaia cianosi (colorito bluastro delle estremità o intorno alla bocca). In genere nel neonato a termine la frequenza respiratoria varia dai 45 atti respiratori al minuto quando il bambino è sveglio ai 35 atti respiratori al minuto quando il piccolo dorme, ma, in caso di stimolazione anche lieve, il numero degli atti respiratori può salire fino a 70 - 80 al minuto.

1/2/1997

18/12/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Neonato che respira affannosamente"

Laringomalacia
La laringomalacia è un disturbo congenito della laringe caratterizzato da uno stridore inspiratorio e da un'ostruzione delle vie aeree.
Difficoltà respiratoria in gravidanza
In gravidanza, qualsiasi sforzo fisico risulta talmente affaticante da provocare una certa difficoltà respiratoria.
Aspirazione di meconio
La aspirazione di meconio è un segno di sofferenza fetale.
Broncospasmo e aereosol
L'aerosol come cura del broncospasmo: gli effetti collaterali.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Frattura del femore
Mio figlio di 4 anni si è fratturato il femore destro. Ora purtroppo deve portare un rialzo.
Gli esami da eseguire in gravidanza
Per monitorare l'andamento della gravidanza sarà necessario fare alcuni esami, alcuni dei quali a carico del Servizio Sanitario Nazionale.
L'igiene del neonato
L'igiene del neonato comincia subito dopo la nascita in sala parto, con sola acqua e senza detergenti. I consigli per l'igiene a casa.
Allattamento al seno e risvegli notturni: vuole ancora il latte della mamma di notte
A otto mesi si sveglia e prende ancora il latte dalla mamma. Come comportarsi per risolvere il problema.
Anemia
Le cause possono essere congenite, trasmesse cioè con meccanismo ereditario, o acquisite durante il corso della vita.

Quiz della settimana

Quando si è punti da una zecca, quale dei seguenti comportamenti occorre seguire?
Rimuovere la zecca con alcool o acetone
Lasciare la zecca in sede per alcune ore facendola intontire con ammoniaca
Rimuovere la zecca prontamente con una pinzetta
Schiacciare subito la zecca nella sede della morsicatura