ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

approfondire insieme al Pediatra

Riabilitazione in piscina

La fisioterapia è un presidio importantissimo per la ripresa del movimento e del tono muscolare.

a cura di: Dott.ssa Tiziana Candusso (pediatra)

Mio figlio ha 18 mesi. Un giorno dopo la nascita ha avuto una crisi convulsiva in seguito ad una forte ipoglicemia. A tale crisi ne sono seguite altre due. Purtroppo, tali crisi hanno provocato un edema cerebrale evidenziato dall'ecografie che si è riassorbito completamente dopo tre mesi. La conseguenza di tali problemi neonatali è stata la manifestazione di un ipertono, soprattutto agli arti destri. I medici hanno diagnosticato, quindi, all'età di un anno una leggera paralisi cerebrale infantile. Il bimbo sta così facendo giornalmente fisioterapia. La mia domanda riguarda appunto le forme di riabilitazione. Questa estate la madre ed io abbiamo notato con piacere la sua incredibile destrezza e scioltezza di movimenti nell'acqua e ci chiedavamo se era il caso di associare alla fisioterapia anche delle periodiche sedute in piscina.

La fisioterapia è un presidio importantissimo per la ripresa del movimento e del tono muscolare. La ginnastica acquatica è sicuramente utile per la plasticità del movimento dato che il peso corporeo è sostenuto dall'acqua il bambino potrà acquisire scioltezza e precisione nei movimenti fini. Rimandiamo ad una risposta già data la trattazione delle paralisi cerebrali infantili.

1/10/1997

4/10/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Riabilitazione in piscina"

Dermatite atopica: da quando va in piscina è peggiorata
La piscina può far peggiorare la dermatite atopica? L'acqua fa bene, ma il cloro può essere irritante.
Arriva l'estate! Genitori, affrontiamola in sicurezza. I consigli della Federazione Italiana Medici Pediatri.
Le "7 regole d'oro" dei pediatri per l'attività all'aria aperta durante l'estate e per il tempo che i bambini impiegano in attività non scolastiche.
Non vuole più andare in piscina
E' andata in piscina volentieri le prime volte, ma adesso fa i capricci e non vuole più andare. Come risolvere la situazione.
Soffocamento da liquidi
Frequentare un corso di acquaticità non presenta rischio di soffocamento da liquidi.
Torcicollo congenito
Il torcicollo congenito è una deformità presente alla nascita. Non è sempre necessario l'intervento chirurgico.
Corsi di nuoto dei bambini piccoli
l movimento e il contatto con l'ambiente acquatico costituiscono fattori positivi per la salute psicofisica dei bambini.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Alimentazione dopo l'anno di vita
Dopo il primo anno, l'alimentazione sarà quasi uguale a quella di un adulto. E' importante che segua una dieta completa e varia.
Dolori alle articolazioni e alla schiena in gravidanza
Durante tutta la gravidanza può capitare di avvertire dei dolori articolazioni e alla schiena.
Macchie mongoliche
Le macchie mongoliche sono lesioni maculari congenite determinate dalla presenza in eccesso nel derma.
Aerofagia
Per evitare l'aerofagia nel lattante è bene utilizzare prodotti a base essenzialmente di finocchio, anice verde, melissa e camomilla.
Gli è stato diagnosticato un reflusso vescico-ureterale
La correzione del reflusso vescico-ureterale può essere chirurgica. La tecnica più frequentemente adottata è quella di Cohen.

Quiz della settimana

Che cosa è il miocardio?
Un osso
Una arteria
Un muscolo
Un nervo