ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Rientramento di un dente da latte dopo un trauma

Dopo un trauma gli è rientrato il dente da latte. Che cosa dobbiamo fare? Il consiglio dell'odontoiatra.

a cura di: Dott. Gabriele Floria (odontoiatra, protesista dentale e specialista in ortognatodonzia)

Sono la mamma di Federico, 20 mesi. Circa due settimane orsono il piccolo, correndo in casa, è inciampato con un succhiotto a mascherina rigida in bocca. Abbiamo visto molto sangue ed il dente era sparito. Abbiamo anche portato Federico al pronto soccorso e la dottoressa che lo ha visitato ci ha confermato che del dente non restava praticamente niente, solo un piccolo pezzetto. A distanza di due settimane ci siamo accorti che il dente sta lentamente ricomparendo. Può effettivamente essere rientrato? Che cosa dobbiamo fare?

Il tessuto osseo dei bambini a questa età è molto elastico pertanto il trauma ha causato l'intrusione del dentino all'interno dell'alveolo e, se non vi sono complicanze (fratture della corona o della radice), il dentino ricomparirà in arcata. Il vero rischio che esiste in un trauma del genere è relativo al dente permanente che sta mineralizzando.

Se a causa del trauma la radice del dente deciduo ha toccato la gemma del dente permanente si possono avere delle anomalie di struttura dello stesso che spaziano dalla piccola discolorazione sullo smalto a gravi dilacerazioni della corona del permanente. Inoltre il trauma può aver spostato dalla sede normale la gemma del permanente e quindi causare un ritardo o un anticipo della permuta così come una anomalia di posizione. Purtroppo non c' è niente da poter fare in questo momento; solo attendere l'eruzione del definitivo sperando che il trauma non abbia causato danni.

30/1/2003

19/8/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Rientramento di un dente da latte dopo un trauma"

Gli è rientrato un dentino
Un dentino da latte che rientra può essere causato da un trauma. Una valutazione ortodontica è in questi casi sempre consigliabile.
Pulire i dentini da latte
Bisogna pulire i dentini da latte. I dentini da latte sono denti a tutti gli effetti e vanno assolutamente tenuti puliti.
Colore dei denti
I denti, sia superiori che inferiori, hanno assunto una colorazione giallo-ocra. E' consigliabile una visita dal dentista.
A seguito di una caduta ha gli incisivi un pò tremolanti
Mi hanno consigliato un distanziatore.
La carie da biberon
La carie da biberon è indotta dall'uso scorretto del biberon. Riguarda la fascia dei bambini di età compresa fra 1 e 4 anni.
Trauma da dente da latte
Traumi da dente da latte: cosa fare per evitarli e limitarne i danni.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

La timidezza la rende antipatica
Per aiutare un bambino a superare la sua timidezza è importante fare sentire il bambino sempre amato ed accettato per quello che è.
Laringomalacia
La laringomalacia è un disturbo congenito della laringe caratterizzato da uno stridore inspiratorio e da un'ostruzione delle vie aeree.
Quale apparecchio per aerosol è meglio usare con il beclometasone?
Per alcuni farmaci, fra cui il beclometasone, è meglio usare apparecchi tradizionali e non ad ultrasuoni.
Reflusso vescico-ureterale
E' stata operata da poco all'uretere per reflusso vescico-ureterale da un lato e la malattia è comparsa nell'altro rene.
Sintomi e cure della toxoplasmosi in gravidanza
La toxoplasmosi in gravidanza può manifestarsi senza sintomi. Le cure servono a ridurre il pericolo di infezione per il fato e il neonato.

Quiz della settimana

Parlando dei mucolitici, è corretto affermare che:
Calmano la tosse
Vanno somministrati insieme ai sedativi della tosse
Fluidificano il catarro
Fanno abbassare la febbre