ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Rientramento di un dente da latte dopo un trauma

Dopo un trauma gli è rientrato il dente da latte. Che cosa dobbiamo fare? Il consiglio dell'odontoiatra.

a cura di: Dott. Gabriele Floria (odontoiatra, protesista dentale e specialista in ortognatodonzia)

Sono la mamma di Federico, 20 mesi. Circa due settimane orsono il piccolo, correndo in casa, è inciampato con un succhiotto a mascherina rigida in bocca. Abbiamo visto molto sangue ed il dente era sparito. Abbiamo anche portato Federico al pronto soccorso e la dottoressa che lo ha visitato ci ha confermato che del dente non restava praticamente niente, solo un piccolo pezzetto. A distanza di due settimane ci siamo accorti che il dente sta lentamente ricomparendo. Può effettivamente essere rientrato? Che cosa dobbiamo fare?

Il tessuto osseo dei bambini a questa età è molto elastico pertanto il trauma ha causato l'intrusione del dentino all'interno dell'alveolo e, se non vi sono complicanze (fratture della corona o della radice), il dentino ricomparirà in arcata. Il vero rischio che esiste in un trauma del genere è relativo al dente permanente che sta mineralizzando.

Se a causa del trauma la radice del dente deciduo ha toccato la gemma del dente permanente si possono avere delle anomalie di struttura dello stesso che spaziano dalla piccola discolorazione sullo smalto a gravi dilacerazioni della corona del permanente. Inoltre il trauma può aver spostato dalla sede normale la gemma del permanente e quindi causare un ritardo o un anticipo della permuta così come una anomalia di posizione. Purtroppo non c' è niente da poter fare in questo momento; solo attendere l'eruzione del definitivo sperando che il trauma non abbia causato danni.

30/1/2003

19/8/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Rientramento di un dente da latte dopo un trauma"

Ha i denti da latte cariati
Bisogna curare i denti da latte se sono cariati? Ho sentito pareri diversi.
Salivazione e dentini
La dentizione da latte è a volte precoce (4° mese) o tardiva (oltre 9° mese). I primi a spuntare sono i due incisivi centrali inferiori.
Ordine di eruzione dei denti
I denti da latte di mia figlia non stanno seguendo l'ordine normale di eruzione. Si raccomanda una visita da un collega ortodontista all'età di 4-5 anni.
Trauma di un dente da latte
Ci hanno consigliato di mettere una protesi nello spazio del dente perso per permettere di mantenere il giusto spazio tra i denti.
Ha rotto i due incisivi
Ha perso i due incisivi superiori ma uno dei monconcini rimasti è diventato nero.
Uno spazio tra i denti davanti
Quando lo spazio tra i denti ha inserzione ampia ed è a composizione prevalentemente muscolare può essere indicata l'intervento.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Alimentazione dopo l'anno di vita
Dopo il primo anno, l'alimentazione sarà quasi uguale a quella di un adulto. E' importante che segua una dieta completa e varia.
Dolori alle articolazioni e alla schiena in gravidanza
Durante tutta la gravidanza può capitare di avvertire dei dolori articolazioni e alla schiena.
Macchie mongoliche
Le macchie mongoliche sono lesioni maculari congenite determinate dalla presenza in eccesso nel derma.
Aerofagia
Per evitare l'aerofagia nel lattante è bene utilizzare prodotti a base essenzialmente di finocchio, anice verde, melissa e camomilla.
Gli è stato diagnosticato un reflusso vescico-ureterale
La correzione del reflusso vescico-ureterale può essere chirurgica. La tecnica più frequentemente adottata è quella di Cohen.

Quiz della settimana

Quale delle seguenti caratteristiche di sviluppo non è di solito presente in un bambino di cinque mesi compiuti?
Emette piccole risa
Sorride ai visi sorridenti
Si osserva le mani
Gioca seduto sul pavimento o nel box