ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Si è rotto un pezzo di dente scontrandosi con un altro bambino

Giocando si è rotto un pezzo di dente da latte. E' meglio farlo controllare dal dentista?

a cura di: Dott. Gabriele Floria (odontoiatra, protesista dentale e specialista in ortognatodonzia)

Il mio bimbo ha 23 mesi; ieri si è scontrato con un altro bimbo giocando e, cadendo a terra, si è rotto un pezzetto di dentino (esattamente la "palettina" destra). Si è rotto proprio nell'angolo interno. Volevo sapere se la rottura può creare dei problemi con l'andare del tempo! È il caso di portarlo da un dentista? Può anche tagliarsi la lingua, essendo il dente un po' tagliente?

Se la dentina è scoperta sarebbe meglio fare una piccola ricostruzione, se viceversa siamo ancora nello spessore dello smalto è sufficiente stondare lo spigolo vivo per evitare traumi alle mucose del labbro e/o della lingua. Consigliamo comunque una visita dal dentista anche per valutare se il bambino, data la giovane età, sia collaborante.

13/3/2003

31/5/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Si è rotto un pezzo di dente scontrandosi con un altro bambino"

Difetti dello smalto nei denti da latte
I difetti congeniti dello smalto dei denti da latte sono un disturbo non pericoloso ma difficilmente risolvibile.
Dentini inferiori distanziati
A mio figlio si sono distanziati i dentini inferiori. A 5 anni è normale osservare uno spazio aprirsi tra i denti di entrambe le arcate.
Mantenitori di spazio
I mantenitori di spazio sono apparecchi per tenere il posto ad un dentino che è caduto.
Le si stanno sgretolando i denti
A tre anni le si sgretolano i denti da latte. Il consiglio del dentista è quello di intervenire immediatamente.
Ha nove incisivi invece di otto
Il quinto incisivo deciduo inferiore è un'anomalia non rarissima e può anche ripresentarsi nella dentatura permanente.
A seguito di una caduta ha gli incisivi un pò tremolanti
Mi hanno consigliato un distanziatore.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cisti smegmatiche
Le cisti smegmatiche sono piccole sacche di grasso sotto la pelle del prepuzio che si risolvono da sole.
Pressione bassa nel bambino
Mio figlio di 10 anni soffre di pressione bassa. Da che cosa può dipendere? Se l'alimentazione è varia, non sono necessari gli integratori.
Test di Coombs in gravidanza. Se positivo, che rischi ci sono?
Il Test di Coombs in gravidanza, se positivo, indica l'incompatibilità di sangue fra mamma e figlio. Leggi cosa fare e che rischi ci sono per il bambino.
Contraccezione durante l'allattamento
La contraccezione durante l'allattamento è necessaria se si desidera evitare una nuova gravidanza a pochi mesi dal parto.
La prima colazione del bambino
E' indispensabile che il bambino faccia una buona colazione. La prima colazione deve coprire il 15-20% dell'apporto calorico giornaliero.

Quiz della settimana

Secondo il calendario vaccinale in vigore in Italia, il vaccino antipoliomielite:
viene somministrato per via intramuscolare
viene somministrato per via orale
viene somministrato prima per via intramuscolare e poi per via orale nei richiami successivi
non viene più somministrato perché la malattia è ormai scomparsa