ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

approfondire insieme al Pediatra

Che cosa sono i sali minerali

I sali minerali sono sostanze inorganiche che svolgono un ruolo di fondamentale importanza nel funzionamento degli organismi viventi. Ogni alimento il proprio spettro di sali minerali.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

I sali minerali sono sostanze inorganiche che svolgono un ruolo di fondamentale importanza nel funzionamento degli organismi viventi, sia animali che vegetali.

Sono coinvolti infatti in numerosi processi che vanno dalla sintesi delle proteine alla crescita e allo sviluppo di alcuni organi e tessuti, fino alla regolazione dell’equilibrio idrosalino delle cellule.

Come avviene per la maggior parte delle vitamine il corpo umano non è in grado di sintetizzare i sali minerali autonomamente, per cui essi vanno assunti ogni giorno attraverso l’alimentazione.

Ogni alimento contiene per natura il proprio spettro di sali minerali e più l’alimento è naturale (ha subito pochi processi di lavorazione) e più il suo contenuto di sali minerali è elevato. I sali minerali possono anche essere aggiunti agli alimenti (si parla in questo caso di alimenti arricchiti in sali minerali).

A differenza delle vitamine, la maggior parte dei sali minerali non è sensibile al calore, alla luce e all’ossigeno. Possono però andar persi con l’acqua di cottura oppure durante la preparazione, il lavaggio e la cottura degli alimenti.

I minerali essenziali all’organismo umano vengono distinti in due grandi gruppi a seconda del loro fabbisogno quotidiano:

  • Macroelementi
  • Microelementi o Oligoelementi

I Macroelementi (calcio, fosforo, magnesio, sodio, potassio, cloro e zolfo) sono presenti nell’organismo umano in quantità notevoli ed il loro fabbisogno giornaliero è superiore ai 50 mg.

I Microelementi o Oligoelementi (ferro, manganese, molibdeno, rame, iodio, zinco, cromo, fluoro, selenio, ecc.) sono invece presenti in piccole quantità (il loro fabbisogno giornaliero è inferiore ai 50 mg) ma ciò nondimeno sono indispensabili per il benessere dell'organismo.

15/9/2009

18/6/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Analisi preventive per una bambina di un anno
Gli esami andrebbero prescritti non per controllare se una bimbina sta bene, ma per cercare conferma a seguito di un sospetto clinico fondato e motivato.
Bambini, adolescenti e social network
I social network sono uno strumento per favorire lo scambio di informazioni e la conoscenza reciproca. E' necessario un attento controllo da parte dei genitori.
Ittero del neonato o ittero neonatale
Ittero neonatale (del neonato): l'eccesso di bilirubina ha varie cause e conseguenze anche gravi, per cui si cura con la fototerapia.
Fecondazione: come avviene
Ecco come avviene la fecondazione: in una "gara" fra spermatozoi per la fecondazione dell'ovulo l'inizio della vita.
La crescita del bambino
Il pediatra, per controllare se la crescita e lo sviluppo procedono regolarmente, confronta le misure del bambino con tabelle standardizzate.

Quiz della settimana

Secondo il calendario vaccinale in vigore in Italia, il vaccino antipoliomielite:
viene somministrato per via intramuscolare
viene somministrato per via orale
viene somministrato prima per via intramuscolare e poi per via orale nei richiami successivi
non viene più somministrato perché la malattia è ormai scomparsa