ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

approfondire insieme al Pediatra

Che cosa sono i sali minerali

I sali minerali sono sostanze inorganiche che svolgono un ruolo di fondamentale importanza nel funzionamento degli organismi viventi. Ogni alimento il proprio spettro di sali minerali.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

I sali minerali sono sostanze inorganiche che svolgono un ruolo di fondamentale importanza nel funzionamento degli organismi viventi, sia animali che vegetali.

Sono coinvolti infatti in numerosi processi che vanno dalla sintesi delle proteine alla crescita e allo sviluppo di alcuni organi e tessuti, fino alla regolazione dell’equilibrio idrosalino delle cellule.

Come avviene per la maggior parte delle vitamine il corpo umano non è in grado di sintetizzare i sali minerali autonomamente, per cui essi vanno assunti ogni giorno attraverso l’alimentazione.

Ogni alimento contiene per natura il proprio spettro di sali minerali e più l’alimento è naturale (ha subito pochi processi di lavorazione) e più il suo contenuto di sali minerali è elevato. I sali minerali possono anche essere aggiunti agli alimenti (si parla in questo caso di alimenti arricchiti in sali minerali).

A differenza delle vitamine, la maggior parte dei sali minerali non è sensibile al calore, alla luce e all’ossigeno. Possono però andar persi con l’acqua di cottura oppure durante la preparazione, il lavaggio e la cottura degli alimenti.

I minerali essenziali all’organismo umano vengono distinti in due grandi gruppi a seconda del loro fabbisogno quotidiano:

  • Macroelementi
  • Microelementi o Oligoelementi

I Macroelementi (calcio, fosforo, magnesio, sodio, potassio, cloro e zolfo) sono presenti nell’organismo umano in quantità notevoli ed il loro fabbisogno giornaliero è superiore ai 50 mg.

I Microelementi o Oligoelementi (ferro, manganese, molibdeno, rame, iodio, zinco, cromo, fluoro, selenio, ecc.) sono invece presenti in piccole quantità (il loro fabbisogno giornaliero è inferiore ai 50 mg) ma ciò nondimeno sono indispensabili per il benessere dell'organismo.

15/9/2009

18/6/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Accertamenti a tappeto e screening
In Pediatria è corretto eseguire accertamenti (del sangue, strumentali o visite) solo quando esiste un sospetto diagnostico.
Emorroidi in gravidanza
Le emorroidi sono un disturbo frequente durante la gravidanza. Le cause e i rimedi suggeriti dal ginecologo.
Trauma dentale
Uno dei due denti incisivi si è scurito dopo un trauma. Il dentista deve fare gli accertamenti necessari dopo la valutazione diagnostica.
Afte ricorrenti
Per certi bambini soffrire di afte ricorrenti può diventare realmente un problema perché i sintomi sono dolorosi e abbastanza intensi.
Inserimento alla scuola materna: è il più giovane della classe
Nella sua classe di scuola materna sarà il più giovane. I consigli per l'inserimento.

Quiz della settimana

Quando si è punti da una zecca, quale dei seguenti comportamenti occorre seguire?
Rimuovere la zecca con alcool o acetone
Lasciare la zecca in sede per alcune ore facendola intontire con ammoniaca
Rimuovere la zecca prontamente con una pinzetta
Schiacciare subito la zecca nella sede della morsicatura