ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Salmonella e asilo nido

Un bambino affetto dalla salmonella non può frequentare il nido fino che non risultino tre coproculture negative anche se non presenta più sintomi.

a cura di: Dott. Giancarlo Gallone (pediatra)

Un bambino con coprocoltura positiva, ma in assenza di sintomi da quasi dieci giorni può frequentare il nido? E se persiste la positività cosa devo fare?

Le salmonelle, causa di tossi-infezioni alimentari, sono germi classificati in maggiori (Tifo, paratifo A e B) e minori con più di circa 2300 sierotipi diversi.

Essere contagiati dalle salmonelle è abbastanza facile: uova fresche di provenienza da piccoli produttori e non dalla grande distribuzione (le galline sono trattate con antibiotici), non sufficientemente cotte (solo l'uovo ben ben cotto è sicuro) ma anche carne, specialmente pollo, pesce, creme ecc.possono essere veicolo di salmonella.

Le galline, in particolar modo nel periodo estivo, sono portattrici di salmonella e pertanto l'uovo del contadino è a rischio, mentre, come citato sopra, i grossi produttori trattano con antibiotico le galline per evitare tale infestazione.

Ma come già esposto sono molte altre le fonti di infezione per contaminazione di alimenti. Pertanto sempre cibi ben cotti ed evitare cibi con componente uovo crudo.

Rispondo alla sua domanda: il bambino non può frequentare il nido fino a tre coproculture negative anche se non presenta più sintomi perchè è possibile che sia diventato temporaneamente un portatore.

Fintanto che elimina la Salmonella con le feci, i portatori sono a rischio di contagiare gli altri. Tuttavia, per quanto riguarda la riammissione al nido, occorre sottostare al parere del locale servizio di Igiene Pubblica della ASL e soprattutto alle disposizioni di legge per le malattie infettive e tali norme possono variare in ambito regionale.

Generalmente gli antibiotici non vengono usati se non in presenza di salmonelle maggiori che presentano una diffusività nell'organismo con possibili complicanze anche gravi. Lo stato di portatore è variabile da  soggetto a soggetto da pochi giorni fino a 3- 6 mesi.

Terapia: fermenti lattici. Attualmente i più accreditati sono quelli che contengono il Lactobacillus rhamnosus o Saccaromices boulardii: per tali fermenti esiste letteratura scientifica che nè conferma una maggiore efficacia.

26/9/2011

11/5/2018

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Salmonella e asilo nido"

Non trovando posto all'asilo nido, potrebbe frequentare per alcune ore gli "spazi gioco"
A 18 mesi è importante la socializzazione nell'asilo nido o negli "spazi gioco"? I consigli della psicologa.
Non mangia all'asilo nido
Mia figlia si rifiuta di mangiare all'asilo nido. I consigli di come farla superare questi problemi.
La salmonella
Esistono tre tipi di salmonella. Sono malattie causate da batteri del genere Salmonella, che possono causare da una semplice gastroenterite al tifo.
La salmonella: le cause del contagio
Tutti gli alimenti che causano il contagio da salmonella.
Salmonella nei bambini
La salmonella nei bambini rimane più a lungo nelle feci, ma non vuol dire che la malattia duri di più. Utile ripetere la coprocoltura.
Uovo crudo nello svezzamento e salmonella
A quale età introdurre l'uovo crudo nello svezzamento di un neonato e come evitare il rischio di salmonella.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Alimentazione dopo l'anno di vita
Dopo il primo anno, l'alimentazione sarà quasi uguale a quella di un adulto. E' importante che segua una dieta completa e varia.
Dolori alle articolazioni e alla schiena in gravidanza
Durante tutta la gravidanza può capitare di avvertire dei dolori articolazioni e alla schiena.
Macchie mongoliche
Le macchie mongoliche sono lesioni maculari congenite determinate dalla presenza in eccesso nel derma.
Aerofagia
Per evitare l'aerofagia nel lattante è bene utilizzare prodotti a base essenzialmente di finocchio, anice verde, melissa e camomilla.
Gli è stato diagnosticato un reflusso vescico-ureterale
La correzione del reflusso vescico-ureterale può essere chirurgica. La tecnica più frequentemente adottata è quella di Cohen.

Quiz della settimana

Che cosa è il miocardio?
Un osso
Una arteria
Un muscolo
Un nervo