ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Sanguinamento rettale

Le cause di sanguinamento rettale con sangue rosso vivo in un lattante possono essere diverse.

Il mio bimbo ha due mesi e venti giorni, assume il latte materno. Venti giorni fa abbiamo notato nelle feci la presenza di filamenti di sangue rosso vivo, le feci erano piuttosto liquide, nei due giorni successivi nelle feci abbiamo notato la presenza di punti grandi come la capocchia di uno spillo, sempre di colore rosso vivo. Dal terzo giorno per sette giorni non c'è stata più nessuna presenza di sangue. Due giorni dopo la prima manifestazione sono state eseguite ricerche di sangue occulto, di virus e batteri con risultato negativo. La seconda manifestazione di sangue rosso vivo si è riproposta a distanza di una settimana dalla prima con le stesse modalità: effettuata l'analisi sulle feci, il riscontro del laboratorio ha confermato la presenza di sangue nelle feci. Il Pediatria sostiene trattarsi di intolleranza al latte vaccino, ha momentaneamente eliminato dalla dieta della mamma il latte e i suoi derivati. Tutto questo sembra non aver avuto nessuna influenza sulla crescita di Vittorio. La dieta è stata variata dopo la seconda manifestazione di sangue nelle feci. È il caso di preoccuparsi? Quali accertamenti fare per eliminare il rischio di patologie gravi?

Le cause di sanguinamento rettale con sangue rosso vivo in un lattante possono essere diverse. Citiamo le più comuni: una ragade anale, cioè una abrasione della mucosa ano-rettale. Può essere sospettata se il bambino è stitico (feci dure) e si diagnostica semplicemente visitando il bambino; una intolleranza alimentare (di cui la più comune è l'allergia alle proteine del latte vaccino).

Anche se il bambino è allattato dalla mamma, il passaggio di antigeni nel latte materno è ben documentato: in molti casi è necessario mettere la mamma a dieta priva di latticini per ottenere il miglioramento del figlio; un polipo, cioè una formazione benigna a livello dell'ultimo tratto dell'intestino.

Non si tratta di una patologia grave, ma possono accadere delle complicazioni (emorragie massicce, emorragie leggere ma continue con anemizzazione, ostruzione intestinale, invaginazione) che giustificano attenzione al problema; vari tipi di colite, sia su base infettiva (batteri) che infiammatoria aspecifica.

La diagnosi a volte si fa con la coprocoltura (esame delle feci), ma talvolta richiede la biopsia della mucosa intestinale; il diverticolo di Meckel: una formazione benigna a livello intestinale, residuo dello sviluppo embrionale, che può fare questo genere di scherzi (e, a volte, simulare una vera e propria appendicite); anomalie vascolari: difetti congeniti dei vasi sanguigni dell'intestino. ù

Per valutare queste possibili diagnosi, una volta esclusa la ragade (visitando il bambino) e la patologia infettiva (esame delle feci), l'esame più utile è la rettosigmoidoscopia, cioè l'endoscopia della parte finale dell'intestino. L'esame si fa introducendo un tubicino (fibre ottiche) nell'ano, non è doloroso e consente di vedere l'intestino dal di dentro, valutare la presenza di lesioni e prendere qualche campione di mucosa da analizzare.

Se questo esame non fornisce risultati utili e se il sanguinamento si ripete, può essere utile mettere la mamma a dieta di prova, eliminando latticini e uovo.

1/1/1997

8/11/2014

I commenti dei lettori

Ciao, purtroppo anche a mia figlia a soli 15 giorni dalla nascita ha fatto sangue nella cacca, così ci siamo recati al pronto soccorso e siccome era un pò stitica hanno riscontrato una ragade. Riferito ciò alla pediatra e continuando a notare il sangue fluente rosso vivo anche senza cacca la pediatra ci ha subito mandato al reparto di chirurgia neonatale del San Camillo a Roma e ci hanno ricoverato con urgenza e dopo una settimana di ricovero mio e della bambina ( che per altro ricordo con positività perchè medici e infermieri sono statieccezionali) hanno dovuto farle una colonscopia per escludere il peggio e "per fortuna" era solo una intolleranza al latte e derivati che le trasmettevo io tramite l allattamento al seno. Fio ai 4 anni di vita siamo stati seguiti sempre lì da un bravissimo allergologo ritardando l inserimento di molti alimenti....oggi la Ia bimba mangia di tutto e con gran gusto!!! da poco ho iniziato lo svezzamento del mio secondo figlio è già conla mela si è riempito il viso di puntini rossi e in quei giorni era più nervoso del solito.....speriamo bene! Grazie

Marta (RM) 02/01/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Sanguinamento rettale"

Epistassi: il sangue dal naso
Il sangue dal naso: l'epistassi è un disturbo molto comune nell'infanzia.
Feci verdi o cacca verde nel neonato
Il mio bambino fa spesso la cacca verde. Quando il colore delle scariche è un problema nel neonato? Feci verdi non significa salmonella o indigestione.
Sferocitosi
La sferocitosi è una anemia ereditaria caratterizzata da una particolare fragilità dei globuli rossi.
Sangue nelle feci
Nel segnalare la presenza di sangue nelle feci occorre sempre descrivere se il sangue è di colore rosso vivo, se è mischiato alle feci o contiene muco.
Valori normali dei globuli bianchi
I valori dei globuli bianchi in un bambino di nove mesi si pongono solitamente tra i 6.000 ai 17.000/mmc (con valori medi di 11.500).
Stitichezza o stipsi nei bambini
Le cause di stitichezza si possono riassumere in stipsi da squilibri alimentari e la stipsi da ritenzione volontaria. Cosa fare in caso di stitichezza.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Idronefrosi
L'idronefrosi congenita è una dilatazione del pelvi renale e dei calici renali dovuta ad una anomalia congenita della giunzione tra il rene e l'uretere.
Speciale: l'ABC del nasino sano
Quasi tutti i piccoli e grandi malanni dei nostri piccoli iniziano dal naso. Trattiamolo con cura.
Stitichezza o stipsi nei bambini
Le cause di stitichezza si possono riassumere in stipsi da squilibri alimentari e la stipsi da ritenzione volontaria. Cosa fare in caso di stitichezza.
E' nata con solo un rene
E' nata con solo un rene. Da un'ecografia risultano numerose aree di ipofissazione riconducibili probabilmente a forme cistiche o displasiche.
Quando iniziare lo svezzamento in caso di allattamento al seno?
Iniziare lo svezzamento a sei mesi o continuare con il solo allattamento al seno? I consigli del Pediatra nutrizionista.

Quiz della settimana

Lo scorbuto è una malattia causata dalla carenza di una vitamina. Quale?
Vitamina A
Vitamina C
Vitamina E
Vitamina K