ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Scintigrafia renale e cisto-uretrografia minzionale

Scintigrafia renale e cisto-uretrografia. In che cosa consistono questi esami?

a cura di: Dott. Gianantonio Manzoni (chirurgo pediatra - urologo)

Alla mia bambina di tre anni hanno prescritto i seguenti esami: Scintigrafia renale Mag3 e Cisto-uretrografia minzionale. Vorrei sapere in che cosa consistono questi esami e se sono dolorosi.

Premesso che è francamente difficile rispondere a questa domanda senza conoscere il motivo per cui sono stati richiesti questi esami e senza conoscere una storia clinica, mi limito ad una risposta tecnica: 

 La scintigrafia renale sequenziale MAG3 è un esame che consiste nella iniezione endovenosa di una sostanza (radio-isotopo) che viene filtrata ed eliminata dai reni, e che consente di visualizzare con una gammacamera (N.d.R.: è lo strumento che è in grado di rilevare e localizzare la radiazione emessa dal paziente) la funzionalità renale. In pratica le informazioni che si possono ottenere sono: quanto funzionano i reni: se esiste una stasi urinaria, cioè un'ostruzione al deflusso dell'urina. Durante la fase terminale dell'esame, se è possibile seguire anche la fase minzionale, viene verificata l'eventuale risalita dell'urina nelle alte vie urinarie (= reflusso vescico-ureterale) e questa viene chiamata cisto-scintigrafia indiretta (senza utilizzare un catetere vescicale). L'esame deve essere eseguito dopo una adeguata idratazione (non a digiuno!!) e l'unico dolore è rappresentato dalla puntura della vena.

La cisto-uretrografia minzionale è un esame che viene eseguito mediante l'introduzione di un piccolo catetere in vescica. Questa è ovviamente una manovra un poco fastidiosa e relativamente dolorosa (se eseguita correttamente) e deve essere sempre fatta sterilmente e con un'adeguata copertura antibiotica profilattica. L'esame è finalizzato allo studio del riempimento vescicale ed allo studio durante la minzione. Gli scopi principali sono quelli di: verificare l'eventuale presenza di un reflusso vescico-ureterale; verificare l'eventuale presenza di anomalie vescicali (diverticolo, ureterocele, etc.); studio dell'uretra (soprattutto nel maschio). Questo esame ha una dose di irradiazione nettamente diversa a seconda del mezzo introdotto in vescica, in quanto la cistografia fluoroscopica è molto più irradiante della cistoscintigrafia. Infine la cistosonografia (eseguita con eco-contrasto) non è irradiante del tutto.

7/5/2002

31/10/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Scintigrafia renale e cisto-uretrografia minzionale"

Pielectasia bilaterale
In gravidanza hanno diagnosticato al mio bambino una pielectasia bilaterale. Gli esami di controllo che dovrà sostenere sono dolorosi?
Scintigrafia renale su un neonato
Per conoscere l'esatta funzionalità di entrambi i reni serve una scintigrafia renale. Nel neonato non è un esame urgente.
Una cistografia senza catetere
La Cisto-scintigrafia indiretta si differenzia dalla diretta per la mancata introduzione di un catetere "direttamente" in vescica.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Ha quasi un mese, ma non gli è ancora caduto il moncone ombelicale
La caduta del moncone ombelicale: ad un mese di vita, se non fosse già caduto, va reciso chirurgicamente.
Le sono già comparse le smagliature sul seno
Il seno si è riempito di smagliature ancora rosse, posso fare qualcosa di più efficace? I consigli del dermatologo.
Pro e contro l'asilo nido
La scelta di mandare all'asilo nido bambini anche molto piccoli è un'esigenza "moderna". I consigli del Pediatra.
La donna dopo il parto
Il brusco cambiamento avvenuto dopo il parto porta l'organismo ad una serie di complesse modificazioni.
La pelle del neonato
La pelle del neonato è soggetta ad arrossamenti ed irritazioni a causa dell'estrema fragilità cutanea e del contatto prolungato con fattori irritanti.

Quiz della settimana

Per quanto tempo si può conservare in frigorifero il latte materno, senza perdere nessuna delle sue molteplici proprietà?
meno di 12 ore
non piu di 24 ore
36 ore
oltre le 48 ore