ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Scintigrafia renale su un neonato

La scintigrafia renale serve per conoscere l'esatta funzionalità di entrambi i reni. Non è un esame urgente e può essere pianificata entro i sei mesi di vita.

a cura di: Dott. Gianantonio Manzoni (chirurgo pediatra - urologo)

Ho una bimba di quattro settimane; durante la gravidanza uno dei reni è risultato in posizione pelvica e ciò è stato confermato da un'ecografia effettuata dopo quattro settimane dalla nascita durante la quale le dimensioni del rene ectopico sono state valutate accettabili anche se apparentemente inferiori a quelle del rene normale. Ad oggi non ha avuto nessun tipo di sintomo e cresce regolarmente. Non risultano infezioni alle vie urinarie; non si evidenziano altre malformazioni. Ci è stato consigliato di effettuare una scintigrafia renale e una cisto-uretrografia minzionale per verificare la funzionalità del rene pelvico e assicurare l'assenza di reflusso. 
Dato che entrambi gli esami comportano un assorbimento di radiazioni non trascurabile, soprattutto in considerazione dell'età della bimba, vorrei sapere se sono realmente indispensabili/consigliabili anche in assenza di qualunque sintomatologia.

La sua piccola è nata con una ectopia renale (posizione fuori dalla normale sede lombare) pelvica. Inoltre, situazione non infrequente, il rene ectopico è apparentemente più piccolo (ipoplasico) rispetto al normale rene controlaterale.

In questa situazione l'unica possibilità per conoscere la esatta funzionalità di entrambi i reni è con una scintigrafia renale (MAG3) in quanto la Ecografia Renale e Vescicale è un esame (non invasivo) solamente morfologico. Normalmente la esecuzione della scintigrafia non è assolutamente urgente e può tranquillamente essere pianificata nei primi sei mesi di vita.

Se alla valutazione ecografica non è stata segnalata alcuna dilatazione calico-pielica e/o ureterale personalmente non credo che sia giustificato o necessario eseguire anche una cistografia minzionale. Il rischio infatti di un eventuale reflusso vescico-ureterale è estremamente basso ed una piccola lattante in pieno benessere con un accrescimento regolare e senza una storia di infezioni urinarie sembrerebbe proprio confermarlo.

17/5/2012

8/11/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Scintigrafia renale su un neonato"

Pielectasia bilaterale
In gravidanza hanno diagnosticato al mio bambino una pielectasia bilaterale. Gli esami di controllo che dovrà sostenere sono dolorosi?
Scintigrafia renale e cisto-uretrografia
Scintigrafia renale e cisto-uretrografia. In che cosa consistono questi esami? Il parere dell'esperto.
Una cistografia senza catetere
La Cisto-scintigrafia indiretta si differenzia dalla diretta per la mancata introduzione di un catetere "direttamente" in vescica.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Alimentazione dopo l'anno di vita
Dopo il primo anno, l'alimentazione sarà quasi uguale a quella di un adulto. E' importante che segua una dieta completa e varia.
Dolori alle articolazioni e alla schiena in gravidanza
Durante tutta la gravidanza può capitare di avvertire dei dolori articolazioni e alla schiena.
Macchie mongoliche
Le macchie mongoliche sono lesioni maculari congenite determinate dalla presenza in eccesso nel derma.
Aerofagia
Per evitare l'aerofagia nel lattante è bene utilizzare prodotti a base essenzialmente di finocchio, anice verde, melissa e camomilla.
Gli è stato diagnosticato un reflusso vescico-ureterale
La correzione del reflusso vescico-ureterale può essere chirurgica. La tecnica più frequentemente adottata è quella di Cohen.

Quiz della settimana

Che cosa è il miocardio?
Un osso
Una arteria
Un muscolo
Un nervo