ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Sindrome di Edwards

La sindrome di Edwards, detta anche sindrome da trisomia 18, è una aberrazione cromosomica in cui è presente un cromosoma 18 in più. La diagnosi è fatta sulla semplice osservazione clinica.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Vorrei maggiori informazioni sulla sindrome di Edwards (trisomia 18). Perché è così difficile avere notizie, anche elementari, su un tipo di malattia che è vero che è rara, fortunatamente, ma è anche vero che è stata scoperta quasi quarant'anni fa? Sto cercando su Internet da diverso tempo ma ho trovato, per adesso, solo poche cose in inglese e nulla in italiano.

La sindrome di Edwards, detta anche sindrome da trisomia 18, è una aberrazione cromosomica in cui è presente un cromosoma in più: il cromosoma 18.

L'alterazione genetica colpisce all’incirca un neonato ogni 6.000-8.000 e la sua diagnosi può essere spesso fatta sulla base della semplice osservazione clinica, confermata poi dall'esame della mappa cromosomica. I pazienti, che alla nascita sono piccoli e che hanno la successiva crescita gravemente ritardata, presentano un cranio allungato con l'osso occipitale (quello che si trova nella parte posteriore della testa) prominente, una attaccatura bassa delle orecchie e un mento piccolo, sfuggente.

Le mani sono chiuse con l'indice ed il mignolo sovrapposti al medio ed all'anulare, e le unghie, comprese quelle delle dita dei piedi, poco sviluppate. Il piede ha la pianta ricurva con il calcagno sporgente e un impianto anomalo delle dita con alluce corto, talvolta flesso dorsalmente. La cute ed i muscoli appaiono gravemente ipotrofici. Lo sterno è corto ed il torace ed il bacino stretti; questi bambini hanno quasi sempre delle malattie cardiache congenite e presentano sovente anomalie renali e a carico dell'apparato digerente. I pazienti hanno un riflesso di suzione debole e dimostrano difficoltà di alimentazione; è presente un grave ritardo psicomotorio.

La prognosi della trisomia 18 è grave e la morte quasi sempre sopraggiunge nei primi mesi di vita per complicanze cardiache e polmonari (soprattutto crisi di apnea). E’ possibile eseguire la diagnosi prenatale della sindrome di Edwards mediante l’esame cromosomico sui villi coriali e sulle cellule del liquido amniotico.

14/2/2000

8/2/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cambiare casa: è importante far partecipare il bambino
Cambiare casa: è importante far partecipare il bambino. I consigli della psicologa.
Lo svezzamento dopo il sesto mese
Dal sesto mese di vita compiuto si può iniziare lo svezzamento, cioè l'integrazione di cibi solidi e semisolidi.
Togliere o no i denti da latte?
E' necessario rivolgersi all'ortodonzista che è in gradi di valutare se è necessaria l'estrazione del dente da latte.
Cisti smegmatiche
Le cisti smegmatiche sono piccole sacche di grasso sotto la pelle del prepuzio che si risolvono da sole.
Pressione bassa nel bambino
Mio figlio di 10 anni soffre di pressione bassa. Da che cosa può dipendere? Se l'alimentazione è varia, non sono necessari gli integratori.

Quiz della settimana

Secondo il calendario vaccinale in vigore in Italia, il vaccino antipoliomielite:
viene somministrato per via intramuscolare
viene somministrato per via orale
viene somministrato prima per via intramuscolare e poi per via orale nei richiami successivi
non viene più somministrato perché la malattia è ormai scomparsa