ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Sindrome di Jeune

La distrofia toracica asfissiante, detta anche sindrome di Jeune, è una sindrome congenita ereditaria che si trasmette come carattere autosomico recessivo.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Vorrei avere informazioni sulla sindrome di Jeune.

La distrofia toracica asfissiante, detta anche sindrome di Jeune, è una sindrome congenita ereditaria che si trasmette come carattere autosomico recessivo (richiede, in altre parole, che entrambi i genitori siano portatori sani della patologia), anche se è stata descritta la possibilità di casi sporadici. Fondamentalmente si caratterizza per una compromissione generalizzata della crescita scheletrica. Generalmente causa grave difficoltà respiratoria alla nascita o nella prima infanzia. Diverse malformazioni congenite possono associarsi come torace stretto e allungato, mani e piedi corti, presenza di dita in sovrannumero, brevità delle ossa delle braccia e delle gambe. Altre manifestazioni cliniche meno comuni comprendono lesioni cistiche del pancreas, anomalie della pigmentazione della retina e difetti dentari e delle unghie.

Molto spesso, nei pazienti più anziani, compare una insufficienza renale. Le forme lievi in generale vengono diagnosticate tardivamente ed in maniera del tutto occasionale: giungono infatti all'attenzione dello specialista per bassa statura e per le anomalie scheletriche. In lattanti e bambini con questa sindrome è stato descritto il coinvolgimento epatico, che può presentarsi come un ittero neonatale prolungato fino alla prima infanzia oppure come una cirrosi epatica precoce. Per la diagnosi è necessaria la conferma radiologica che dimostra che le costole sono corte e le ossa iliache della pelvi sono piccole con irregolarità dell'acetabolo (quella specie di nicchia concava, situata nella parte centrale dell'osso dell'anca, entro cui il femore si inserisce). Per maggiori notizie su questa rara sindrome è consigliabile consultare un sito in lingua italiana www.sindrome-di-jeune.too.it, che si propone come punto di riferimento per le famiglie e per i medici che seguono i pazienti affetti da questa patologia.

9/5/2002

21/12/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Analisi preventive per una bambina di un anno
Gli esami andrebbero prescritti non per controllare se una bimbina sta bene, ma per cercare conferma a seguito di un sospetto clinico fondato e motivato.
Bambini, adolescenti e social network
I social network sono uno strumento per favorire lo scambio di informazioni e la conoscenza reciproca. E' necessario un attento controllo da parte dei genitori.
Ittero del neonato o ittero neonatale
Ittero neonatale (del neonato): l'eccesso di bilirubina ha varie cause e conseguenze anche gravi, per cui si cura con la fototerapia.
Fecondazione: come avviene
Ecco come avviene la fecondazione: in una "gara" fra spermatozoi per la fecondazione dell'ovulo l'inizio della vita.
La crescita del bambino
Il pediatra, per controllare se la crescita e lo sviluppo procedono regolarmente, confronta le misure del bambino con tabelle standardizzate.

Quiz della settimana

Secondo il calendario vaccinale in vigore in Italia, il vaccino antipoliomielite:
viene somministrato per via intramuscolare
viene somministrato per via orale
viene somministrato prima per via intramuscolare e poi per via orale nei richiami successivi
non viene più somministrato perché la malattia è ormai scomparsa