ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Sindrome di Prader-Willy

La sindrome di Prader-Willy è una malattia complessa la cui incidenza è stimata di circa 1: 10000-25000 nati con una prevalenza dei maschi sulle femmine (2:1). I sintomi più importanti.

a cura di: Dott. Roberto Bussi (pediatra)

Vorrei porvi un quesito da parte di una mia amica. Le hanno detto che la sua bambina di 3 mesi è affetta da sindrome di Prader-Willy. La mia amica vorrebbe avere informazioni sulla sintomatologia e sui problemi in accrescimento che può dare nei bambini, con le relative conseguenze.

La sindrome di Prader-Willy è una malattia complessa la cui incidenza è stimata di circa 1: 10000-25000 nati con una prevalenza dei maschi sulle femmine (2:1). E' un'affezione per lo più sporadica ma sono descritte anche forme familiari. La causa vede coinvolta nel 60-75 % dei casi una anomalia del cromosoma 15 di origine paterna. Il meccanismo è dato da un difetto che risiederebbe funzionalmente a livello dell'ipotalamo e ciò spiegherebbe la serie di sintomi apparentemente indipendenti: bassa statura, ipogonadismo (ovaie o testicoli piccoli), perdita del controllo dell'appetito, eccessiva sonnolenza. 

I sintomi più importanti secondo le età sono: nel periodo prenatale: riduzione dei movimenti fetali; nel 20-40 % dei casi il parto e' podalico; nel periodo neonatale: peso inferiore alla norma, ipotonia o atonia muscolare che condiziona la suzione con conseguente alimentazione assistita e possibile grave ritardo dell'accrescimento ponderale; nel 1° anno di vita: ritardo di acquisizione delle tappe di sviluppo motorio nell'infanzia: l'ipotonia si attenua e iniziano obesità e deficit staturale mentre si accentuano problemi emozionali e comportamentali associati a vari gradi di ritardo mentale; nell'adolescenza e maturità: aumento dell'appetito con obesità ingravescente, bassa statura. Nelle femmine lo sviluppo puberale è variabile e in un terzo dei casi è incompleto, mentre nel maschio è di regola ritardato o incompleto. Il maschio è sterile, nella femmina vi è amenorrea (mancanza di mestruazioni) primaria e, se insorge il menarca, i cicli sono irregolari e senza ovulazione.

Sono presenti ritardo mentale con QI (quoziente intellettivo) tra 20 e 80, linguaggio ritardato, vocabolario povero, gravi turbe comportamentali e sessuali. Possibile complicanza è il diabete mellito non insulino-dipendente che insorge già nella seconda decade di vita. L'obesità va tenuta sotto controllo in quanto può essere responsabile di gravi problemi. Il bambino affetto da Prader - Willy va seguito nel tempo con attenzione visto i tanti problemi che può avere. Così vanno seguiti con cura i suoi genitori bisognosi di continuo supporto con spiegazioni e consigli.

30/8/1999

8/11/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Sindrome di Prader-Willy"

La sindrome di Prader-Willy
La sindrome di Prader-Willy è caratterizzata da obesità, ipotonia, acromicria (dimensioni ridotte delle mani e dei piedi).
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Calmare il pianto del neonato
Il pianto del neonato è fatto apposta per non lasciare indifferenti. Non esistono neonati che mangiano, dormono e non piangono mai.
Che ruolo gioca il freddo nelle malattie da raffreddamento?
Il termine "raffreddore" ha ancora senso? La sola esposizione al freddo non può causare una malattia infettiva delle prime vie aeree.
Inserimento graduale alla scuola materna
L'inserimento graduale alla scuola materna può disorientare una bambina già abituata all'asilo nido? I consigli della psicologa.
E' necessaria la profilassi con Vitamina K in un neonato?
Il neonato è carente di vitamina K ed è importante fornire una supplementazione.
Uso del montelukast nei bambini piccoli
Esistono controindicazioni ad usare gli antileucotrieni Montelukast nei bambini piccoli? Il parere del Pediatra.

Quiz della settimana

Come si corregge una ernia ombelicale del diametro di 2 cm in un bambino di sei mesi di età?
Applicandovi sopra un cerotto
Con un intervento chirurgico immediato
Entrambe le cose sono da fare
Non si deve fare nulla