ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Sindrome di Williams

La sindrome di Williams è una malattia genetica piuttosto rara causata da una microrottura del gene, situato all’interno del cromosoma 7 che regola la sintesi dell'elastina.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Vorrei sapere se esiste una sindrome detta di Williams e in che cosa consiste.

La sindrome di Williams è una malattia genetica piuttosto rara (colpisce infatti all’incirca uno ogni 10-20 mila neonati), causata da una microrottura del gene, situato all’interno del cromosoma 7, che regola la sintesi dell’elastina. Questa è una proteina che rappresenta la costituente principale del tessuto connettivo elastico e la cui mancata produzione provoca gravi problemi a carico del cuore e di altri organi, influendo anche sull’aspetto fisico dei malati.

I pazienti affetti dalla sindrome di Williams presentano infatti una faccia elfica (gli elfi sono i piccoli folletti della mitologia nordica) con fronte ampia, epicanto (presenza di una piega cutanea a forma di falce all'angolo interno dell'occhio), appiattimento della radice nasale, naso all’insù, guance "cadenti", labbra spesse, mento a punta, malocclusione dentaria, voce rauca e profonda. Sono spesso associate cardiopatie e malformazioni vascolari, ernia inguinale e/o ombelicale, alterazioni del tronco e degli arti, e ritardo mentale di grado medio-grave. I pazienti presentano spesso una personalità allegra e loquace ed un atteggiamento gioviale e amichevole. La malattia è nella maggioranza dei casi sporadica e di conseguenza il rischio di avere un altro figlio affetto è trascurabile.

1/5/1999

3/2/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Craniostenosi
Con il termine di craniostenosi si intende una malformazione del cranio dovuta ad un’alterazione dell'ossificazione.
I disturbi del sonno
I disturbi del sonno: quando il bambino ha paura di addormentarsi da solo.
Sottopeso
Mia figlia di 15 mesi mangia regolarmente, è una bambina molto attiva, ma è sottopeso. La pediatra dice che l'importante che stia bene.
Giorni fertili: in quali giorni del ciclo mestruale è più probabile rimanere incinta?
In quali giorni fertili del ciclo mestruale è più probabile rimanere incinta. Come calcolare la data dell'ovulazione.
Lo svezzamento dopo il sesto mese
Dal sesto mese di vita compiuto si può iniziare lo svezzamento, cioè l'integrazione di cibi solidi e semisolidi.

Quiz della settimana

Quale fra le seguenti affermazioni sulle caratteristiche del latte materno è più corretta?
Il latte materno ha caratteristiche nutritive che variano durante le varie ore della giornata
Il latte materno normalmente non ha necessità di essere analizzato in laboratorio
Il latte materno ha una composizione che varia durante la poppata
Tutte le precedenti risposte sono esatte