ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Sindrome di Williams

La sindrome di Williams è una malattia genetica piuttosto rara causata da una microrottura del gene, situato all’interno del cromosoma 7 che regola la sintesi dell'elastina.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Vorrei sapere se esiste una sindrome detta di Williams e in che cosa consiste.

La sindrome di Williams è una malattia genetica piuttosto rara (colpisce infatti all’incirca uno ogni 10-20 mila neonati), causata da una microrottura del gene, situato all’interno del cromosoma 7, che regola la sintesi dell’elastina. Questa è una proteina che rappresenta la costituente principale del tessuto connettivo elastico e la cui mancata produzione provoca gravi problemi a carico del cuore e di altri organi, influendo anche sull’aspetto fisico dei malati.

I pazienti affetti dalla sindrome di Williams presentano infatti una faccia elfica (gli elfi sono i piccoli folletti della mitologia nordica) con fronte ampia, epicanto (presenza di una piega cutanea a forma di falce all'angolo interno dell'occhio), appiattimento della radice nasale, naso all’insù, guance "cadenti", labbra spesse, mento a punta, malocclusione dentaria, voce rauca e profonda. Sono spesso associate cardiopatie e malformazioni vascolari, ernia inguinale e/o ombelicale, alterazioni del tronco e degli arti, e ritardo mentale di grado medio-grave. I pazienti presentano spesso una personalità allegra e loquace ed un atteggiamento gioviale e amichevole. La malattia è nella maggioranza dei casi sporadica e di conseguenza il rischio di avere un altro figlio affetto è trascurabile.

1/5/1999

3/2/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Come si raccolgono le urine per l'urinocoltura?
Per avere risultati attendibili nell'esame delle urine è necessario rispettare alcune regole nella raccolta.
Il bambino che morde
Dopo l'anno di età il bambino morde per scoprire quello che lo circonda. Dopo i due-tre anni diventa un modo per esprimere rabbia e intimidire i coetanei.
Un apparecchio per il controllo del respiro del neonato
L'apparecchio per il controllo del respiro del neonato purtroppo non assolve l'obbiettivo ovvero non suona quando a volte un bambino presenta un'apnea.
Epitelioma calcifico di Malherbe
L'Epitelioma calcifico di Malherbe è una rara lesione della pelle. Va rimossa chirurgicamente.
Ipoglicemia neonatale
L'ipoglicemia è un'evenienza frequente nel periodo neonatale. Un calo di zucchero è più frequente nei prematuri.

Quiz della settimana

Con che frequenza compaiono i cosiddetti "dolori di crescita" nei bambini sani?
2-3%
5-10%
10-20%
20-30%