ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Sindrome di Williams

La sindrome di Williams è una malattia genetica piuttosto rara causata da una microrottura del gene, situato all’interno del cromosoma 7 che regola la sintesi dell'elastina.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Vorrei sapere se esiste una sindrome detta di Williams e in che cosa consiste.

La sindrome di Williams è una malattia genetica piuttosto rara (colpisce infatti all’incirca uno ogni 10-20 mila neonati), causata da una microrottura del gene, situato all’interno del cromosoma 7, che regola la sintesi dell’elastina. Questa è una proteina che rappresenta la costituente principale del tessuto connettivo elastico e la cui mancata produzione provoca gravi problemi a carico del cuore e di altri organi, influendo anche sull’aspetto fisico dei malati.

I pazienti affetti dalla sindrome di Williams presentano infatti una faccia elfica (gli elfi sono i piccoli folletti della mitologia nordica) con fronte ampia, epicanto (presenza di una piega cutanea a forma di falce all'angolo interno dell'occhio), appiattimento della radice nasale, naso all’insù, guance "cadenti", labbra spesse, mento a punta, malocclusione dentaria, voce rauca e profonda. Sono spesso associate cardiopatie e malformazioni vascolari, ernia inguinale e/o ombelicale, alterazioni del tronco e degli arti, e ritardo mentale di grado medio-grave. I pazienti presentano spesso una personalità allegra e loquace ed un atteggiamento gioviale e amichevole. La malattia è nella maggioranza dei casi sporadica e di conseguenza il rischio di avere un altro figlio affetto è trascurabile.

1/5/1999

10/9/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cambiare casa: è importante far partecipare il bambino
Cambiare casa: è importante far partecipare il bambino. I consigli della psicologa.
Lo svezzamento dopo il sesto mese
Dal sesto mese di vita compiuto si può iniziare lo svezzamento, cioè l'integrazione di cibi solidi e semisolidi.
Togliere o no i denti da latte?
E' necessario rivolgersi all'ortodonzista che è in gradi di valutare se è necessaria l'estrazione del dente da latte.
Cisti smegmatiche
Le cisti smegmatiche sono piccole sacche di grasso sotto la pelle del prepuzio che si risolvono da sole.
Pressione bassa nel bambino
Mio figlio di 10 anni soffre di pressione bassa. Da che cosa può dipendere? Se l'alimentazione è varia, non sono necessari gli integratori.

Quiz della settimana

Secondo il calendario vaccinale in vigore in Italia, il vaccino antipoliomielite:
viene somministrato per via intramuscolare
viene somministrato per via orale
viene somministrato prima per via intramuscolare e poi per via orale nei richiami successivi
non viene più somministrato perché la malattia è ormai scomparsa