ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

La sindrome di Pierre-Robin

La sindrome di Pierre Robin è caratterizzata da micrognazia (mandibola piccola), palatoschisi (incompleta chiusura del palato) e macroglossia (lingua grossa).

a cura di: Dott. Roberto Bussi (pediatra)

Sono padre di un bambino di un mese a cui è stata diagnosticata la sindrome di Pierre Robin, che gli comporta una schisi del palato e una ipocrescita della mandibola. Il bambino con un po' di fatica riesce ad alimentarsi con biberon e sondino. Vorrei avere consigli per aiutarlo ed informazioni su questa sindrome (cause, terapie, sintomi).

La sindrome di Pierre Robin è caratterizzata da micrognazia (mandibola piccola), palatoschisi (incompleta chiusura del palato) e macroglossia (lingua grossa). Il difetto primario è in genere quello dovuto a un‘anormale crescita e sviluppo della mandibola a livello fetale, che, impedendo la normale posizione della lingua, fa sì che questa provochi la schisi del palato. I problemi della malattia sono soprattutto nei primi mesi di vita per la difficoltà che la macroglossia può procurare sia all’alimentazione, sia alla respirazione.

E’ consigliata la posizione prona (a pancia in giù) durante il sonno per evitare che la lingua ostruisca le vie respiratorie. La sindrome di Pierre Robin pare non essere una malattia ereditaria. La prognosi è in genere buona e la mandibola col tempo cresce regolarmente, a meno che la sindrome non faccia parte di quadri molto più complessi caratterizzati da altri tipi di sintomi: in tal caso la prognosi è legata alla gravità di questi.

1/3/1999

27/4/2016

I commenti dei lettori

anche io sono una mamma di un bambino di sindrome pier robin adesso mio figlio ha 6 anni ma i primi mesi di vita e stata veramente dura per la respirazione e per la nutrizione si è nutrito per 4 mesi con sondino nasale poi a imparato il biberon importante fallo prima esercitare con un ciucciotto io ero andata in depressione vedevo un problema piu grande di me ma per fortuna è andato tutto bene quindi mamme non avete paura di questa situazione con molta forza e pazienza si risolve tutto

pina (NA) 22/04/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "La sindrome di Pierre-Robin"

Labbro leporino
Il labbro leporino è una malformazione congenita con divisione del labbro superiore (labioschisi); si associa a mancata saldatura della mascella (palatoschisi).
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

La timidezza la rende antipatica
Per aiutare un bambino a superare la sua timidezza è importante fare sentire il bambino sempre amato ed accettato per quello che è.
Laringomalacia
La laringomalacia è un disturbo congenito della laringe caratterizzato da uno stridore inspiratorio e da un'ostruzione delle vie aeree.
Quale apparecchio per aerosol è meglio usare con il beclometasone?
Per alcuni farmaci, fra cui il beclometasone, è meglio usare apparecchi tradizionali e non ad ultrasuoni.
Reflusso vescico-ureterale
E' stata operata da poco all'uretere per reflusso vescico-ureterale da un lato e la malattia è comparsa nell'altro rene.
Sintomi e cure della toxoplasmosi in gravidanza
La toxoplasmosi in gravidanza può manifestarsi senza sintomi. Le cure servono a ridurre il pericolo di infezione per il fato e il neonato.

Quiz della settimana

Parlando dei mucolitici, è corretto affermare che:
Calmano la tosse
Vanno somministrati insieme ai sedativi della tosse
Fluidificano il catarro
Fanno abbassare la febbre