ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Soffre di vertigini

La vertigine è una falsa sensazione di movimento, in particolare di rotazione, del soggetto o di ciò che lo circonda.

a cura di: Dott. Sergio Manieri (pediatria)

È possibile che un bambino di quattro anni possa soffrire di vertigini? Sino all'età di sei mesi circa, potevo far volteggiare e giocare con il mio bambino senza che mostrasse nessuna paura. Da oltre un anno invece ha sviluppato una specie di terrore per i giochi in cui si sente "sospeso" in aria, compreso il "cavallino" sulle mie spalle. Escludendo possibili traumi da cadute o perdita di equilibrio nei giochi con altri bambini, è verosimile che soffra di vertigini e quali possono esserne le cause?

La vertigine è una falsa sensazione di movimento, in particolare di rotazione, del soggetto o di ciò che lo circonda. Si verifica transitoriamente in soggetti normali in seguito a particolari stimoli (ad esempio, rapida e veloce rotazione, come capita sulle giostre) ma rappresenta anche un sintomo particolarmente importante di varie malattie che interessano l'apparato vestibolare (struttura che si trova nell'orecchio interno), ma anche di patologie intracraniche come il neuroma del nervo acustico. Spesso coesistono nausea e nistagmo. Le cause di vertigini sono numerose: per lo più si tratta di vertigini periferiche, cioè di disfunzioni del labirinto (che contiene l'apparato vestibolare) o del nervo vestibolare (il nervo dell'equilibrio, ossia la componente vestibolare del nervo acustico).

Più rare sono le vertigini centrali, dovute a disfunzioni del tronco cerebrale o del lobo temporale. Un particolare tipo di disturbo vestibolare è la vertigine parossistica benigna, disturbo assai raro tipico dei primi anni di vita (si verifica, infatti, tra uno e cinque anni, senza altri segni neurologici). La causa non è nota e talvolta vi è familiarità. Gli episodi vertiginosi sono improvvisi, in pieno benessere e senza particolari stimoli, di brevissima durata; il bambino diventa pallido, talora grida, cerca di aggrapparsi, talora cade a terra ma non vi è perdita di coscienza. Il disturbo cessa spontaneamente all'età di cinque - sette anni. Da quanto detto, si evince che la vertigine può verificarsi in qualsiasi epoca dell'età pediatrica, sebbene venga descritta più o meno chiaramente dal bambino che ha più di tre anni. Nei più piccoli il disturbo può essere sospettato quando il bimbo si aggrappa per evitare di cadere o ha un'espressione spaventata o chiude gli occhi. Nel caso in questione, il piccolo avverte disagio quando è tenuto sulle spalle o sospeso in aria, ma non sembrano associarsi altri sintomi caratteristici come pallore, nausea, vomito o nistagmo (N.d.R.: si tratta di un movimento di oscillazione degli occhi, orizzontale, verticale o rotatorio, più o meno ritmico, di solito involontario).

D'altra parte, avendo quattro anni di età, dovrebbe essere in grado riferire una sensazione di rotazione. Ritengo, perciò, che il disagio del bambino sia riconducibile più semplicemente a paura di cadere, e il fatto che nel primo anno non manifestasse alcun disagio è ben spiegabile poiché la sensazione di paura si struttura progressivamente sulla base delle esperienze vissute relative a precedenti situazioni dolorose (anche piccole cadute o lievi traumatismi). Infine, occorre considerare che esistono le cinetosi (ad esempio il mal d'auto o il mal di mare), ossia disturbi caratterizzati principalmente da nausea, vertigini e talvolta vomito, indotti dal movimento in soggetti suscettibili. In questa condizione è il movimento in quanto tale a determinare, in soggetti particolarmente predisposti, la produzione di effetti contrastanti a carico dei sensi coinvolti nei complessi meccanismi che determinano il mantenimento dell'equilibrio.

8/4/2003

6/6/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Soffre di vertigini"

Vertigini
Per vertigine si intende la sensazione di rotazione o giramento nei confronti dell'ambiente circostante o dell'ambiente rispetto a se stessi.
Atassia cerebellare dopo varicella
Sebbene raramente, la varicella può complicarsi a livello neurologico con meningoencefalite o atassia cerebellare.
Giramento di testa e vertigini nei bambini
La vertigine si caratterizza con una sensazione di "giramento di testa". Le cause e la terapia per curare questo sintomo nei bambini.
Quali rimedi per il mal di mare?
Viaggio in nave: i rimedi da adottare per una bambina che soffre di mal di mare.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattare quando riprende il ciclo?
La ripresa del ciclo non incide nell'allattamento. Sfatiamo alcune dicerie che talvolta capita di sentire.
Beclometasone dipropionato
Il principio farmacologico denominato beclometasone dipropionato appartiene alla classe dei farmaci corticosteroidi topici per uso inalatorio.
È troppo attaccata alla mamma
Il distacco dalla mamma è sempre un problema per ogni bambino. Ecco i consigli su come affrontare questo passaggio della vita.
Come si sviluppa la vista nei neonati
Cosa vede il neonato? Come si trasforma e si sviluppa la vista dei neonati nel primo anno di vita.
Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno si prepara per l'allattamento. Il seno diventa più sodo e più grosso.

Quiz della settimana

Che cosa fare in caso di perdita di sangue dal naso?
piegare la testa il piu' possibile all'indietro
comprimere la parte ossea del naso
riempire le narici di cotone per arrestare l'emorragia
nessuna delle risposte e' corretta