ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Partners

aziende utili

Speciale bruxismo

Il bruxismo: cosa significa e come si cura. Il bambino può scaricare la tensione emotiva interna battendo o digrignando i denti. I consigli per superare il bruxismo.

a cura di: ASIO Associazione Specialisti in Ortodonzia

A volte facciamo fatica a crederci, ma dobbiamo sempre tenere in mente che anche i bambini nella loro vita quotidiana sono sottoposti a fenomeni di stress e devono perciò scaricare la tensione. Scuola, compiti, lezioni di tennis, basket, giochi con gli amici, esercizi di musica e qualche mezz'ora di tv una giornata vola in fretta, ma quanti impegni!

Il bambino può scaricare la tensione emotiva interna battendo o digrignando i denti in maniera inconsapevole. Questo fenomeno si chiama bruxismo, e si manifesta nei bambini generalmente sopra i 4 anni d'età, e può diventare una vera e propria patologia che necessita di cure specifiche. Il bambino, stringendo i denti sia in fase di sonno che in fase di veglia senza rendersene conto può infatti facilmente rovinarne lo smalto, o addirittura scheggiarne i bordi. Questo comportamento reiterato nel tempo porterebbe inoltre alla rottura di interi pezzi di dente, o alla loro consunzione.
Il bruxismo si può manifestare anche durante alcuni allenamenti molto intensi, come ad esempio durante le partite di calcio o di rugby, quando il piccolo atleta è concentrato soprattutto sull'andamento del gioco, e non si rende conto della tensione che accumula.

Come porre rimedio al bruxismo?

Quando vi accorgete che il vostro bambino presenta tensione mandibolare, denti scheggiati o rotti, vi consigliamo di contattare uno specialista in ortodonzia, che sappia diagnosticare la patologia, determinandone l'intensità e scegliendo quindi la via più sicura da intraprendere per la guarigione.
Esistono infatti specifici paradenti, strumenti protettivi in gomma che aiutano i bambini a diminuire lo stress muscolare cranio-facciale e cervicale che il bruxismo comporta, ed hanno anche funzione preventiva contro urti e traumi. Il paradenti migliora inoltre il rendimento nel campo da gioco, dato che aiuta a diminuire gli impulsi negativi che il corpo riceve a livello muscolare, aiutando i riflessi e la concentrazione.

Il bruxismo è quindi una patologia alla quale si può porre rimedio, soprattutto se diagnosticata e curata tempestivamente.
È fondamentale però ricorrere ad uno specialista in ortodonzia, in quanto nonostante esistano in commercio numerose soluzioni automodellanti, il paradenti più efficace è sempre quello fatto su misura dall'ortodontista, seguendo il calco dei denti e, se necessario, anche una radiografia della bocca.

22/2/2011

5/7/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Speciale bruxismo"

Bruxismo: digrigna i denti
Un bambino che digrigna i denti durante la notte. Come si cura il bruxismo in un bambino? I metodi da adottare.
Digrigna i denti mentre dorme
Il bruxismo, cioè digrignare i denti mentre si dorme, è un fenomeno che si può osservare in tutte le diverse fasi della crescita di un bambino.
Digrigna i denti
Il digrignare i denti in medicina si dice bruxismo. Molti bambini iniziano come movimento finalizzato a qualcosa che poi diventa abitudine consolidata.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Idronefrosi
L'idronefrosi congenita è una dilatazione del pelvi renale e dei calici renali dovuta ad una anomalia congenita della giunzione tra il rene e l'uretere.
Speciale: l'ABC del nasino sano
Quasi tutti i piccoli e grandi malanni dei nostri piccoli iniziano dal naso. Trattiamolo con cura.
Stitichezza o stipsi nei bambini
Le cause di stitichezza si possono riassumere in stipsi da squilibri alimentari e la stipsi da ritenzione volontaria. Cosa fare in caso di stitichezza.
E' nata con solo un rene
E' nata con solo un rene. Da un'ecografia risultano numerose aree di ipofissazione riconducibili probabilmente a forme cistiche o displasiche.
Quando iniziare lo svezzamento in caso di allattamento al seno?
Iniziare lo svezzamento a sei mesi o continuare con il solo allattamento al seno? I consigli del Pediatra nutrizionista.

Quiz della settimana

Lo scorbuto è una malattia causata dalla carenza di una vitamina. Quale?
Vitamina A
Vitamina C
Vitamina E
Vitamina K