ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

La stanza del sale

Nella stanza del sale si crea un ambiente nel quale vengono rilasciate delle microparticelle di cloruro di sodio che raggiungono le alte e basse vie aeree del bambino.

a cura di: Dott. Renato Sambugaro (allergologo pediatra)

Sono mamma di un bimbo di 5 mesi e mezzo. Sta guarendo lentamente dalla sua seconda laringite, ha ancora un po' di catarro e quindi spesso tossisce al transito del muco. Per entrambi gli episodi, a distanza di un mese uno dall'altro, ha fatto aerosol con ... (nome commerciale del Budenoside) su indicazioni del pediatra. Ieri l'ho portato con me nella stanza del sale per mezz'ora, per farlo respirare ed avrei intenzione di portarlo ancora due volte a distanza di tre giorni. Non mi sono mai state prospettate controindicazioni, ma chiedo comunque se per un bimbo così piccolo ci siano divieti.  Vorrei anche sapere come agisce la stanza del sale?

La stanza del sale agisce grazie al processo di micronizzazione per cui all'interno si crea un ambiente nel quale vengono rilasciate delle microparticelle di cloruro di sodio (della grandezza compresa tra 1-5 micron) che raggiungono le alte e basse vie aeree del bambino.

Le microparticelle di cloruro di sodio inalato penetrano all'interno delle alte vie aeree (naso, cavità orale, faringe, fosse nasali e seni paranasali) e basse (laringe, trachea, bronchi e polmoni) assicurando una detersione dell'intero albero respiratorio grazie alle proprietà battericida e disinfettante del sale e al miglior funzionamento della "clearance mucociliare", vale a dire il movimento delle piccole ciglia che ricoprono l'apparato respiratorio e che trasportano lo strato di muco che le ricopre verso l'esterno.

Raramente si può verificare prurito e irritazione cutanea che si risolvono rimovendo con acqua il sale dalla cute. Il fenomeno tende comunque a sparire con le sedute successive.

Qualche volta si registra una lieve irritazione alla gola e agli occhi che scompare sciacquando la bocca e lavando delicatamente gli occhi. Le controindicazioni a questa terapia naturale riguardano stadi acuti in atto di patologie respiratorie e le epistassi recenti; non ci sono limiti d'eta.

12/10/2012

25/3/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

E' angosciata dalla scuola materna
Questa bimba ha bisogno, più degli altri, dell'asilo: deve imparare a contenere le sue crisi d'angoscia.
Il raffreddore nel bambino piccolo
Il neonato o il bambino piccolo soffrono particolarmente di raffreddore per via della ostruzione delle vie nasali.
Speciale: la prevenzione delle infezioni della gola
Come prevenire le infezioni che interessano il naso e la gola?
Cortisone per aerosol
È pericoloso usare a lungo il cortisone per aerosol? La mia bambina soffre di bronchite asmatica.
Dolori alle articolazioni e alla schiena in gravidanza
Durante tutta la gravidanza può capitare di avvertire dei dolori articolazioni e alla schiena.

Quiz della settimana

Quale tra le seguenti è una controindicazione all'allattamento materno?
La miopia
La prematurità
L'infezione da virus HIV (quello che provoca l'AIDS)
L'ittero da latte materno