ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Stitichezza a sei mesi

Da quando mio figlio ha iniziato lo svezzamento soffre di stitichezza. Quali consigli mi potete dare?

a cura di: Dott. Saverio Mirabassi (pediatra)

Ho un bambino di sei mesi e mezzo e, da quando a iniziato ha mangiare, soffre molto di stitichezza, ha problemi ha fare i sui bisogni, piange ogni volta che riesce a farlo, e le feci sono molto dure e secche. Ieri sera ha sanguinato un po'.

Per prima cosa credo convenga accordarsi sul termine "stitichezza": è tale se il bambino scarica feci compatte con frequenza bassa.

Se tale è la situazione, il Pediatra dovrà valutare se la dieta è congrua, se l'apporto di liquidi è adeguato, se sono presenti o meno condizioni locali (ragade anale fra le altre) che, provocando dolore all'atto della defecazione, portano il bambino a trattenere, finchè può, le feci per non avvertire il dolore legato al transito delle stesse nel canale anale.

E' chiaro che trattenere le feci nell'ampolla rettale, poco alla volta, comporta disidratazione delle feci, che diventano sempre più compatte e che provocheranno sicuramente dolore quando - forzatamente - il bambino. non potrà più fare a meno di evacuare.

Il sanguinamento fa pensare ad una ragade, vista la rarità di un gavocciolo emorroidario in un bambino altrimenti sano di quell'età. E' necessario quindi che il Pediatra del bimbo valuti la situazione e intervenga una volta che sia stata chiarificata la ragione di questa anomalia.

Gli eventuali passi successivi (valutazione chirurgica... intervento farmacologico...) saranno legati alla diagnosi o al sospetto diagnostico che verrà emesso dal Curante. A mio parere, senza valutazione clinica, è scorretto dare consigli non conseguenti ad un accurato studio della situazione.

20/9/2011

3/3/2018

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Stitichezza a sei mesi"

Supposte per la stitichezza
Utilizzare supposte di glicerina o l'ampolla del termometro per stimolare l'ano può essere utile sporadicamente. Non può diventare una pratica abitudinaria.
La stitichezza in gravidanza
La stitichezza è un problema comune in gravidanza. I consigli per risolvere o per attenuare il problema.
Stitichezza in gravidanza
La stitichezza è un disturbo frequente in gravidanza e può riguardare sia la consistenza delle feci sia la frequenza dell'evacuazione.
Stitichezza e alimentazione
La stitichezza (stipsi) spesso si verifica quando l'alimentazione non è equilibrata.
Stitichezza nel neonato
La stitichezza del neonato non dipende dalla frequenza, quanto piuttosto dallo sforzo ad evacuare, causato dalla eccessiva compattezza delle feci.
Mio figlio di tre mesi soffre di stitichezza
Mio figlio soffre di stitichezza e ho già adottato i classici rimedi che si usano in questi casi.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Alimentazione dopo l'anno di vita
Dopo il primo anno, l'alimentazione sarà quasi uguale a quella di un adulto. E' importante che segua una dieta completa e varia.
Dolori alle articolazioni e alla schiena in gravidanza
Durante tutta la gravidanza può capitare di avvertire dei dolori articolazioni e alla schiena.
Macchie mongoliche
Le macchie mongoliche sono lesioni maculari congenite determinate dalla presenza in eccesso nel derma.
Aerofagia
Per evitare l'aerofagia nel lattante è bene utilizzare prodotti a base essenzialmente di finocchio, anice verde, melissa e camomilla.
Gli è stato diagnosticato un reflusso vescico-ureterale
La correzione del reflusso vescico-ureterale può essere chirurgica. La tecnica più frequentemente adottata è quella di Cohen.

Quiz della settimana

Che cosa è il miocardio?
Un osso
Una arteria
Un muscolo
Un nervo