ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Stomatite aftosa

La stomatite aftosa è una infezione ricorrente della bocca, costituita da vescichette dolorose (afte), solitarie o multiple, sulla mucosa labiale,linguale o gengivale.

a cura di: Dott. Roberto Bussi (pediatra)

Mio figlio Andrea, di sei anni, da circa otto mesi soffre di afte linguali molto dolorose, con intervalli fra un episodio e l'altro, di circa due mesi o poco più. Da cosa può dipendere e cosa si può fare? E' stato curato con..… (Nome commerciale dell’amoxicillina più acido clavulanico) per infezione da streptococco beta-emolitico di gruppo A: può esserci correlazione?

Stomatite aftosaLa stomatite aftosa è una particolare infezione ricorrente della bocca. E' costituita da ulcerazioni dolorose (afte), solitarie o multiple per lo più sulla mucosa labiale, orale, linguale e gengivale. Le ulcere aftose minori, le più frequenti, hanno un diametro di 2-10 mm e guariscono spontaneamente in 7-10 giorni. Quelle maggiori possono superare i 10 mm ed impiegano dai 10 ai 30 giorni per guarire.

Circa un terzo dei pazienti con stomatite aftosa ricorrente presenta una storia familiare positiva per la malattia. La causa della patologia è probabilmente multifattoriale e può essere la manifestazione orale di molte malattie: una alterazione del sistema immunologico locale può contribuire alla lesione causata alle mucose, fattori predisponenti includono traumi (apparecchi ortodontici), stress emotivi, bassi livelli nel sangue di ferro e di vitamina B12. Bisogna però dire che nella pratica quotidiana la stomatite aftosa ricorrente è una patologia piuttosto comune, isolata, cioè in persone senza altra patologia, per lo più banale anche se piuttosto disturbante.

Terapia specifica non ne esiste: è per lo più di tipo palliativo e consiste in disinfettanti del cavo orale (clorexidina) ed eventuali anestetici (xilocaina).

10/10/2000

24/10/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Stomatite aftosa"

Il mughetto
Cosa fare se compare il mughetto? La Candida è presente comunemente nel cavo orale, ma dopo una malattia o nel neonato può diventare mughetto.
Stomatite virale da Herpes
La stomatite virale da Herpes riempie la bocca di vescichette dolorose. E' un'infezione comune fra i bambini che frequentano le scuole materne.
Herpangina
L'Herpangina o faringite vescicolare è una infezione virale provocata da Virus Coxackie per lo più del tipo A.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Ha le piccole labbra attaccate
Mia figlia ha le piccole labbra con molte aderenze, tanto da essere quasi completamente attaccate.
I cereali nell'alimentazione del bambino
I cereali (frumento, mais, riso, orzo, avena, segale) nell'alimentazione del bambino rappresentano una buona fonte di energia.
Il corredino del neonato: in ospedale
Come e quando preparare la valigia con l'indispensabile da portare in ospedale per la mamma e il corredino per il neonato.
Antibiotico e dermatite da pannolino
La terapia antibiotica può determinare problemi intestinali e provocare la dermatite da pannolino.
Briglie amniotiche
Le briglie amniotiche sono causate da una rottura precoce dell’amnios (il sacco amniotico) forse a seguito di traumi.

Quiz della settimana

A che cosa serve la vitamina C?
Ha un'azione anti-ossidante
Favorisce l'assorbimento del ferro
Serve per produrre una sostanza chiamata collagene
Tutte le risposte sono esatte