ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Stomatite aftosa

La stomatite aftosa è una infezione ricorrente della bocca, costituita da vescichette dolorose (afte), solitarie o multiple, sulla mucosa labiale,linguale o gengivale.

a cura di: Dott. Roberto Bussi (pediatra)

Mio figlio Andrea, di sei anni, da circa otto mesi soffre di afte linguali molto dolorose, con intervalli fra un episodio e l'altro, di circa due mesi o poco più. Da cosa può dipendere e cosa si può fare? E' stato curato con..… (Nome commerciale dell’amoxicillina più acido clavulanico) per infezione da streptococco beta-emolitico di gruppo A: può esserci correlazione?

Stomatite aftosaLa stomatite aftosa è una particolare infezione ricorrente della bocca. E' costituita da ulcerazioni dolorose (afte), solitarie o multiple per lo più sulla mucosa labiale, orale, linguale e gengivale. Le ulcere aftose minori, le più frequenti, hanno un diametro di 2-10 mm e guariscono spontaneamente in 7-10 giorni. Quelle maggiori possono superare i 10 mm ed impiegano dai 10 ai 30 giorni per guarire.

Circa un terzo dei pazienti con stomatite aftosa ricorrente presenta una storia familiare positiva per la malattia. La causa della patologia è probabilmente multifattoriale e può essere la manifestazione orale di molte malattie: una alterazione del sistema immunologico locale può contribuire alla lesione causata alle mucose, fattori predisponenti includono traumi (apparecchi ortodontici), stress emotivi, bassi livelli nel sangue di ferro e di vitamina B12. Bisogna però dire che nella pratica quotidiana la stomatite aftosa ricorrente è una patologia piuttosto comune, isolata, cioè in persone senza altra patologia, per lo più banale anche se piuttosto disturbante.

Terapia specifica non ne esiste: è per lo più di tipo palliativo e consiste in disinfettanti del cavo orale (clorexidina) ed eventuali anestetici (xilocaina).

10/10/2000

24/10/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Stomatite aftosa"

Il mughetto
Cosa fare se compare il mughetto? La Candida è presente comunemente nel cavo orale, ma dopo una malattia o nel neonato può diventare mughetto.
Herpangina
L'Herpangina o faringite vescicolare è una infezione virale provocata da Virus Coxackie per lo più del tipo A.
Stomatite virale da Herpes
La stomatite virale da Herpes riempie la bocca di vescichette dolorose. E' un'infezione comune fra i bambini che frequentano le scuole materne.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cortisone per la febbre
La cura deve essere proporzionata al disturbo. Per abbassare la febbre, normalmente, il farmaco di prima scelta è il paracetamolo.
Rifiuta il biberon
Rifiutare il biberon è un comportamento frequente. La tettarella ha spesso un gusto di cloro.
Succhia il dito
Succhia il dito e non ha nessuna voglia di smettere. Il consiglio è di aspettare, lavorando sui premi piuttosto che sulle punizioni.
Acetone
Acetone o chetosi: una situazione molto frequente in età pediatrica ed è dovuta ad un disturbo momentaneo del metabolismo del bambino.
Depressione post-partum
La depressione post-partum o depressione post-natale è un disturbo dell'umore che colpisce molte donne nel periodo immediatamente successivo al parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte