ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Strabismo convergente transitorio

Mia figlia di otto anni presenta uno strabismo convergente transitorio. Ci hanno detto che potrebbe essere operata a 14 anni.

a cura di: Prof. Paolo Nucci (oculista)

Ho una bambina di otto anni che, fin da piccola, presenta una forma di strabismo convergente transitoria. Cioè si verifica in un solo occhio, e solo in concomitanza di momenti di particolari emozioni: una festa, una gita o immediatamente prima di un episodio febbrile. Ha portato la bendina per più di un anno, unitamente agli occhiali che usa ancora oggi. L'oculista ci aveva detto che si poteva operare intorno ai 14 anni circa ma, dalle risposte che ho letto in questa rubrica, mi é sembrato di capire che siamo già in ritardo. Sono preoccupato. Potete delucidarmi in merito?

Uno strabismo ciclico non ha vantaggi dalla chirurgia, ma si tratta di una forma che non determina ambliopia (N.d.R.: comunemente l'occhio ambliope viene anche detto "occhio pigro" per indicare che è un occhio che non presenta una specifica patologia, ma che, tuttavia, non è capace di vedere bene perché è stato utilizzato meno dell'altro occhio sano durante il suo periodo di sviluppo): quest'ultima è evidente ci sia stata visto il trattamento occlusivo.

Se l'intermittenza è da alterato rapporto tra accomodazione e convergenza il discorso è diverso, e la chirurgia può essere fatta verso i 6-10 anni. In ogni caso una chirurgia dopo i 14 anni non ha una spiegazione razionale; è possibile che il difetto dipenda da una ipermetropia che il collega pensa possa minimizzarsi dopo la pubertà, ma in questo caso sarebbe meglio attendere un po' di più ed effettuare un trattamento laser per correggere il difetto visivo.

19/4/2001

3/11/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno e risvegli notturni: vuole ancora il latte della mamma di notte
A otto mesi si sveglia e prende ancora il latte dalla mamma. Come comportarsi per risolvere il problema.
Anemia
Le cause possono essere congenite, trasmesse cioè con meccanismo ereditario, o acquisite durante il corso della vita.
Non vuole stare nel passeggino
Il tuo bambino non vuole stare nel passeggino? Alcuni consigli pratici su come fare a risolvere la situazione.
Accertamenti a tappeto e screening
In Pediatria è corretto eseguire accertamenti (del sangue, strumentali o visite) solo quando esiste un sospetto diagnostico.
Emorroidi in gravidanza
Le emorroidi sono un disturbo frequente durante la gravidanza. Le cause e i rimedi suggeriti dal ginecologo.

Quiz della settimana

Quando si è punti da una zecca, quale dei seguenti comportamenti occorre seguire?
Rimuovere la zecca con alcool o acetone
Lasciare la zecca in sede per alcune ore facendola intontire con ammoniaca
Rimuovere la zecca prontamente con una pinzetta
Schiacciare subito la zecca nella sede della morsicatura