ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Strofulo

Lo strofulo è una malattia legata ad una sensibilizzazione a sostanze irritanti o tossiche presenti nelle punture di insetti. Si verifica soltanto in soggetti con una predisposizione allergica.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Vorrei avere notizie (o sapere dove trovarle) sullo "strofulo". Premetto che sono un medico (dentista) ed ho un bambino di quattro anni che è affetto da tale patologia: la cosa va avanti da circa due mesi nonostante l'applicazione di pomate antibiotiche prima, e creme all'ossido di zinco successivamente. Il prurito è la causa principale delle sovrainfezioni e non so se posso tranquillamente somministrargli degli antistaminici per bocca. 

È una malattia legata ad una sensibilizzazione a sostanze irritanti o tossiche presenti nelle punture di insetti. Si verifica soltanto in soggetti predisposti; in alcuni casi si tratta di pazienti atopici, cioè con una predisposizione allergica (e in tal senso deporrebbe anche l'elevazione del livello di IgE totali che si riscontra nello strofulo), ma nella maggior parte dei casi la malattia interviene in persone che non hanno dermatite atopica, asma o rino-congiuntivite allergica.

Il rapporto diretto con le punture di insetti è dimostrato dall'evoluzione stagionale della malattia che corrisponde al ciclo vitale dell'insetto che la sostiene (in genere zanzare, ma anche acari, cimici, pidocchi, pulci). Il prurigo-strofulo colpisce in genere bambini dai 2 ai 6-7 anni: nei lattanti le lesioni possono essere molto estese.

Le manifestazioni compaiono in genere nei mesi estivi, da maggio ad agosto e tendono a recidivare annualmente in questo periodo per parecchi anni. Le lesioni cutanee, che si localizzano prevalentemente nelle parti scoperte come gli arti e il volto, ricordano le punture di insetti, esordendo con un pomfo grossolano centrato da una piccola vescicola, intensamente pruriginoso. La vescicola rapidamente si rompe, lasciando posto ad una crosticina.

A questa lesione segue una papula di ridotte dimensioni, eritematosa ed infiltrata, che costituisce la base di una bolla di 2-3 mm. di diametro. Tale manifestazione cutanea si escoria con facilità trasformandosi in una crosta mentre l'infiltrato si riduce nel giro di 4-5 giorni lasciando un esito pigmentario che persiste per 10-15 giorni.

La lesione papulare va saltuariamente incontro a riacutizzazione con tumefazione, arrossamento e prurito, talora in rapporto a punture in altre sedi. La malattia è benigna e tende ad attenuarsi spontaneamente con l'età.

La terapia parte dalla conoscenza del ciclo vitale del parassita responsabile. Quando le zanzare sono in causa bisogna mettere in atto le misure necessarie ad evitare che esse entrino nella casa e soprattutto nella camera da letto del bimbo; occorre poi cospargere le sedi cutanee scoperte con liquidi che respingano le punture di insetti, ripetendo più volte durante il giorno tale operazione.

È meglio evitare per qualche tempo le passeggiate in campagna, a gambe e braccia nude ed è consigliabile disinfestare gli animali domestici. Una volta che le lesioni si sono verificate, bisogna sedare il prurito con antistaminici per via generale, mentre tali sostanze non vanno usate sotto forma di creme, poiché per via locale possono indurre una sensibilizzazione da contatto: meglio allora usare per pochi giorni pomate al cortisone associate a creme antibiotiche.

1/1/1997

24/4/2017

I commenti dei lettori

Ho contratto lo strofulo in etá adulta a causa di un parassita dei tarli presenti nei mobili antichi che avevo in casa, mi bastava spolverare gli stessi per scatenare decine di punture.

23/06/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno e risvegli notturni: vuole ancora il latte della mamma di notte
A otto mesi si sveglia e prende ancora il latte dalla mamma. Come comportarsi per risolvere il problema.
Anemia
Le cause possono essere congenite, trasmesse cioè con meccanismo ereditario, o acquisite durante il corso della vita.
Non vuole stare nel passeggino
Il tuo bambino non vuole stare nel passeggino? Alcuni consigli pratici su come fare a risolvere la situazione.
Accertamenti a tappeto e screening
In Pediatria è corretto eseguire accertamenti (del sangue, strumentali o visite) solo quando esiste un sospetto diagnostico.
Emorroidi in gravidanza
Le emorroidi sono un disturbo frequente durante la gravidanza. Le cause e i rimedi suggeriti dal ginecologo.

Quiz della settimana

Quando si è punti da una zecca, quale dei seguenti comportamenti occorre seguire?
Rimuovere la zecca con alcool o acetone
Lasciare la zecca in sede per alcune ore facendola intontire con ammoniaca
Rimuovere la zecca prontamente con una pinzetta
Schiacciare subito la zecca nella sede della morsicatura