ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Frequenta le terme per curare la dermatite atopica

L'acqua termale ha un effetto antiinfiammatorio e può migliorare la dermatite atopica del bambino.

a cura di: Dott. Alfredo Boccaccino (allergologo)

Ho un figlio di cinque anni che soffre di dermatite atopica dall'età di due la quale, col tempo e con le cure (seguiamo una opportuna dieta), tende a diminuire. Da due anni frequentiamo le terme di Comano (TN) su indicazione di un dermatologo. Alcuni medici ci hanno detto che probabilmente non solo quel tipo di acqua va bene per il nostro problema ma non hanno saputo dirci di più: sapete indicarci altre possibili località termali? Il nostro pediatra, ma non solo lui, sostiene che probabilmente un soggiorno marino può dare comunque ottimi risultati paragonabili alle terme: cosa ne pensate?

La Dermatite Atopica (DA) è una malattia della pelle di tipo eczematoso, che insorge nella maggior parte dei casi dopo il terzo mese di vita, tende alla cronicizzazione e spesso è associata all'atopia (costituzione allergica). È considerata attualmente una malattia multifattoriale, generata da un insieme di diversi fattori eziologici, fra i quali gioca un ruolo preponderante la disreattività immunitaria dei linfociti T e delle cellule di Langerhans con una tendenza alla iperproduzione di IgE (anticorpi allergici). Questo fattore causa con maggiore frequenza, nei bambini affetti da Dermatite Atopica, una positività dei Prick test (prove cutanee allergometriche) per allergeni alimentari.

Le statistiche relative agli alimenti variano in base all'età, alle abitudini alimentari e alle modalità di ricerca dell'allergia. La presenza di positività ad allergeni alimentari varia dal 30 al 50% ma la reale presenza di allergia alimentare è invece compresa tra il 10 ed il 20%. Avere un test positivo per un allergene alimentare non equivale alla certezza di avere l'allergia alimentare. La presenza di un'allergia alimentare andrebbe sempre dimostrata attraverso la dimostrazione che la sospensione dell'alimento sospetto ha indotto un miglioramento clinico, con successiva ricaduta alla reintroduzione dello stesso alimento. Nel 90% dei casi gli alimenti interessati sono: Latte vaccino, Uovo, Frumento, Merluzzo, Pomodoro, Arachidi, Soia, Legumi.

La dermatite seborroica è spesso associata alla dermatite atopica, è presente nei primi tre mesi di vita e non è così fortemente correlata con l'allergia alimentare come la Dermatite Atopica. Essa è determinata principalmente dalla disregolazione nella produzione del sebo cutaneo (sostanza grassa che preserva l'idratazione cutanea). Venendo al quesito specifico: è riconosciuto il ruolo terapeutico del soggiorno marino sulla Dermatite Atopica. Il motivo può essere legata all'effetto benefico dei raggi ultravioletti e ad un certo potere reidratante ed antisettico sulla cute da parte dell'acqua di mare.

Siccome è stato dimostrato un miglioramento della Dermatite Atopica mediante la profilassi ambientale anti-acaro anche in pazienti non allergici (Holm et al. Allergy 2001:56;152), potrebbe essere che il ben noto ridotto contatto con tale allergene durante un soggiorno estivo al mare induca effetti benefici. Sulle proprietà delle acque termali l'unica spiegazione plausibile potrebbe essere quella di un effetto antiinfiammatorio esercitato dallo zolfo, presente nelle acque sulfuree.

17/3/2004

11/5/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Frequenta le terme per curare la dermatite atopica"

Dermatite neonatale
Il neonato spesso va incontro ad eruzioni cutanee di diverso tipo assolutamente normali e innocue.
E' allergica al latte vaccino
Può esserci una relazione tra l'assunzione di latticini tramite latte materno e il continuo rifiuto delle pappe? I consigli dell'allergologo.
Dermatite atopica e asma bronchiale e allergica
E' allergico alle graminacee e soffre di asma allergica. Potrebbe migliorare crescendo? I consigli dell'allergologo.
Eczema sui gomiti
Da circa un anno che a mio figlio di sei anni sono comparsi degli eczemi sui gomiti. E' necessaria una visita da un dermatologo che imposterà una terapia.
Pitiriasi alba
La pitiriasi alba è una manifestazione cutanea comune tra i bambini, caratterizzata dalla presenza di macchie chiare tondeggianti, spesso al volto.
Dermatite atopica: quanto spesso lavare il bambino?
Quanto spesso lavare la pelle del bambino con dermatite atopica? La pelle è secca e soffre i lavaggi energici.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

A tre anni non riesce a pronunciare la "r"
A quasi tre anni, non riesce a pronunciare la "r". Se il problema dovesse persistere verso i 5-6 anni potrei consigliare una consulenza con un logopedista.
Latte vaccino
Perchè non bisogna dare il latte vaccino ad un neonato e ad un bambino nel primo anno di vita? Il pediatra spiega il motivo.
Mostrarsi nudi da un bambino di cinque anni
E' un problema mostrarsi nudi davanti ad un figlio di cinque anni? Il consiglio dello psicologo.
Allergia ai pollini
Con l'avvento della stagione primaverile ha inizio la patologia allergica da pollini.
La placenta
La placenta è l'organo di scambio fra la mamma e il bambino durante la gravidanza.

Quiz della settimana

Normalmente, entro quando cade il cordone ombelicale nel neonato?
Due settimane di vita
Il tempo di caduta è estremamente variabile e non indicativo
Quattro giorni di vita
Un mese di vita