ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Test di provocazione alimentare

La pediatra mi ha proposto un test di provocazione. Va eseguito certamente in ambiente ospedaliero, tenendo il bambino in osservazione per almeno 24 ore.

a cura di: Dott. Renato Sambugaro (allergologo pediatra)

Mio figlio di anni otto è allergico all'uovo (sia albume che tuorlo); dall'età di un anno annualmente ripete rast e prick test che sono sempre positivi (+++). La pediatra mi ha proposto un test di provocazione. È consigliabile, visto che l'uovo non è un alimento fondamentale? Che rischi può correre durante il test? Questa allergia le durerà per sempre?

Quando la dieta di eliminazione abbia prodotto una completa scomparsa o almeno un notevole miglioramento del quadro clinico e se nella storia del bambino non risultano episodi di particolare gravità (shock allergico, edema della glottide) è possibile, per la conferma diagnostica, effettuare un test di scatenamento. Va eseguito certamente in ambiente ospedaliero, tenendo il bambino in osservazione per almeno 24 ore, onde poter rilevare anche eventuali reazioni tardive. I sintomi che possono verificarsi possono essere cutanei (prurito, orticaria, angioedema), gastroenterici (nausea, vomito, dolori addominali, diarrea), nasali (rinorrea, starnutazione), congiuntivali (lacrimazione), bronchiali (asma) oppure riferibili ad altri organi o apparati, (cefalea, irritabilità).

In ciascuna seduta è possibile testare un solo alimento e le singole sedute devono essere distanziate di almeno due giorni. Nell'infanzia un'allergia al latte vaccino o all'uovo si riscontra in circa il 5% dei bambini al di sotto dei due anni di età. Si osserva poi molto spesso una graduale risoluzione spontanea dell'allergia alimentare, dopo il secondo anno di vita per cui all'età di 10 anni la frequenza è analoga a quella degli adulti. Le manifestazioni si presentano più frequentemente dopo l'ingestione di uova crude, soprattutto del bianco, mentre negli stessi soggetti l'ingestione di uova cotte può non provocare alcun disturbo (la cottura modifica alcune proteine dell'uovo rendendolo meno allergenico). Può esistere cross-reattività tra l'uovo di gallina e quello di quaglia, mentre generalmente l'uovo di anatra è ben tollerato. Nei pazienti allergici all'uovo possono essere somministrati senza rischio vaccini antivirali prodotti su uova embrionate.

10/11/2000

30/12/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Come si sviluppa la vista nei neonati
Cosa vede il neonato? Come si trasforma e si sviluppa la vista dei neonati nel primo anno di vita.
Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno si prepara per l'allattamento. Il seno diventa più sodo e più grosso.
Nevo acromico
Il nevo acromico è una alterazione circoscritta, solitamente congenita, della pigmentazione che si identifica con una chiazza di ipopigmentazione.
Cos’è la logopedia e che cosa fa?
La logopedia ha lo scopo di migliorare le possibilità comunicative del bambino.
L'alimentazione del neonato e del bambino piccolo
L'alimentazione dei neonati e del bambino piccolo: le indicazioni dei nostri esperti.

Quiz della settimana

Che cosa fare in caso di perdita di sangue dal naso?
piegare la testa il piu' possibile all'indietro
comprimere la parte ossea del naso
riempire le narici di cotone per arrestare l'emorragia
nessuna delle risposte e' corretta