ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Tosse catarrale notturna

La tossa catarrale notturna si presenta spesso nei bambini, poichè il ristagno delle secrezioni catarrali durante la notte, quando il paziente è in posizione supina, stimola il riflesso della tosse.

a cura di: Dott. Renato Sambugaro (allergologo pediatra)

Mia figlia di nove anni manifesta saltuariamente tosse catarrale durante la notte. Dopo una breve ma intesa corsa di circa 10 minuti manifesta delle crisi di tosse che le durano circa 10-15 min per poi placarsi definitivamente.  Abbiamo visto che con gli aerosol con ... (N.d.r.: nome commerciale dell'Ambroxolo) le cose migliorano ma non abbiamo ottenuto la definitiva guarigione che ci aspettavamo. Premetto che la cosa si verifica da sei mesi circa. Potrebbe essere un inizio d'asma o addirittura un problema cardiaco o polmonare? Che esami mi consigliate?

La tossa catarrale notturna si presenta spesso nei bambini, poichè il ristagno delle secrezioni catarrali durante la notte, quando il paziente è in posizione supina, stimola il riflesso della tosse. Ricordiamo che la tosse è un meccanismo di difesa dell'organismo che serve a mobilizzare queste secrezioni per far si che vengano più rapidamente eliminate.

In questo senso la terapia mucolitica (Ambroxolo) aiuta la fluidificazione e quindi la risoluzione del quadro. Per quanto riguarda invece la tosse che si verifica dopo la corsa, aspetto diverso dalla tosse notturna, mi sembra affrettato iniziare ad ipotizzare problemi cardiologici o polmonari, anche perchè questi quadri sono accompagnati da un corteo di altri sintomi più  importanti.

Probabilmente si tratta di un quadro di iperreattività bronchiale, abbastanza frequente nel bambino, che spesso, a seguito di sforzo fisico, scatena accessi di tosse. Circa gli esami eseguirei inizialmente le cose più semplici come una spirometria, che valuterà la situazione respiratoria della bimba ed eventualmente un prick test per valutare se esiste positività nei confronti di qualche allergene.

Qualora il quadro clinico dovesse persistere, un Rx torace ed eventualmente un prelievo ematico troveranno indicazione.
 

7/9/2010

30/6/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Tosse catarrale notturna"

La tosse nei bambini: rimedi per la tosse persistente di notte
I consigli del Pediatra per la tosse nei bambini, i rimedi naturali in caso di tosse persistente, quando usare un sedativo della tosse.
Test del sudore
Il test del sudore è l'esame per scoprire la fibrosi cistica o mucoviscidosi. Si ricercano il sodio e il cloro nel sudore.
Tubercolosi
Un caso di tubercolosi a scuola. Quali sono i rischi per i compagni di scuola?
Bronchite
La bronchite è un'infiammazione dei bronchi che causa tosse con catarro e febbre.
Soffre di tracheite e laringite
La tracheite è una infiammazione della trachea, con tosse abbaiante a suono di corno. La laringite dà difficoltà a respirare e voce afona.
A quattro mesi ha già fatto tre cicli di antibiotico
Come possiamo aiutarla ad espellere il catarro? Ci sono in commercio gocce per liberare meglio il nasino?
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno e risvegli notturni: vuole ancora il latte della mamma di notte
A otto mesi si sveglia e prende ancora il latte dalla mamma. Come comportarsi per risolvere il problema.
Anemia
Le cause possono essere congenite, trasmesse cioè con meccanismo ereditario, o acquisite durante il corso della vita.
Non vuole stare nel passeggino
Il tuo bambino non vuole stare nel passeggino? Alcuni consigli pratici su come fare a risolvere la situazione.
Accertamenti a tappeto e screening
In Pediatria è corretto eseguire accertamenti (del sangue, strumentali o visite) solo quando esiste un sospetto diagnostico.
Emorroidi in gravidanza
Le emorroidi sono un disturbo frequente durante la gravidanza. Le cause e i rimedi suggeriti dal ginecologo.

Quiz della settimana

Quando si è punti da una zecca, quale dei seguenti comportamenti occorre seguire?
Rimuovere la zecca con alcool o acetone
Lasciare la zecca in sede per alcune ore facendola intontire con ammoniaca
Rimuovere la zecca prontamente con una pinzetta
Schiacciare subito la zecca nella sede della morsicatura