ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Tosse secca notturna

Nell'asma, la tosse secca è sinonimo di ostruzione bronchiale. Nella sindrome sino-bronchiale, la tosse potrebbe essere conseguente ad una infiammazione-infezione cronica delle prime vie aeree.

a cura di: Dott. Giuseppe Varrasi (pediatra)

Mia figlia di due anni durante la notte presenta due o tre crisi di tosse (quasi sempre secca). Facendole alla sera prima di coricarla un aerosol con cortisone fino a due mesi fa la situazione sembrava migliorare, ma si è poi tornati alla stessa frequenza. Pensando ad una allergia abbiamo sempre fatto una particolare attenzione a lenzuola, orsetti etc. Il tentativo di cura con un antistaminico non ha dato alcun risultato.

Vista la durata dei sintomi, le possibilità diagnostiche sembrano restringersi a due: una forma di asma (non necessariamente su base allergica) o una sindrome sino-bronchiale. Altre ipotesi, quali, ad esempio, una mucoviscidosi, sono difficilmente compatibili con una crescita regolare, l'assenza di infezioni bronchiali ricorrenti e l'andamento notturno dei sintomi.

Nell'asma, la tosse secca è sinonimo di ostruzione bronchiale: i muscoli dei bronchi si contraggono e l'aria non esce liberamente. Nei casi eclatanti, lo sforzo respiratorio è evidente e si apprezza un rumore di fischio nella espirazione o nella tosse, ma spesso l'asma si manifesta solo con una tossetta notturna, secca e stizzosa. Addirittura, nei bambini più grandi l'unico sintomo può essere uno scarso rendimento scolastico da inadeguato riposo notturno.

Per approfondire la cosa, oltre ad una ovvia visita pediatrica, sarebbe utile indagare sulla famiglia (ci sono altri allergici, non necessariamente con sintomi respiratori?) ed eseguire le prove allergiche. Se la diagnosi è effettivamente "asma notturno", allora la terapia va impostata proprio con cortisonici per via aerosolica: attualmente si preferiscono preparati spray, da somministrare con apposita camera distanziatrice. La terapia deve essere mantenuta per mesi, aggiustando la dose al risultato.

Nella sindrome sino-bronchiale, la tosse potrebbe essere conseguente ad una infiammazione-infezione cronica delle prime vie aeree: è vero che la bambina è ancora piccola per la sinusite, ma potrebbe trattarsi di una rinite cronica o di ipertrofia adenoidea. Una radiografia laterale del cranio (tecnicamente, dell'epifaringe) e una visita dall'otorino vi chiariranno questo dubbio. Se questa fosse la diagnosi, allora la terapia (sempre prolungata) deve piuttosto orientarsi verso le prime vie aeree (rimozione del muco nasale, antiinfiammatori locali e antibiotici mirati).

Infine, per rispetto della natura, che rifugge dalle nostre semplificazioni, devo dirvi che spesso le due cose sono associate, per cui non si può nemmeno escludere un mix di entrambe le patologie.

1/1/1998

22/5/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Tosse secca notturna"

A quattro mesi ha già fatto tre cicli di antibiotico
Come possiamo aiutarla ad espellere il catarro? Ci sono in commercio gocce per liberare meglio il nasino?
A cosa serve la tosse
La tosse è un importante meccanismo di difesa per liberare le vie respiratorie.
Nuove terapie per la fibrosi cistica
la fibrosi cistica è la più comune delle malattie genetiche gravi. Nel mondo ne sono colpite circa 100.000 persone. Le nuove terapie.
L'allergia al latte gli provoca la tosse
È possibile che il poco latte che assume possa provocare tosse? L'allergia alimentare può essere causa di fenomeni respiratori quali l'asma bronchiale.
Bronchite asmatiforme
Ha spesso la bronchite asmatiforme: devo temere un'evoluzione della malattia verso l'asma? I consigli dell'allergologo.
Soffre di tracheite e laringite
La tracheite è una infiammazione della trachea, con tosse abbaiante a suono di corno. La laringite dà difficoltà a respirare e voce afona.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Atassia cerebellare dopo vaccinazione antimorbillo-rosolia-parotite
Ha sofferto di una atassia cerebellare benigna post vaccino morbillo-rosolia-parotite.
Ha problemi di svezzamento perché non mangia la pappa
Ha problemi con lo svezzamento perché a sette mesi rifiuta la pappa. I consigli dell'esperto sullo svezzamento.
L'ansia da scuola
L'ansia per la scuola si manifesta quasi sempre al momento del primo impatto con la vita di collettività, cioè a tre anni.
Dopo il parto
Dopo il parto che cosa succede al corpo della mamma? Il brusco cambiamento avvenuto con il parto porta l'organismo ad una serie di modificazioni.
Posizione nel sonno e morte improvvisa del lattante
Statisticamente la SIDS (morte improvvisa del lattante) capita più spesso in chi ha una posizione nel sonno sbagliata.

Quiz della settimana

A che cosa serve la vitamina C?
Ha un'azione anti-ossidante
Favorisce l'assorbimento del ferro
Serve per produrre una sostanza chiamata collagene
Tutte le risposte sono esatte