ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Sintomi di Toxoplasmosi

Il Toxoplasma gondii è un protozoo (cioè un parassita intracellulare) ampiamente diffuso in natura, che infetta diverse specie di animali. I sintomi spesso partono da un ingrossamento dei linfonodi.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Mia figlia di 15 anni ha contratto la toxoplasmosi sei mesi orsono. Abbiamo avuto la conferma della malattia quando il medico ci ha consigliato l'esame specifico. La ragazza presentava l'ingrossamento delle ghiandole linfatiche del collo, della testa e anche sotto le ascelle. Questa era l'unica cosa anormale che riscontravamo assieme ad un po' di stanchezza. Prima di allora l'esame dell'emocromo era risultato in ordine. Ora, una volta diagnosticata la malattia, le è stata vietata qualsiasi attività fisica (giocava a tennis) perché il sistema immunitario è sotto stress e non deve stancarsi. Ha preso il ... [nome farmaco] e speriamo che le ghiandole ritornino presto normali. Ci chiediamo se era proprio necessario sospendere lo sport che aveva incominciato da 15 giorni visto che aveva trascorso già tre mesi di discreto riposo durante le vacanze estive.

Il Toxoplasma gondii è un protozoo (cioè un parassita intracellulare) ampiamente diffuso in natura, che infetta diverse specie di animali. L'uomo si contagia mangiando carni crude o poco cotte di vitello, maiale o agnello infetti oppure attraverso le feci del gatto. L'ospite definitivo è infatti il gatto, che si contamina mangiando topi o carni infette. La toxoplasmosi acquisita dopo la nascita è solitamente asintomatica nell'80-90% delle persone normali da un punto di vista immunologico.

Chi presenta una sintomatologia clinica evidente, solitamente manifesta un ingrossamento dei linfonodi, in particolare della testa e del collo; occasionalmente si possono accompagnare febbre, malessere generale, mal di gola, dolori muscolari. La prognosi è benigna e la maggior parte dei malati guarisce spontaneamente, anche senza alcuna terapia, nel giro di alcuni giorni o di qualche settimana. Nei soggetti con attività immunologica normale e senza patologie di base severe non è necessaria alcuna limitazione dell'attività fisica: sua figlia può perciò tranquillamente riprendere a giocare a tennis.

1/1/1997

26/10/2016

I commenti dei lettori

Abbiamo notato a nostro figlio di appena 18 mesi una ghiandola piu' grande zona bassa del collo in direzione trachea. Abbiamo portato nostro figlio dal pediatra, che ha diagnosticato possibile infiammazione o toxoplasmosi... Ci ha prescritto degli antifiammatori, ma noi nn ne siamo tanti convinti.. Non conviene meglio fare un'analisi accurata prima di agire con gli antiinfiammatori? Se ha la toxoplasmosi, puo' essere pericolosa o dannosa per la salute? Come avrebbe potuto contrarre tale malattia, se il nostro bimbo non è ha contatto con gatti? La toxoplasmosi puo' essere contatta con uccellini da casa?

giuseppe (FG) 16/09/2011

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Sintomi di Toxoplasmosi"

Toxoplasmosi in gravidanza: le cure
Le cure antibiotiche per la toxoplasmosi in gravidanza servono ad evitare complicazioni per il feto e il neonato.
Toxoplasmosi in gravidanza: sintomi e cure
La toxoplasmosi in gravidanza può manifestarsi senza sintomi. Le cure servono a ridurre il pericolo di infezione per il fato e il neonato.
Effetti della toxoplasmosi in gravidanza
La toxoplasmosi in gravidanza può avere effetti anche gravi sul bambino e comporta il pericolo di complicazioni sul feto.
Pericolo toxoplasmosi in gravidanza
Quanto più è avanzata la gravidanza, tanto più facile è la trasmissione della malattia al feto.
Toxoplasmosi in gravidanza, alimentazione e cibi
I consigli del ginecologo su alimentazione, cibi e norme igieniche da seguire per evitare il contagio della toxoplasmosi in gravidanza.
Quali malattie può portare un gatto?
Gatto e malattie: posso comprare un gatto? Ho una bambina piccola, ma ho paura delle malattie che il gatto le possa trasmettere.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Il biscotto nel latte?
E' consigliabile aumentare la quantità di latte piuttosto che mettere il biscotto nel latte. L'introduzione del biscotto è consigliabile dal 4° mese.
La toxoplasmosi in gravidanza: il gatto o il cane in casa danno problemi? Che prevenzione attuare?
La toxoplasmosi può essere presa dal gatto o dal cane? I consigli da seguire durante la gravidanza e la prevenzione da seguire nell'alimentazione.
Prevenzione delle infezioni delle vie aeree
Da quando l'ho inserito all'asilo nido, il mio bambino si ammala spesso. Come posso prevenire le infezioni delle vie aeree?
A sette mesi non gattona, ma vuole camminare con il mio aiuto
Non c'è fretta di far camminare un bambino: un bambino sano lo farà entro i termini di tempo fisiologici ma che possono essere diversi da soggetto a soggetto.
I fattori predisponenti l'otite media acuta
L'otite media acuta è causata da batteri o da virus che dalla gola e/o dal naso penetrano nell'orecchio medio risalendo attraverso le tube di Eustachio.

Quiz della settimana

Quale tra le seguenti è una controindicazione all'allattamento materno?
La miopia
La prematurità
L'infezione da virus HIV (quello che provoca l'AIDS)
L'ittero da latte materno