ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Soffre di tracheite e laringite

La tracheite è una infiammazione della trachea, con tosse abbaiante a suono di corno. La laringite dà difficoltà a respirare e voce afona.

a cura di: Dott. Sergio Manieri (pediatria)

Mia figlia di sette anni soffre da circa cinque anni di episodi ricorrenti di laringospasmo curati con cortisone (in media 5-6 episodi l'anno che, ultimamente, si stanno riducendo di molto). Da circa due anni, insieme al laringospasmo, i pediatri hanno diagnosticato anche tracheite (tosse profonda). Sei mesi orsono è stata operata di adenoidi e ora sta meglio. Ha spesso raffreddore e le prove allergiche fin qui fatte segnalano solo una lieve allergia per gli acari. La mia domanda è: come si fa a distinguere la tracheite dalla laringite (gli stessi pediatri non sempre mi sono apparsi sicuri della diagnosi). A me sembra che qualche volte soffra di entrambi i disturbi cioè tosse profonda e rumore quando respira o piange. In ogni caso sono episodi che finora si sono risolti in un paio di ore e con diversi aerosol con cortisone. La bambina respira tuttora in parte con la bocca aperta.

In linea generale le laringiti sono espressione di infiammazione a carico delle alte vie respiratorie, cioè le vie aeree prossimali allo stretto toracico superiore e che comprendono l'oro-faringe, il naso-faringe, le tonsille e le adenoidi, i seni paranasali, (per estensione anche l'orecchio medio) ed, appunto, la laringe. Le tracheiti, invece, esprimono processi flogistici delle basse vie respiratorie, cioè le vie aeree localizzate distalmente allo stretto toracico superiore, costituite appunto dalla trachea, dall'intero albero bronchiale e dal parenchima polmonare.

Ora, la laringe si continua anatomicamente nella trachea, pertanto è ben comprensibile come un processo infiammatorio a suo carico facilmente si propaga anche alla trachea e viceversa. Certamente, esistono delle patologie specifiche della laringe, quali la laringite ipoglottica, l'epiglottidite e lo stesso laringospasmo di cui soffre il suo bambino. Molto spesso, però, ci si trova di fronte ad un'infiammazione laringo-tracheale con sintomatologia che riflette l'interessamento di entrambe le strutture. Allo stesso modo, pur potendo verificarsi processi infiammatori a carico della trachea, molto spesso essi possono coinvolgere primitivamente la laringe (laringo-tracheiti) od interessare anche i bronchi (tracheo-bronchiti).

Detto questo, il segno clinico più comunemente associato ad un'infiammazione della laringe è lo stridore inspiratorio, cioè un suono aspro prodotto in prossimità della laringe (che ha un calibro fisiologicamente più esiguo nel bambino) dalla vibrazione delle strutture respiratorie. La stessa disfonia depone per un interessamento delle corde vocali, che sono proprio contenute nella laringe, ed è tipica del laringospasmo, mentre non si ritrova nella laringite ipoglottica (perché l'infiammazione si verifica distalmente alle corde vocali).

Viceversa, l'infiammazione delle basse vie aeree produce una sintomatologia che si manifesta soprattutto durante l'espirazione, ed allora il segno caratteristico è il sibilo espiratorio, prodotto principalmente a livello bronchiale, ma anche la trachea infiammata vi contribuisce con un fischio espiratorio. La tosse è, invece, uno dei più comuni e fastidiosi sintomi respiratori ad ogni età. Deriva dalla stimolazione di recettori irritanti nella mucosa delle vie aeree o in altre sedi (ad esempio nell'orecchio). Presenta però caratteristiche diverse, a seconda di fattori anatomici: così una tosse "laringea" è tipicamente abbaiante, mentre una tosse "tracheale" è stizzosa, catarrale, e si accompagna spesso a dolore retrosternale. In conclusione, è molto difficile, anche per i pediatri, diagnosticare la tracheite isolata; cioè è difficile inquadrarla nettamente e separatamente nella sua sintomatologia perché, come lei stesso dice, spesso i bimbi soffrono di entrambi i disturbi laringo-tracheali oppure, aggiungo io, tracheo-bronchiali.

5/3/2003

11/10/2011

X

Sai che puoi avere tutti i giorni un consiglio del Pediatra? Iscriviti gratis alle nostre Newsletter!

Tutti i giorni le Pillole di Pediatria, un consiglio del Pediatra sulla salute del tuo bambino, su misura per la sua età. E se sei in attesa, 9mesi è la newsletter che ti accompagnerà per tutta la gravidanza, settimana dopo settimana.
Scrivi qui sotto la tua email e clicca su OK!

I commenti dei lettori

il mio quadro clinico è un po complesso, soffro dalla nascita di asma bronchiale aggravato da un ernia iatale da scivolamento, e come si sa tale patologia provoca rigurgito dando origine ad una esofagite compromettendo le vie aeree superiori laringe faringe e trachea tutto in uno stato infiammatorio direi cronico e pur avendo fatto cure con gli inibitori di pompa come il lansox 3omg. per anni pur sapendo che cio è dannoso, non posso fare pasti regolari, poichè oltre a rigurgitare nella fase digestiva sono costretta ad inalare spray poichè ho un senso di difficoltà respiratoria che si placa con i comuni broncodilatatori, da questo quadro ne risulta che trachea laringe faringe presentano una infiammazione cronica che fare non so.

IMMABELLISARIO (NA) 21/08/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Soffre di tracheite e laringite"

Laringotracheite allergica
Da che cosa è causata e come si cura la laringotracheite allergica nel bambino?
La stanza del sale
Nella stanza del sale si crea un ambiente nel quale vengono rilasciate delle microparticelle di cloruro di sodio che raggiungono le alte e basse vie aeree.
Test del sudore
Il test del sudore è l'esame per scoprire la fibrosi cistica o mucoviscidosi. Si ricercano il sodio e il cloro nel sudore.
La tosse nei bambini: rimedi per la tosse persistente di notte
I consigli del Pediatra per la tosse nei bambini, i rimedi naturali in caso di tosse persistente, quando usare un sedativo della tosse.
A cosa servono i mucolitici
I mucolitici agiscono con meccanismi diversi a secondo della molecola da cui sono composti.
Mucoviscidosi o fibrosi cistica
La mucoviscidosi è una malattia caratterizzata dalla produzione di secrezioni ghiandolari particolarmente viscose e da alterazioni del pancreas e dei bronchi.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Consigli di puericultura per il neonato
Post parto e neonati: proponiamo alcuni consigli di puericultura per facilitarne il compito nei primi mesi di vita del neonato.
Difetto ostium secondum
A mia figlia è stato riscontrato un difetto ostium secondum di 16 mm. Ci hanno consigliato l'intervento fra tre anni. Non sarà troppo tardi?
Ultrascreen in gravidanza
L'ultrascreen si basa su un'ecografia ed è un prelievo di sangue effettuati ad 11-13 settimane di gravidanza.
Bambini con difficoltà cognitive
Bisogna essere sempre fiduciosi che i nostri figli possano migliorare le proprie capacità cognitive e dare di più di quello che crediamo.
I dentini
Quando spuntano i primi dentini? Quali sono i “fastidi” legati alla comparsa dei dentini? Bisogna avere cura dei denti da latte? I consigli del Pediatra.

Quiz della settimana

Nel sospetto di scarlattina, qual è il test più utile per la diagnosi?
Emocromo
TASL (titolo anti-streptolisinico)
Tampone faringeo
Esame urine