ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Epatite C

La trasmissione dell'epatite C avviene attraverso il sangue e si trasmette da individuo a individuo attraverso il contatto del sangue del “malato” col sangue del soggetto sano.

a cura di: dott. Auro Della Giustina (pediatra)

Vorrei sapere come si trasmette l'Epatite C perchè mio figlio ha i nonni affetti da questa malattia e passiamo un mese di vacanza a casa loro e ho molti dubbi visto che ho letto che nel 43% dei casi non si ha la certezza assoluta sulla trasmissione.  Premettendo che faccio evitare qualsiasi contatto fisico al bambino (abbracci, baci) e faccio evitare persino ai nonni di toccare gli oggetti del bambino che potrebbe mettere in bocca (ciucci, biberon, giocattoli) mi chiedevo se (visto che siamo nel pieno della stagione estiva) dovrei preoccuparmi anche delle zanzare (ho letto che sono portatrici della malattia nel 20% dei casi, è vero?) e allontanare il bambino anche quando gli parlano vicino?

Meglio subito sgombrare il campo da ogni dubbio riguardo la modalità di contagio dell' HCV (virus dell'Epatite C): essa avviene in genere per via parenterale, cioè solamente attraverso il sangue e si trasmette in modo “orizzontale”, cioè da individuo a individuo attraverso il contatto del sangue del “malato” col sangue del soggetto sano. La trasmissione verticale, perinatale, cioè da madre a figlio, ha una frequenza solo del 3-5%.

Pur non essendo un virus di facile trasmissibilità, le precauzioni da adottare in via generale nella vita quotidiana, quando si ha in casa un familiare affetto da Epatite C, sono poche e di facile attuazione, evitando inutili e immotivati allarmismi. Sarà sufficiente porre attenzione alla presenza di eventuali oggetti taglienti usati dal “malato” (in questo caso i nonni del bambino), tipo rasoi da barba, forbici, così come spazzolini da denti, pettini che dovranno essere custoditi in spazi non accessibili al bambino.

Per quanto riguarda altri oggetti tipo posate, tovaglioli, bicchieri, lenzuola, asciugamani, come anche per le vivande in genere, direi che non ci sono particolari cautele da seguire, così come mi parrebbe stupido e immotivato privare i nonni della possibilità di abbracciare e rivolgere al bambino le comuni effusioni, non comportando ciò assolutamente rischi particolari e togliendo  ai nonni stessi  un gratificante momento di sincera affettività e al bambino un'importante chance di crescita emotiva.

18/6/2010

17/7/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Epatite C"

Epatite C
L'epatite C è una malattia del fegato ed è la prima causa di malattie epatiche croniche nel mondo.
Epatite C in gravidanza
L'epatite C è provocata da un virus che è trasmesso attraverso il sangue o i rapporti sessuali, ma il contagio perinatale non è frequente.
Fondazione "Amici della Epatologia"
Una associazione ONLUS per i genitori ed i medici.
Epatite C
Il contagio con l'epatite C avviene attraverso il contatto con sangue infetto: trasfusioni, siringhe, medicazioni, e il contagio sessuale.
Puntura accidentale con una siringa abbandonata
Mio figlio di sei anni ha giocato con l'ago di una siringa usata. Vorrei informazioni sul contagio da siringhe infette.
Epatite C
Il virus dell'epatite C si trasmette attraverso il sangue, ma non sono stati segnalati casi di contagio avvenuto per via alimentare.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Le crisi di collera
Le crisi di collera sono un modo impulsivo col quale il bambino esprime la rabbia. Occorre insegnargli ad esprimere il suo disagio attraverso modi appropriati.
Morso incrociato
Il morso incrociato è un'anomalia per la quale i denti superiori cadono, nel contatto occlusale, internamente rispetto agli inferiori.
Quando iniziare lo svezzamento in caso di allattamento al seno?
Iniziare lo svezzamento a sei mesi o continuare con il solo allattamento al seno? I consigli del Pediatra nutrizionista.
Fotografare un neonato con il flash
Non esiste alcuna ragione per temere effetti negativi da flash di una macchina fotografica.
La parotite
La parotite è una malattia virale, trasmessa mediante le goccioline di saliva. Il periodo di incubazione della malattia è in genere compreso fra 14 e 21 giorni.

Quiz della settimana

Che cos'è un antigene?
Una sostanza che, introdotta in un organismo, induce una risposta immunitaria
Una cellula in grado di fagocitare le particelle estranee all'organismo
Una cellula che produce le proteine necessarie alla difesa dell'organismo
Un sinonimo di anticorpo