ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Trauma cranico nel bambino

Il trauma cranico è tra i più frequenti motivi d'accesso al Pronto Soccorso Pediatrico. Fondamentale è la valutazione della dinamica del trauma.

a cura di: Dott. Giancarlo Gallone (pediatra)

Vorrei sapere, dai pediatri dello Staff, in quali casi è necessario portare un bimbo al pronto soccorso a seguito di caduta ed inoltre se, quando si formano un bernoccolo o un piccolo ematoma visibile e quasi immediato, non c' è da preoccuparsi. Sottolineo che mio figlio ha un anno ed ha già sperimentato cadute di tutti i generi, compreso dal passeggino, dal divano, ecc.

Il trauma cranico è tra i più frequenti motivi d'accesso al Pronto Soccorso Pediatrico, perché è difficile per un genitore stabilire i criteri necessari per una visita urgente. L'entità del trauma cranico è per fortuna per lo più lieve in oltre l’80% dei casi: solo tre volte su 100 è un trauma cranico grave. Nelle forme gravi o moderate è indubbio che sia necessario ricorrere al Pronto Soccorso con l'ovvia ospedalizzazione. E' proprio la gestione e l'approccio al trauma cranico minore quello che presenta controversie fra i medici e maggiori disparità di comportamento, con ricoveri ed esami spesso inutili dettati dal rischio di possibile evolutività del trauma e da risvolti medico legali.

Cercherò di dare alcuni suggerimenti desunti dal protocollo sul trauma cranico elaborato dal Gruppo di Studio di Medicina d' Urgenza Pediatrica della Società Italiana di Pediatria.

Fondamentale è la valutazione delle circostanze e della dinamica del trauma: è intuitivo capire che l'impatto della caduta da una altezza compresa fra i 30-40 centimetri e il metro, specie contro una superficie elastica o ammortizzante, non sia uguale a quello verificatosi da una altezza superiore, su una superficie dura e/o irregolare o in seguito ad incidente stradale. Ogni incidente stradale ha una dinamica potenzialmente importante. Un vomito immediatamente dopo la caduta è l'espressione dell'evento stesso quindi non preoccupante; se invece avviene a distanza di qualche ora potrebbe essere il segno di una compromissione neurologica.

Il bernoccolo e il piccolo ematoma non sono e non devono essere oggetto di preoccupazione. In relazione alla dinamica dell'accaduto e in base allo stato di salute precedente del bambino (non presenza di difetti della coagulazione del sangue che possono aumentare il rischio di emorragia) se il bambino sta bene possiamo evitare di recarci al Pronto Soccorso. Tenerlo in "osservazione" ed applicare la borsa del ghiaccio se il "bernoccolo" è considerevole sono le prime cose da fare, non forzare l' alimentazione e somministrare una dieta leggera (per i lattanti è indifferente), non spaventarsi se il bambino si addormenta. Valutare con attenzione un sonno innaturalmente prolungato o una certa difficoltà ai tentativi di risveglio: questi sono segni che devono indurre i genitori a recarsi con urgenza al Pronto Soccorso.

Un controllo immediato è assolutamente necessario in caso di:

  • Mal di testa forte e persistente
  • Vomito ripetuto
  • Difficoltà a mantenere l'equilibrio
  • Disturbi della vista Incapacità di fissare con lo sguardo oggetti e/o persone
  • Pianto continuo e lamentoso
  • Disturbi del comportamento Il bambino presenta braccia e gambe "molli".

Questi pochi ma preziosi consigli possono consentire ad un genitore di gestire con una certa tranquillità un trauma cranico minore e rivolgersi immediatamente al Pronto Soccorso in situazione motivata di sospetta complicanza.

9/10/2000

25/12/2015

I commenti dei lettori

mia figlia 3 anni è caduta dal letto a castello, ha sbattuto la fronte sopra l'occhio alla attaccaura dei capelli, nn ha avuto sintomi strani. la notte seguente ha avuto febbre, premetto che aveva gia tosse e raffrddore prima dell'urto.la febbre puo dipendere dalla caduta? xhe dopo 7 gg presenta ancora il bernoccolo?

eleonora (LC) 14/01/2012

mia figlia di 3 anni è caduta sbattendo la testa a terra; non un bernoccolo, non si è rotta la testa, solo spavento e pianto; abbiamo applicato subito del ghiaccio...la cosa che ci preoccupa è che, premetto che già prima quando deve parlare, a inizio frase balbetta un pò...e come se fosse che da quel giorno la cosa si sia aggravata..può essere possibile questo fatto?..o è una tappa del linguaggio dei bimbi il fatto che balbetti?..grazie e cordiali saluti

carmine (FG) 26/08/2012

io sono un padre da 10 mesi e oggi ho avuto la mia prima esperienza. mia figlia è caduta dal passeggino non si è fatta niente ma tanta paura.

tony (TO) 15/10/2012

sono una mamma di un bimbo di quasi sette mesi (li fa il 19 marzo) è un bimbo molto vispo e ieri è caduto a terra supino dalla lavatrice, un pò di pianto poi come se niente fosse ha giocato e mangiato senza problemi. ho preso una gran paura.

silvia (FE) 14/03/2013

Salve a tutti, Sono un papà di due gemelli di 45 giorni. Ieri si è sganciato l' ovetto ed è caduto uno di loro....fortunatamente ha rimbalzato sul fondo elastico del carrozzino e poi a toccato terra ...vi lascio immaginare la paura. Fortunatamente non ha apportato ne segni ne altro e dopo aver passato la notte e aver visto che sta bene e reagisce nelle normalità mi sto tranquillizzando...... Vi posso dire che la prima cosa è la calma, vi aiuterà a non reagire troppo d' istinto e non farvi prendere dal panico, se non ci riuscite in quel momento chiedete se vi è possibile un aiuto da una persona che vi è vicina.....

sandro (NA) 21/07/2013

mio figlio di quasi 4 anni stasera ha battuto violentemente la fronte lanciandosi dal divano. si è subito gonfiato enormemente con livido. ho messo il ghiaccio e l'irudoid. solo che si è addormentato poco dopo ma era l'ora della nanna. sono preoccupata. lo sto monitorando mentre dorme. ho paura di un trauma cranico.

annamaria (TA) 27/08/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Trauma cranico nel bambino"

Trauma cranico in un neonato
Cosa fare se un neonato picchia la testa cadendo da un fasciatoio? Rischia un trauma cranico?
Trauma cranico: cosa fare quando un bambino sbatte la testa
Come gestire il trauma cranico. Non è sempre necessario portarlo in ospedale.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattare quando riprende il ciclo?
La ripresa del ciclo non incide nell'allattamento. Sfatiamo alcune dicerie che talvolta capita di sentire.
Beclometasone dipropionato
Il principio farmacologico denominato beclometasone dipropionato appartiene alla classe dei farmaci corticosteroidi topici per uso inalatorio.
È troppo attaccata alla mamma
Il distacco dalla mamma è sempre un problema per ogni bambino. Ecco i consigli su come affrontare questo passaggio della vita.
Come si sviluppa la vista nei neonati
Cosa vede il neonato? Come si trasforma e si sviluppa la vista dei neonati nel primo anno di vita.
Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno si prepara per l'allattamento. Il seno diventa più sodo e più grosso.

Quiz della settimana

Che cosa fare in caso di perdita di sangue dal naso?
piegare la testa il piu' possibile all'indietro
comprimere la parte ossea del naso
riempire le narici di cotone per arrestare l'emorragia
nessuna delle risposte e' corretta