ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Trauma da dente da latte

In caso di trauma da dente da latte è necessario praticare il reimpianto perché la presenza dell'elemento dentale è importante per l'accrescimento osseo.

a cura di: Dott. Gabriele Floria (odontoiatra, protesista dentale e specialista in ortognatodonzia)

Il mio bambino di 15 mesi è caduto ed ha perso il dente incisivo superiore (il dente è stato ritrovato, completo della radice). Il dentista interpellato ci ha consigliato di aspettare i 2 anni del bambino, per verificare lo spazio disponibile per il successivo dente permanente ed eventualmente a quell'età mettergli un apparecchio. E' corretto questo? Ed è vero che non ci dovrebbero essere problemi sul germe del dente permanente?

Il trattamento di scelta nel caso di un avulsione traumatica di un elemento dentale completo di radice sarebbe il reimpianto nell'alveolo, tuttavia questo richiede determinate accortezze ed una preparazione specifica nel trattamento di queste piccole emergenze nei bambini. Inoltre esistono condizioni che talvolta sconsigliano l'attuazione di tale metodica.

Elemento fondamentale è il tempo di permanenza extra-alveolare del dente che deve essere il più basso possibile perché questo pregiudica i risultati a distanza; quindi il comportamento da seguire dopo l'evento traumatico è quello di recuperare l'elemento avulso ed inserirlo subito in un liquido (latte, acqua o soluzione fisiologica), per evitare che si disidrati, avendo l' accortezza di non pulirlo ne tantomeno toccarlo per la radice.

Se le condizioni del piccolo paziente lo consentono (assenza di fratture alveolari), vale a dire se il bambino è trattabile dal punto di vista emotivo ed è collaborante, si può procedere al reimpianto del dente seguendo una specifica procedura che prevede l'asportazione della polpa e del nervo dall'interno del dente ed il suo riempimento con opportuno materiale.

ll dente poi verrà bloccato con un dispositivo ortodontico incollato che lo fissi nella sede opportuna ma che non risulti troppo rigido. Questa procedura è praticabile sia in dentatura permanente che in dentatura decidua (denti da latte). In seguito al reimpianto, se tutto va bene, il dente andrà in anchilosi parziale o totale, vale a dire si assisterà ad una fusione della radice dentale nell'osso circostante dopo di che inizierà il lento riassorbimento della radice che porterà alla perdita del dente nel giro di qualche anno.

Ma nel caso di un dente da latte ha senso praticare il reimpianto dal momento che sarebbe destinato comunque a cadere anche in assenza di trauma? Certamente, perché la presenza dell'elemento dentale è importante per l'accrescimento osseo di quel settore anteriore della bocca e deve essere praticato quando la radice dentale è integra ed il riassorbimento fisiologico (rizalisi) non ancora iniziato, perché la presenza dell'elemento dentale è importante per l'accrescimento osseo di quel settore anteriore della bocca. In questo caso specifico il bambino è molto piccolo e quindi tutta la procedura risulta difficoltosa.

Condivido la necessità di controllare il rischio di chiusura degli spazi, ma attendendo un'età alla quale sia applicabile un dispositivo ortodontico. Circa i danni al dente permanente, non conosco le modalità del trauma ma l'età alla quale si è verificato è piuttosto critica perché il contatto tra la radice del dente avulso e la gemma del permanente può causare delle anomalie di struttura e/o di posizione e di eruzione a quest'ultimo.

1/5/1998

4/5/2015

I commenti dei lettori

All'età di 4 mesi mia figlia è caduta dal seggiolone in modo inspiegabile. Cadendo evidentemente deve aver subito un trauma all'incisivo superiore che ancora doveva spuntare, perchè quando all'età di 6 mesi è spuntato, dopo poco ha iniziato a cambiare colore virando su un rosa chiarissimo. Nei mesi successivi mordendo un gioco il dentino si è spezzato a mezzaluna lasciando un moncherino appuntito che con tempo ha scurito sul bordo. Il dentino quindi si presentava poco saldo nella sua sede. Inoltre una piccola vescicola a iniziato a formarsi in tempi alterni sulla gengiva. Il dentista di fiducia disse che non vi era da fare nessun intervento e di disinfettare la vescicola, attendendo che venisse sostituito dal dente permanente. Oggi all'età di anni 5 e mezzo improvvisamante si è presentato in modo molto evidente sottopelle della gengiva il dente permanente di grandi dimensioni. Vedendo che questo tende a spuntare dalal gengiva in alto in posizione anomala, ho chieso al dentista se sarebbe il caso di togliere il dente deciduo ormai evidentemente "morto". Rispota negativa, il dente deciduo va lasciato per segnare la strada del definitivo. Sono perplesso perchè il nuovo dente sta spuntando decisamente in alto e di grandi dimensioni, andando sopra sia il deciduo danneggiato sia sopra l'altro incisivo sano. Credete che sia da intervenire in altro modo?

fabio (LI) 09/04/2011

Mia figlia di soli nove mesi ha avuto un incidente mordendo il seggiolone mentre io stavo sistemando la seggiolina e purtroppo ha perso un incisivo inferiore che non aveva ancora nemmeno la radice completemente formata. Il mio dentista mi ha detto che, data la perdita del dente così prematura, forse il permanente non nascerà affatto poichè il germe deriva dalla radice del deciduo. Sarà una cosa tanto grave? Quanto sarà compromessa la sua bocca? Da quando è successo non mi do pace! Grazie

Barbara (PI) 25/05/2011

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Trauma da dente da latte"

Ha nove incisivi invece di otto
Il quinto incisivo deciduo inferiore è un'anomalia non rarissima e può anche ripresentarsi nella dentatura permanente.
La dentizione nel bambino piccolo
La dentizione nel bambino piccolo: i denti da latte si formano già in gravidanza, sotto le gengive. I denti spuntano secondo un calendario abbastanza regolare.
Un dente da latte giallastro
Ha i denti da latte gialli. Che cosa si può fare per curare o prevenire tale situazione? I consigli dell'odontoiatra.
La carie da biberon
La carie da biberon è indotta dall'uso scorretto del biberon. Riguarda la fascia dei bambini di età compresa fra 1 e 4 anni.
Ordine di eruzione dei denti
I denti da latte di mia figlia non stanno seguendo l'ordine normale di eruzione. Si raccomanda una visita da un collega ortodontista all'età di 4-5 anni.
Pulire i dentini da latte
Bisogna pulire i dentini da latte. I dentini da latte sono denti a tutti gli effetti e vanno assolutamente tenuti puliti.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cisti smegmatiche
Le cisti smegmatiche sono piccole sacche di grasso sotto la pelle del prepuzio che si risolvono da sole.
Pressione bassa nel bambino
Mio figlio di 10 anni soffre di pressione bassa. Da che cosa può dipendere? Se l'alimentazione è varia, non sono necessari gli integratori.
Test di Coombs in gravidanza. Se positivo, che rischi ci sono?
Il Test di Coombs in gravidanza, se positivo, indica l'incompatibilità di sangue fra mamma e figlio. Leggi cosa fare e che rischi ci sono per il bambino.
Contraccezione durante l'allattamento
La contraccezione durante l'allattamento è necessaria se si desidera evitare una nuova gravidanza a pochi mesi dal parto.
La prima colazione del bambino
E' indispensabile che il bambino faccia una buona colazione. La prima colazione deve coprire il 15-20% dell'apporto calorico giornaliero.

Quiz della settimana

Secondo il calendario vaccinale in vigore in Italia, il vaccino antipoliomielite:
viene somministrato per via intramuscolare
viene somministrato per via orale
viene somministrato prima per via intramuscolare e poi per via orale nei richiami successivi
non viene più somministrato perché la malattia è ormai scomparsa