ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Troppi antibiotici?

L'uso ripetuto di antibiotici non è dannoso, se rapportato alle malattie per le quali il farmaco è stato dato. E' meglio ripetere spesso un antibiotico piuttosto che ripetere una otite e non curarla.

La mia bambina ha tre anni e mezzo e ormai si ammalata cosi di frequente che non so più cosa si possa fare. Ho dovuto operarla di adenoidi e tonsille circa tre mesi fa e speravo che le cose migliorassero, ma non è stato cosi: le infezioni adesso sono di natura catarrale. Il mio pediatra, poi, non è di quelli che si tirano indietro nel prescrivere medicine e così l'uso di antibiotici è diventato abbastanza frequente. Quali possono essere i danni, se ce ne sono di gravi, che possono procurare gli antibiotici se dati di frequente a bambini cosi piccoli?

In sostanza, si può dire che l'uso anche ripetuto di antibiotici non è dannoso, se rapportato alle malattie per le quali il farmaco è stato dato. In altre parole, è certamente meglio ripetere spesso un antibiotico piuttosto che ripetere spesso una otite e non curarla.

L'uso dei comuni antibiotici ad ampio spettro di prima scelta (penicilline, cefalosporine, macrolidi), anche prolungato o ripetuto frequentemente, normalmente non comporta problemi, eccetto forse un po' di diarrea, e non richiede nessuna integrazione di vitamine o ricostituenti.

Diverso è il discorso per alcuni farmaci di uso particolare (aminoglicosidi, tetracicline, anti-tubercolari), che effettivamente determinano conseguenze dannose se utilizzati per periodi prolungati o ad alte dosi: tali farmaci, tuttavia, hanno indicazioni particolari e assolutamente non costituiscono la prima scelta in caso di infezioni respiratorie ricorrenti nel bambino.

Molti dei timori che abbiamo sugli antibiotici sono legati alle esperienze dei medici dei decenni passati, che avevano a disposizione solo farmaci molto potenti e quindi anche dannosi; i loro avvertimenti e la loro prudenza hanno insegnato alle nostre mamme ad avere "paura dell'antibiotico". Adesso non è più così.

Detto questo, ovviamente la valutazione dell'opportunità di una terapia antibiotica deve essere affidata al suo Pediatra, che caso per caso distinguerà fra una forma presumibilmente batterica (da trattare) ed una forma presumibilmente virale (a risoluzione spontanea).

1/1/1997

3/4/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Troppi antibiotici?"

Come si prepara una sospensione
La sospensione è il modo classico di presentare un antibiotico ai bambini. pararla. Come prepararlo in modo corretto.
Lidocaina e solvente dell'antibiotico
L'idocaina è un anestetico locale ampiamente usato per le iniezioni intramuscolari di vari tipi di antibiotici.
Impetigine
L'impetigine è una comune infezione della pelle, causata da germi quali lo Streptococco e lo Stafilococco.
Antibiotico e dermatite da pannolino
La terapia antibiotica può determinare problemi intestinali e provocare la dermatite da pannolino.
Che cosa fare in caso di ferite?
Le lesioni cutanee possono essere ferite conseguenti a traumi da caduta o da oggetti contundenti.
Eczema atopico infetto
L'eczema atopico infetto non è una malattia contagiosa. E' una complicazione della dermatite atopica. Le cure e la terapia.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Idronefrosi
L'idronefrosi congenita è una dilatazione del pelvi renale e dei calici renali dovuta ad una anomalia congenita della giunzione tra il rene e l'uretere.
Speciale: l'ABC del nasino sano
Quasi tutti i piccoli e grandi malanni dei nostri piccoli iniziano dal naso. Trattiamolo con cura.
Stitichezza o stipsi nei bambini
Le cause di stitichezza si possono riassumere in stipsi da squilibri alimentari e la stipsi da ritenzione volontaria. Cosa fare in caso di stitichezza.
E' nata con solo un rene
E' nata con solo un rene. Da un'ecografia risultano numerose aree di ipofissazione riconducibili probabilmente a forme cistiche o displasiche.
Quando iniziare lo svezzamento in caso di allattamento al seno?
Iniziare lo svezzamento a sei mesi o continuare con il solo allattamento al seno? I consigli del Pediatra nutrizionista.

Quiz della settimana

Lo scorbuto è una malattia causata dalla carenza di una vitamina. Quale?
Vitamina A
Vitamina C
Vitamina E
Vitamina K