ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Troppi antibiotici?

L'uso ripetuto di antibiotici non è dannoso, se rapportato alle malattie per le quali il farmaco è stato dato. E' meglio ripetere spesso un antibiotico piuttosto che ripetere una otite e non curarla.

La mia bambina ha tre anni e mezzo e ormai si ammalata cosi di frequente che non so più cosa si possa fare. Ho dovuto operarla di adenoidi e tonsille circa tre mesi fa e speravo che le cose migliorassero, ma non è stato cosi: le infezioni adesso sono di natura catarrale. Il mio pediatra, poi, non è di quelli che si tirano indietro nel prescrivere medicine e così l'uso di antibiotici è diventato abbastanza frequente. Quali possono essere i danni, se ce ne sono di gravi, che possono procurare gli antibiotici se dati di frequente a bambini cosi piccoli?

In sostanza, si può dire che l'uso anche ripetuto di antibiotici non è dannoso, se rapportato alle malattie per le quali il farmaco è stato dato. In altre parole, è certamente meglio ripetere spesso un antibiotico piuttosto che ripetere spesso una otite e non curarla.

L'uso dei comuni antibiotici ad ampio spettro di prima scelta (penicilline, cefalosporine, macrolidi), anche prolungato o ripetuto frequentemente, normalmente non comporta problemi, eccetto forse un po' di diarrea, e non richiede nessuna integrazione di vitamine o ricostituenti.

Diverso è il discorso per alcuni farmaci di uso particolare (aminoglicosidi, tetracicline, anti-tubercolari), che effettivamente determinano conseguenze dannose se utilizzati per periodi prolungati o ad alte dosi: tali farmaci, tuttavia, hanno indicazioni particolari e assolutamente non costituiscono la prima scelta in caso di infezioni respiratorie ricorrenti nel bambino.

Molti dei timori che abbiamo sugli antibiotici sono legati alle esperienze dei medici dei decenni passati, che avevano a disposizione solo farmaci molto potenti e quindi anche dannosi; i loro avvertimenti e la loro prudenza hanno insegnato alle nostre mamme ad avere "paura dell'antibiotico". Adesso non è più così.

Detto questo, ovviamente la valutazione dell'opportunità di una terapia antibiotica deve essere affidata al suo Pediatra, che caso per caso distinguerà fra una forma presumibilmente batterica (da trattare) ed una forma presumibilmente virale (a risoluzione spontanea).

1/1/1997

3/4/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Troppi antibiotici?"

Dare vitamine con l'antibiotico?
Dare vitamine con l'antibiotico è una vecchia ed inutile abitudine.
Otiti ricorrenti
Le otiti sono infezioni acute dell'orecchio che possono essere ricorrenti nei bambini piccoli.
Tonsilliti
In tre mesi ha già avuto quattro tonsilliti. È consigliabile l'intervento chirurgico? La prevenzione consiste nel somministrare antibiotici di copertura.
Antibiotico e dermatite da pannolino
La terapia antibiotica può determinare problemi intestinali e provocare la dermatite da pannolino.
Polmonite atipica
La polmonite atipica o da Mycoplasma è causata da un microrganismo che è una via di mezzo tra un batterio ed un virus.
A quattro mesi ha già fatto tre cicli di antibiotico
Come possiamo aiutarla ad espellere il catarro? Ci sono in commercio gocce per liberare meglio il nasino?
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Insonnia in gravidanza
Dal quinto mese di gravidanza in poi un po' di insonnia è normale. Che fare? I consigli dell'esperto.
Lo sviluppo motorio nel primo anno di vita
Esiste una grande variabilità nei tempi oltre che nelle modalità dello sviluppo motorio nel primo anno di vita.
Un elettrocardiogramma per tutti i neonati
Una proposta per prevenire le morti in culla.
Attaccamento alla mamma e rifiuto dell'estraneo
Ha un forte attaccamento alla mamma. La mamma deve mediare le risposte emotive del suo bambino e ampliarne le esperienze verso l'esterno.
Ha la fontanella pulsante
Ha la fontanella pulsante perché i capelli in corrispondenza della fontanella si alzano e si abbassano ritmicamente.

Quiz della settimana

Che cosa è l'ambliopia?
Una particolare forma di zoppia
Il mancato o diminuito sviluppo della capacità visiva da uno o entrambi gli occhi
Una rara forma di strabismo che interessa alternativamente i due occhi
La difficoltà a vedere gli oggetti da lontano