ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Gli hanno diagnosticato ustioni di primo grado

Le ustioni sono uno degli incidenti domestici più frequenti. La valutazione dell'ustione dipende dall'estensione, dalla profondità, dalla sua localizzazione e dall'età del bambino.

a cura di: Dott. Giancarlo Gallone (pediatra)

Due mesi orsono il mio bimbo, di due anni e mezzo, si è rovesciato sul braccio ed in fronte del caffè bollente. Ho messo subito il braccio del piccolo sotto l'acqua fredda, ma la pelle si sollevava in enormi bolle. Al pronto soccorso hanno diagnosticato un'ustione di primo grado. Ora, a distanza di tempo, la ferita (estesa per circa 15 cm) è perfettamente guarita, ma è evidente una discromia: la pelle è molto più chiara di quella circostante. Vorrei sapere se con il tempo non si noterà più o rimarrà questa discromia? Se sì tra quanto tempo? In estate il piccolo potrà prendere il sole sul braccino ferito? C'è qualche pomata utile?

Cara signora, le ustioni sono uno degli incidenti domestici più frequenti, in particolar modo in età pediatrica. La valutazione dell'ustione dipende dall'estensione, dalla profondità, dalla sua localizzazione e dall'età del bambino: tutti questi parametri concorrono a definire la gravità dell'ustione, a definire il rischio di complicanze generali e a formulare una prognosi anche di tipo estetico e funzionale.

Nel caso specifico lei ha subito messo in atto un efficace accorgimento: quello di abbassare subito la temperatura locale e limitare le conseguenze. La discromia cutanea residua è la norma dopo tali eventi ma non deve creare preoccupazioni. Nel corso del tempo (in genere 6-12 mesi) la cute assumerà quasi completamente l'aspetto delle aree circostanti non essendo stato interessato lo strato più profondo dell'epidermide. Nel caso di esposizione al sole è consigliabile l'applicazione di creme solari ad alta protezione onde consentire la naturale pigmentazione che avverrà col passare del tempo.

26/5/2003

2/8/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Gli hanno diagnosticato ustioni di primo grado"

Ustione da raggi solari o da acqua calda
Il comportamento corretto da seguire in caso di ustione da raggi solari o da acqua calda.
Le ustioni
Le ustioni costituiscano in Italia, il 3-4% degli incidenti del bambino, in particolar modo nei primi anni di vita.
Bambini al sole, con prudenza!
Il sole è un amico dei bambini, basta usare delle piccole precauzioni. L'esposizione ai raggi solari può essere nociva: le regole da seguire.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Non vuole stare con suo papà
Mia figlia di 13 mesi vuole stare sempre con me e non con il suo papà. I consigli dello psicologo.
Punti neri sulla fronte
La terapia da seguire per l'eliminazione dei punti neri sulla fronte.
Quanti pasti deve fare un neonato?
Il numero dei pasti di un neonato è relativamente poco importante, purché la quantità di latte ingerito nella giornata sia normale.
Ha le piccole labbra attaccate
Mia figlia ha le piccole labbra con molte aderenze, tanto da essere quasi completamente attaccate.
I cereali nell'alimentazione del bambino
I cereali (frumento, mais, riso, orzo, avena, segale) nell'alimentazione del bambino rappresentano una buona fonte di energia.

Quiz della settimana

A che cosa serve la vitamina C?
Ha un'azione anti-ossidante
Favorisce l'assorbimento del ferro
Serve per produrre una sostanza chiamata collagene
Tutte le risposte sono esatte