ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

In aumento i casi di meningite?

Ho letto che sono in aumento i casi di meningite da pneumococco e meningococco. Devo far vaccinare mio figlio? I consigli del pediatra.

a cura di: Dott. Sergio Manieri (pediatria)

Ho letto che ultimamente sono in aumento i casi di meningite da pneumococco-meningococco e ho letto anche informazioni su queste malattie e suoi rimedi. Mi chiedevo se fosse il caso far vaccinare il mio bimbo anche se, pur avendo 19 mesi, non frequenta comunità (solo occasionalmente incontra bimbi al parco o il vicino di casa) e se è necessario farlo vaccinare cominciando ad andare a scuola a tre anni.

Le meningiti, generalmente, sono causate da virus o da batteri. Le prime, pur essendo più frequenti, sono generalmente meno gravi di quelle batteriche; quest'ultime, nonostante siano più rare, sono potenzialmente più gravi. I microrganismi responsabili della maggior parte delle meningiti batteriche nel bambino sono tre batteri:

  • Haemophilus influenzae di tipo b (Emofilo)
  • Neisseria meningitidis (Meningococco)
  • Streptococcus pneumoniae (Pneumococco)

In Italia, dal 1994 (anno in cui sono iniziate, a scopo di sorveglianza epidemiologica, le segnalazione di meningiti da parte di ASL e Direzioni Ospedaliere) a tutt'oggi il patogeno più frequentemente identificato è stato lo Pneumococco, seguito a breve distanza dal Meningococco ed infine dall'Emofilo. Tuttavia, la distribuzione dei tre principali tipi di meningite è notevolmente diversa a seconda del gruppo di età considerati.

Infatti, per quanto riguarda le meningiti da Pneumococco l'età media dei casi colpiti è maggiore rispetto sia all'Emofilo sia al Meningococco, ed in particolare solo una piccola parte dei casi si verificano in bambini al di sotto dei cinque anni. Viceversa, almeno un terzo dei casi di meningite da Meningococco si verificano in bambini al di sotto dei cinque anni e sono dovute più frequentemente al sierogruppo B, che però ha un andamento meno grave, mentre il sierogruppo C, pur essendo meno frequente, presenta un tasso di mortalità molto più elevato. Infine, per quanto riguarda le meningiti da Emofilo si osserva una significativa riduzione dei casi segnalati, sicuramente in relazione alla vaccinazione introdotta già da qualche anno.

Fatte queste considerazioni, se ne deduce che nei piccoli bambini il pericolo maggiore è attualmente rappresentato dal Meningococco, per il quale da tempo si avvertiva la necessità di un vaccino sufficientemente immunogeno e sicuro. In effetti il Meningococco, da quando è stata introdotta la vaccinazione contro l'Emofilo, è diventato il principale agente patogeno delle meningiti nel bambino. Fino a poco tempo fa i vaccini meningococcici non potevano essere utilizzati nei bambini più piccoli a causa della loro scarsa immunogenicità. Da qualche tempo, invece, è in commercio anche in Italia un nuovo tipo di vaccino coniugato contro il sierogruppo C del Meningococco che è altamente immunogeno, e quindi efficace e sicuro, e duraturo.

Questo vaccino è usato già da parecchi annui in Gran Bretagna dove si è dimostrato molto efficace nel prevenire la malattia; infatti, in quel Paese, nella fascia di età inferiore a cinque anni, si è registrata una riduzione dei casi di malattia pari all'88.5%. In conclusione, esiste oggi la possibilità di un vaccino sicuro contro il battere più frequentemente in causa nelle meningiti dei bambini al di sotto di cinque anni ed il suo utilizzo è senz'altro auspicato e sollecitato.

Ovviamente, la decisione di praticarlo non può dipendere dal generico rischio di contagio relativo alla frequenza di comunità infantili, in quanto lo scopo del vaccino è quello di potenziare le difese immunitarie, e di prevenire l'insorgenza di malattia, il più precocemente possibile, proprio in previsione di successivi comportamenti rischiosi quale può essere l'ingresso all'asilo od alla scuola materna.

29/11/2002

7/11/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "In aumento i casi di meningite?"

Il vaccino contro il pneumococco
Il vaccino contro il pneumococco è efficace anche in bambini al di sotto dei due anni, e può essere somministrato in concomitanza alle altre vaccinazioni.
Vaccino anti-menigococco: diversi tipi
La vaccinazione costituisce per l'organismo un'efficace arma di difesa contro i microorganismi patogeni.
Vaccinazione contro lo pneumococco
Attualmente esistono due tipi di vaccini contro lo pneumococco. Il vaccino si somministra per via intramuscolare.
Il vaccino anti-pneumococco
Mi hanno consigliato di fare il nuovo vaccino anti-pneumococco. Vorrei sapere quali sono i rischi e se ne vale la pena.
Quanto dura nel tempo la protezione di un vaccino?
L'immunità contro alcune malattie come Tetano e Difterite è sicuramente molto duratura. Anche se con il passare del tempo il titolo anticorpale diminuisce.
Il vaccino contro la meningite da meningococco C
Questo vaccino agisce contro uno dei ceppi batterici responsabili della meningite, il meningococco C.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Insonnia in gravidanza
Dal quinto mese di gravidanza in poi un po' di insonnia è normale. Che fare? I consigli dell'esperto.
Lo sviluppo motorio nel primo anno di vita
Esiste una grande variabilità nei tempi oltre che nelle modalità dello sviluppo motorio nel primo anno di vita.
Un elettrocardiogramma per tutti i neonati
Una proposta per prevenire le morti in culla.
Attaccamento alla mamma e rifiuto dell'estraneo
Ha un forte attaccamento alla mamma. La mamma deve mediare le risposte emotive del suo bambino e ampliarne le esperienze verso l'esterno.
Ha la fontanella pulsante
Ha la fontanella pulsante perché i capelli in corrispondenza della fontanella si alzano e si abbassano ritmicamente.

Quiz della settimana

Che cosa è l'ambliopia?
Una particolare forma di zoppia
Il mancato o diminuito sviluppo della capacità visiva da uno o entrambi gli occhi
Una rara forma di strabismo che interessa alternativamente i due occhi
La difficoltà a vedere gli oggetti da lontano