ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

La varicella in un bambino di sette mesi

la varicella è una malattia veramente grave nel neonato (primi giorni di vita).

a cura di: Dott. Ezio Sartori (pediatra)

Quando è pericolosa la varicella? La varicella per un bambino di sette mesi e mezzo è pericolosa? È consigliabile fare una terapia preventiva con… (N.d.R.: nome commerciale dell'Aciclovir), iniziando in nona giornata dal giorno del potenziale contagio?

Caro genitore, la varicella è una malattia veramente grave nel neonato (primi giorni di vita) e può rappresentare un pericolo anche nelle età successive a causa delle sue complicazioni. Le infezioni batteriche delle ossa e/o delle articolazioni ed i fenomeni infiammatori del sistema nervoso centrale (soprattutto del cervelletto che controlla l'equilibrio e la precisione dei nostri movimenti) rappresentano le complicazioni più importanti.

Uno studio statistico ha dimostrato che su 100.000 bambini che si ammalano di varicella, 8,5 presentano una delle complicazioni più importanti.

Quali sono i bambini che più facilmente corrono il rischio di presentare una malattia più grave o una complicazione importante? Ovviamente i bambini che hanno un carente sistema di difesa dalle infezioni (deficit immunitario), quelli che contraggono la varicella durante una grave malattia, quelli che sono in cura con alcuni farmaci e poi quelli di una certa età: i bambini di due o tre mesi e comunque quelli che ancora non hanno compiuto il loro primo compleanno, così come gli adolescenti, presentano generalmente una forma più importante di varicella e più facilmente vanno incontro a complicazioni.

Per rispondere alla sua seconda domanda devo solo confermare che la prevenzione della varicella attuata dando un farmaco antivirale (lo stesso che viene usato per la cura della malattia quando necessario) in nona giornata dal presunto contagio corrisponde ad una delle possibili strategie ritenute efficace in base ai dati disponibili in letteratura. La ringrazio della interessante domanda e le invio cordiali saluti.

2/12/2003

3/1/2018

I commenti dei lettori

il mio bimbo, Gabriele, ha contratto la varicella da sua sorella e ha manifestato le prime pustole a 23 giorni di vita, essendo sabato sera ci siamo recati in pronto soccorso e li ci hanno ricoverato per tre notti con acyclovir in flebo, quando ci hanno dimesso la terapia è continuata a casa, per fortuna è andato tutto bene ma che spavento soprattutto quando in sede di ricovero ci hanno parlato delle possibili complicanze per un bimbo così piccolo e di un probabile ricovero di almeno una settimana, poi il decorso è stato positivo e così dopo tre notti ci hanno lasciati andare a casa con controllo programmato dopo una settimana, devo dire che in ospedale sono stati gentili e professionali, una bella esperienza nonostante la malattia, siamo stati fortunati. Ilaria

ilaria (BO) 05/11/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "La varicella in un bambino di sette mesi"

Aciclovir
Mia figlia di due anni ha la varicella. Mi hanno consigliato una terapia, utilizzando aciclovir, per la sorellina.
Profilassi e terapia per la varicella
Non sempre è necessario sottoporre il bambino contagiato dalla varicella ad una profilassi.
Atassia cerebellare dopo vaccinazione antimorbillo-rosolia-parotite
Ha sofferto di una atassia cerebellare benigna post vaccino morbillo-rosolia-parotite.
Varicella nei bambini
La varicella nei bambini: come fare per alleviare i sintomi, il classico prurito e cosa fare in caso di febbre.
Varicella nella mamma che allatta
La mamma ha preso la varicella: quali rischi corre il neonato? Può servire allontanarlo dalla famiglia per evitargli la varicella? I consigli del Pediatra.
La mamma ha la varicella
Se la mamma ha la varicella anche il neonato rischia di prenderla. Si consiglia di iniziare un trattamento con aciclovir.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Analisi preventive per una bambina di un anno
Gli esami andrebbero prescritti non per controllare se una bimbina sta bene, ma per cercare conferma a seguito di un sospetto clinico fondato e motivato.
Bambini, adolescenti e social network
I social network sono uno strumento per favorire lo scambio di informazioni e la conoscenza reciproca. E' necessario un attento controllo da parte dei genitori.
Ittero del neonato o ittero neonatale
Ittero neonatale (del neonato): l'eccesso di bilirubina ha varie cause e conseguenze anche gravi, per cui si cura con la fototerapia.
Fecondazione: come avviene
Ecco come avviene la fecondazione: in una "gara" fra spermatozoi per la fecondazione dell'ovulo l'inizio della vita.
La crescita del bambino
Il pediatra, per controllare se la crescita e lo sviluppo procedono regolarmente, confronta le misure del bambino con tabelle standardizzate.

Quiz della settimana

Secondo il calendario vaccinale in vigore in Italia, il vaccino antipoliomielite:
viene somministrato per via intramuscolare
viene somministrato per via orale
viene somministrato prima per via intramuscolare e poi per via orale nei richiami successivi
non viene più somministrato perché la malattia è ormai scomparsa